Denunci uno stupro? ti costringono ad abbandonare la scuola

kubrick-stupro

In Italia sono il 92% le donne che non denunciano lo stupro principalmente per paura di ritorsioni, di non essere credute e di essere giudicate sulla propria sfera sessuale.

Capita però che qualcuna trova il coraggio di farlo e invece che avere solidarietà  viene sbugiardata, riceve insulti, minacce e ritorsioni. E’ successo a Marinella insultata e minacciata da tutta Montalto di Castro e costretta con la sua famiglia ad abbandonare il paese. E’ successo anche ad Annamaria Scarfò che trovò il coraggio di denunciare anni di stupri subiti da gran parte del paese e ora vive in una località protetta sotto scorta in quanto tutto il paese la perseguitava affinché ritirasse la denuncia e all’avvocato di Rosa, la ventenne violentata e torturata in una discoteca di Pizzoli (AQ).

E’ successo ancora in questi giorni, quando una ragazzina ha trovato il coraggio di sconfiggere la vergogna e di denunciare alcuni suoi compagni per averla molestata pesantemente. Nemmeno il preside l’ha creduta e sostiene che il fatto non sussisteva e che non sia poi così grave.

Non è così grave costringere una compagna di classe ad un rapporto orale che stava anche per degenerare in altro?

Ora la ragazzina è stata costretta ad abbandonare i suoi sogni, a rinunciare alla scuola perché dopo la denuncia ha cominciato a ricevere messaggi minatori. Insulti, minacce di ogni tipo: «La pagherai, hai rovinato la loro vita», «sei un’infame ». Questi alcuni degli sms ricevuti, solo per aver messo fine a mesi e mesi di molestie che non riusciva a denunciare per vergogna.

«La ragazza non sta bene, ha abbandonato la scuola e continua a ricevere sms di insulti e minacce […] deve superare lo choc della violenza e non è facile anche perché insistono a fargliene altre» sostiene Maria Teresa Bergamaschi, l’avvocato che difende la studentessa sedicenne vittima degli abusi sessuali commessi da altri quattro coetanei del Migliorini di Finale Ligure.
Le molestie nei suoi confronti duravano da settimane e nel pomeriggio del 31 gennaio sarebbero degenerate in vere e proprie violenze sessuali, avvenute in uno degli spogliatoi della scuola.

E questo accade nel nostro Paese e non in un villaggio dell’India, dove chi viene stuprata viene ripudiata e allontanata dalla società. Qui siamo in Italia eppure una ragazza o una donna che denuncia uno stupro viene isolata, presa di mira e insultata perché non ha scelto il silenzio.

Se la vita di una donna viene rovinata poco importa, le donne sono inferiori. Siamo nel Paese dove il diritto allo stupro è forte e dove messaggi di questo tipo vengono incitati perfino da persone di politica contro le proprie colleghe.

Fino al ’96 nel codice penale non esisteva nemmeno il concetto di stupro. Lo stupro era reato contro la morale e non contro la persona. Il Codice Rocco, fino all’81, classificava i reati di violenza sessuale rispettivamente tra i “delitti contro la moralità pubblica e il buon costume” e distingueva la violenza carnale dagli atti di libidine violenti (quelli senza penetrazione).  L’articolo 544 c.p. ammetteva il “matrimonio riparatore”: secondo questo articolo del codice, l’accusato di delitti di violenza carnale, anche su minorenne, avrebbe avuto estinto il reato nel caso di matrimonio con la donna violentata. Questo perché la vittima, una volta persa la verginità veniva percepita come disonorata e la perdita dell’onore colpiva la sua famiglia. Il rischio di non potersi più sposare era altissimo.

Nel nostro Paese lo stupro viene legittimato e giustificato in ogni modo. Alimentando la “spirale del silenzio”, colpevolizzando la vittima di essere una provocatrice e di aver vestito in modo licenzioso, accusandola di essere consenziente e di esserselo inventato. Oppure sminuendo lo stupro, come ha fatto il preside.

A meno che lo stupratore non sia straniero, in Italia una donna violentata non avrà alcun tipo di giustizia né solidarietà. Se lo stupratore fa pare della “comunità” ed è parte del gruppo allora scatta questo meccanismo contro la vittima. Così si ribalta la situazione: la carnefice diventa lei e gli stupratori passano per le vittime. Il massimo che si sono beccati è stata una nota da parte degli insegnanti, roba da matti.

Per la ragazzina la condanna, il marchio è a vita e il divieto (da parte dei bulli) di tornare a scuola. Questo evidenzia il gap tra uomini e donne ancora presente nel nostro Paese. L’autodeterminazione che viene concessa agli uomini è talmente forte da venir legittimato perfino lo stupro.

In Italia il gap tra uomini e donne è talmente ampio che nella classifica realizzata dal World Economi Forum (global gender gap) figuriamo tra gli ultimi posti del mondo. Nelle famiglie già da bambini si apprendono i ruoli di genere. I maschi si devono comportare in un certo modo e le femmine in un altro.

Dai maschietti ci si aspetta che non crescano efemminati e se sono un po’ prepotenti la famiglia attribuiscono questo come una caratteristica dell’essere maschio, l’uomo che non deve chiedere mai. I padri insegnano ai maschietti che devono manifestare molto interesse sessuale verso le ragazze per non passare per omosessuali e che per non passare per femminucce non devono piangere e pertanto alcuni cresceranno con un’anestesia emotiva che è irreparabile. Le madri insegnano loro che i compiti domestici spettano alle femmine, comportandosi da chiocce. Le femminucce invece devono crescere passive, romantiche, dedite alla cura e che per distinguersi dalle “donnacce” (quelle che servono per placare il “naturale desiderio maschile” per non apparire omosessuali) non possono manifestare desiderio sessuale o troppa femminilità ma devono accettare anche “attenzioni” sgradite.

Su Facebook gira una delle tante foto che testimoniano quanto ancora fosse forte la disparità sessuale tra maschi e femmine:

tredici

Il corpo femminile viene visto come una proprietà. La sessualità e la riproduttività delle donne legata all’onore della famiglia. L’autodeterminazione delle ragazze (ma anche delle donne) è talmente negata che esse vengono percepite come coloro che non sono in grado nemmeno di decidere quando rimanere gravide o meno. O quando avere rapporti sessuali. Un po’ come gli animaletti domestici.

La femminilità percepita come qualcosa di sporco, oltraggioso, scandaloso. Condannata perché “colpevole” di stimolare gli impulsi degli uomini eterosessuali. E poco importa se hai solo tredici anni, in Italia la pedofilia è percepita come accettabile.

Così il corpo di una ragazzina viene percepito già come provocante anche se acerbo. Il desiderio maschile è talmente legittimato da non riuscire ad essere messo in discussione. E’ l’uomo cacciatore dunque è la “preda” che deve coprirsi.

La donna non deve fare la “troia” ma l’uomo può andare con le “troie”. Ecco la logica sessista che va avanti da millenni. La riprovazione ricade sulla donna che “si è concessa” appagando i desideri proibiti dell’uomo.

Se nemmeno una donna che viene costretta a fare sesso viene rispettata è ancora più difficile poter combattere questa cultura che legittima la disparità di desiderio e di diritti sessuali tra uomo e donna. La cultura dello stupro, inoltre si mantiene viva attraverso il mantenimento di questa disparità.

Se l’uomo è soggetto attivo e la donna è oggetto passivo allora anche lo stupro è comprensibile che accada, accompagnato dalla teoria del vis grata puellae dove la vittima viene considerata come “colei che ha provocato o che lo ha desiderato”. E allora si instaura questo meccanismo che instaura nelle vittime il senso di vergogna inibendo le denunce, incrementando gli stupri, rafforzati anche dall’induzione delle vittime al silenzio. E quanto più una donna riesce a rompere il silenzio più sarà facile porre fine agli stupri.

Percepire e denunciare uno stupro è come un po’ delegittimarlo. Ecco perché la sedicenne di Finale Ligure sta subendo ritorsioni come tante altre che hanno trovato il coraggio di rompere il silenzio.

La violenza sulle donne è la prima causa di morte, di invalidità e anche dell’alienazione sociale delle donne. Quante donne violentate, picchiate, vittime di stalking hanno (a causa delle ripercussioni psicologiche e delle minacce da parte dei violenti e complici) dovuto rinunciare al lavoro, all’istruzione, alla propria sessualità e alle proprie abitudini che le appagavano dopo le violenze?

Continuiamo ad ignorare le conseguenze della violenza di genere?

Le violenze sessuali sulle donne e il bullismo all’interno delle scuole stanno subendo proporzioni spaventose. A Bari l’anno scorso è successo un altro caso analogo.

Lo stupro non è un atto di libidine ma di sopraffazione ed è compito della società insegnare ai maschi il rispetto per le donne, insegnare alle ragazza e donne a riconoscere questi episodi e darle forza e coraggio nel denunciarli perché conteranno nella solidarietà di una grande rete di donne, di centri anti-violenza che stanno dalla loro parte.

Siamo tutti con te!

19 commenti

  • Per quanto odi questo crimine sopra ogni altro, lo stupro, la crudeltà e la cattiveria di questi degenerati mi fa dire proprio questo: dovrebbero provarlo sulla loro pelle, tutto quanto.
    Non ci vuole chissà quale empatia o intelligenza per capire che cosa sia uno stupro:
    Se condoni uno stupro, sei alla pari di chi lo commette.

    Mi piace

  • Già peccano che anche la migliore amica di questa ragazzina tirata in ballo dalla stesso le ha dato della bugiarda.
    Adesso vedremo cosa dirà il tribunale, però se alla fine dovesse risultare che la ragazza è solo una calunniatrice, voi rettificherete questa notizia chiedendo scusa ai calunniati, o come al solito se parlare è una donna è la bocca della verità, se è un uomo è un mentitore e poi se anche fosse gli sta comunque bene perché così impare e si previene (insomma punirne uno per educarne 100).

    Mi piace

  • L’ha ribloggato su Elena.

    Mi piace

  • Finale Ligure si trova molto vicino alla mia città.. io vi giuro che sono sconvolta. Magari li ho pure incrociati per strada, quei ragazzi. Magari sono amici di amici di miei amici. Avevo anche preso in considerazione l’Alberghiero, cinque anni fa, al momento della scelta delle superiori. Mi chiedo come mi sarei comportata, se avessi conosciuto questa ragazza. Mi chiedo se sarei stata in grado di starle vicino. Non so cosa dire, è stranissimo pensare che il fatto accaduto sia così vicino a me..
    Ho avuto la fortuna di non essere stata coinvolta direttamente in nessun tipo di violenza, non riesco a immaginare che nella mia città (basta prendere un solo autobus e in 20 minuti ci arrivo) esista gente del genere, e soprattutto gente che insulta una ragazzina vittima di violenza1 Ripeto, magari queste persone le vedo pure quando sono in giro! Sono senza parole.

    Mi piace

  • @ Remo se i ragazzi sapessero di essere innocenti, gli sms inviati avrebbero un altro registro. Con quegli sms i ragazzi si sono autodenunciati.

    Mi piace

  • Comunque il docente che ha interrotto per puro caso la modestia e che ha descritto la scena a mio avviso è stato troppo indulgente con i ragazzi. Se mi fosse capitato di assistere a una scena del genere avrei chiesto come minimo dei giorni di sospensione: non ti segna la fedina penale ma diventa un problema di cui parlare. La questione gravissima è che i presidi e gli insegnanti si sentono ricattati dai genitori, la scuola non esercita più nessuna forma di controllo perché guai a toccare i pargoli indifesi e incompresi. Questo discorso vale ovviamente in generale, per l’indisciplina (maschile e femminile) per il bullismo (maschile e femminile) e per le molestie sessuali – in tutti questi casi preferiamo non aprire gli occhi e quindi non vedere quanto i nostri angioletti possono comportarsi male. Siamo bene avviati a fare come l’Inghilterra e altri paesi in cui un’educazione fondamentalmente lassista sta crescendo generazioni di fragilissimi e prepotenti. E sappiamo che in Italia la maggioranza si schiera dalla parte del prepotente.

    Mi piace

  • Questo articolo mette in luce un gravissimo problema, ma non ne mette in luce un’altro, spesso i giovano non sono quelli che s vedono in famiglia, quando sono fuori da casa si comportano in modo ben diverso. Innanzitutto c’è poca attenzione da parte delle famiglie che non pongono limiti e paletti, l’educazione sessuale di questi ragazzi è affidata ad internet e al passaparola, dopo arriva la scuola, che grazie ai genitori, non riesce a dare più una disciplina ai ragazzi. 20 anni fa se combinavi qualcosa e la famiglia veniva chiamata a scuola il ragazzo veniva punito cercando di fargli capire il suo errore, ora la situazione è ben diversa se combina qualcosa e la scuola chiama, prima il genitore aggredisce verbalmente l’insegnante poi partono denunce e querele assurde. Tutti sappiamo che a 13/14 anni gli ormoni sono in iperattività, questo vale per entrambe i sessi, se 20 anni fa la disciplina impartita a casa e a scuola potevano contenere o almeno arginare questi ragazzi ora la totale mancanza di freni sfocia in un gioco continuo. Continue provocazioni e sfide da parte dei maschi verso le femmine e viceversa portano ad eventi a volte catastrofici, quali lo stupro. Non è giustificabile in nessun caso, come non è giustificabile la difesa, e non è nemmeno giustificabile la mancanza di accuse verso i genitori di questi ragazzi, il concetto sbagliato è proprio il modo in cui vivono i giovani, privi di freni inibitori. Nell’articolo non vengono menzionati altri dati relativi allo stupro, quello subito da un maschio. Le denunce sono praticamente nulle, perchè la gogna sarebbe addirittura superiore.

    Mi piace

    • Scusami Pablo, lo stupro non ha nulla a che vedere con gli ormoni ma e’ solo supremazia ed e’ sempre esistito come esiste anche nei paesi piu’ “bigotti”. Quindi evitiamo di tirare fuori la solita storia della provocazione almeno per rispetto delle vittime che dovrebbero essere invece incoraggiate e denunciare.

      Mi piace

    • Sullo stupro subito dai maschi condivido che non ci sono dati e che la vergogna e’ doppia. Ma i dati sono sono endemici come quelli contro le donne. Io sono per affidare alle scuole e alle famiglie il compito di dare un’educazione sessuale corretta ai giovani ma nulla che concerne il contenimento degli ormoni (perche abbiamo visto che la repressione porta all’opposto vedesi con i preti pedofili) ma con l’insegnamento al consenso e al rispetto dell’altro, alla parita’ di genere…molti vedono la donna solo come un oggetto sessuale e condannano la sessualità femminile, la quale dovrebbe essere un diritto….il consenso e il piacere di entrambi e’ fondamentale. Pensandoci bene lo stupro nasce dalla negazione del piacere femminile. Ci sono anche donne che non sono in grado di riconoscere una molestia come una grave violazione e questo e’ grave…

      Mi piace

      • A mio parere si è reagito esattamente al contrario: erano i ragazzi a dover essere allontanatati dalla scuola e invitati ad essere seguiti da un centro sanitario con psicologi insieme alla famiglia, nonchè tenuti a casa il più possibile in quanto “pericolosi”. La ragazza e non solo lei,, in tal modo, si sarebbe sentita sostenuta e aiutata a superare l’incubo (si, perchè la violenza sessuale è un incubo che nessuna persona, uomo o donna che sia, vuole vivere!).

        Mi piace

  • Pingback: Denunci uno stupro? ti costringono ad abbandonare la scuola » Blog

  • Sollevi problemi non facili.
    Da un punto di vista etico, purtroppo il confronto processuale è uno scoglio difficile da superare. Quanti/e preferiscono tacere piuttosto che affrontarlo ?
    Da un punto di vista legale, a mio avviso il repressivo è troppo blando. Neanche dei minorenni possono cavarsela con un “mi raccomando, la prossima volta non farlo più”. So’ ragazzi, dice qualcuno. Pensa a quello che faranno da adulti, allora.
    Da un punto di vista strettamente pratico, eviterei comunque di andare in giro vestita come le due della foto. Se ostento un portafoglio pieno zeppo di banconote da 500 euro è più facile destare l’attenzione di un ladro. Fermo restando il mio diritto a non venire rapinato.

    Mi piace

    • Questo però non legittima dare loro del “troione da battaglia” anziché condannare chi le stupra. A parte che uno viene rapinato a prescindere ma e’ un paragone che fa buchi dappertutto. Una viene aggredita a tutte le età e anche le donne brutte sono state vittime di violenze. Bisogna sfatare questa costruzione cinematografica (pornografica) della violenza che collega la femminilità alla stuprabilita’. Una donna ha diritto di andare in giro come vuole. Se tu usi la parola ostentare stai facendo un’offesa ad una donna che ha diritto di manifestare quello che e’:l’appartenenza ad un genere. Come dire che i gay non devono “ostentare” per non prendersi le botte. Lo stupro non ha origine dalla libido dell’aggressione ma e’ solo possesso (infatti avviene per lo più in famiglia) e disprezzo della donna (esistono anche gli stupri punitivi e sono tantissimi). La rapina avviene per ragioni economiche.

      Mi piace