Ancora violenza di genere. Milano, picchia una sedicenne adescata in chat

Aveva fatto di tutto per conquistare la fiducia di una ragazzina di sedici anni. L’ha adescata in chat fingendo di essere più giovane, convincendola così a mandagli alcune foto. L’amicizia virtuale si concretizza pochi giorni fa quando i due si danno appuntamento in Piazza Duomo a Milano. La ragazzina per precauzione ha portato con sé una sua amica. L’uomo, se possiamo definirlo tale, ha cominciato a farle delle avance insistenti fino a schiaffeggiarla quando la ragazzina aveva manifestato il suo rifiuto. Tutto ciò è accaduto in una piazza affollata senza che nessuno muovesse un dito per difenderla, nemmeno quando il trentenne ha cominciato ad inseguire le ragazzine. Sono dovuti intervenire gli agenti della polizia locale, fermati dalla vittima impaurita. Per fortuna l’individuo è stato fermato in tempo, evitando il peggio.

Gli agenti municipali, dopo averlo fermato, lo hanno condotto presso i loro uffici dove gli hanno ritirato del materiale che ritraeva minori. Mentre l’uomo si trovava in stato di fermo a Milano, la Polizia Locale di Roma Capitale ha perquisito il suo appartamento alla Magliana: i vigili dell’XI Gruppo “Marconi” (ex XV), diretti dal comandante Lorenzo Botta, hanno sequestrato tutto il materiale informatico trovato nell’abitazione che sara’ vagliato minuziosamente per la ricerca di ulteriori prove. Durante l’identificazione il trentenne ha mostrato un documento d’identità del fratello minore, comunque maggiorenne, tentando goffamente di scampare alla denuncia. Ancora profondo sgomento e indignazione per l’ennesimo episodio di violenza contro una donna tra l’altro minorenne.

#25novembre

Fonte: qui