Pillola del giorno dopo. Le vostre esperienze

pillolaQualche giorno fa nella nostra casella di posta è arrivata la mail di una ragazza che ci raccontava la sua esperienza con la pillola del giorno dopo.
Abbiamo condiviso la sua storia. Questo ha portato altre donne a condividere con noi, e poi con tutte, la propria dis-avventura tra consultori, ospedali, farmacie.
Queste storie si somigliano tutte. Raccontano tutte di ragazze, di donne, di paure, di corse contro il tempo, di incontri “spiacevoli”, di giudizi che fanno provare vergogna là dove vergogna non dovrebbe esserci, di diritti negati, di rabbia.
La pillola del giorno dopo non è un farmaco abortivo.
È un metodo di contraccezione post-coitale. I prolife e movimenti per la vita possono dire quello che vogliono, ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ribadito che la pillola del giorno dopo è anti-ovulatoria, quindi contraccettiva.
Per questo motivo l’obiezione di coscienza, così come prevista dalla legge 194, non si estende alla pillola del giorno dopo (commercializzata in Italia con i nomi di NorLevo, Lonel, Levonelle) in quanto non si tratta di farmaco abortivo, ma contraccettivo.

Le esperienze che ci sono arrivate però raccontano una storia diversa, una storia che dobbiamo cambiare e siamo convinte che raccontare sia il primo passo in questa direzione.

Medici e farmacisti non possono rifiutarsi di prescrivere e/o vendere la pillola del giorno dopo, qualora questo accedesse saremmo di fronte a un abuso della professione medica.

Hai il diritto di pretendere la pillola del giorno dopo. Qualora questo ti venisse negato puoi chiedere le generalità del medico, puoi richiedere a questo che ti metta per iscritto i motivi per cui si rifiuta di fare la prescrizione e, se te la senti, hai anche la possibilità di denunciare (qui trovi moduli fac-simile per denuncia medico/farmacista).

Se vuoi raccontare la tua storia, condividere la tua esperienza, sia negativa, che positiva (in quest’ultimo caso sarebbe bello sapere la struttura dove sei stata trattata bene!) questo spazio è tuo.

Testimonianza di P.M.

Ciao, vorrei raccontarvi un episodio spiacevole che mi è accaduto un annetto fa e che credo sia sintomatico di come i pregiudizi l’ignoranza e soprattutto il maschilismo siano dentro le strutture pubbliche ospedaliere anche quando non ce lo si aspetterebbe. Dunque: è capitato che pur avendo preso precauzioni io abbia avuto bisogno della pillola del giorno dopo, quindi la mattina dopo aver avuto il rapporto (la sera stessa alla guardia medica non me l’hanno voluta dare) vado al consultorio della mia città. Da premettere che ovviamente ero in ansia soprattutto perchè ero sola (il mio ragazzo la mattina lavorava) mi trovo a dover parlare con un’assistente, credo(non si è qualificata) che mi ha fatto il terzo grado, e che mi ha parlato per mezz’ora buona dell’opportunità di prendere la pillola anticoncezionale perchè a suo parere i condom non sono sicuri, ecc.. non curandosi del fatto che le avevo già spiegato che non mi va di prendere ormoni anche se a basso dosaggio, che già sapevo tutto e che era la prima volta che mi succedeva una cosa del genere. Finito di parlare con questa tizia, che nel frattempo ha redatto la mia scheda, entro nella stanza della dottoressa. La dottoressa mi rifà il terzo grado, mi ripropone la pillola anticoncezionale e poi mi chiede se ho una relazione stabile.” Le rispondo che si,sto con il mio ragazzo da qualche hanno, lei” e tu cosa fai nella vita?” io” studio in un’altra città,sono al secondo anno all’università” lei” e il tuo ragazzo?” io”si è laureato qualche mese fa e adesso lavora” lei” Beh,ma allora A CHE VI SERVE LA PILLOLA DEL GIORNO DOPO??” a quest’ultima domanda segue la mia ovvia risposta che non siamo nelle condizioni di metter su famiglia, ammesso che la vorremmo questa famiglia.Non so dove ho preso la forza per non urlarle contro,ma sono uscita da li con la prescrizione in mano e lo sbigottimento misto a nausea sulla faccia..è possibile che le donne debbano sopportare anche questo? da parte di altre donne che dovrebbero essere li per aiutarle?

La testimonianza di S.R.

Ho appena letto la testimonianza della ragazza che racconta della sua esperienza con la pillola del giorno dopo. A me è successa una cosa simile. Lo scorso anno ho avuto un piccolo incidente con il preservativo e io e il mio ragazzo siamo subito corsi al pronto soccorso ginecologico dell’ospedale San Giovanni di Roma. Abbiamo aspettato moltissimo prima di essere ricevuti. Poi siamo entrati e il ginecologo mi ha subito estratto il preservativo che era rimasto all’interno (questo è l’incidente). io ero molto confusa e chiedo se è il caso di prendere precauzioni. il ginecologo dà la prima rispostaccia: “Ah signorina, questo lo decide lei, io non mi metterò di certo a guardare se il preservativo è intatto!”. Allora io velocissimamente decido di voler prendere la pillola del giorno dopo. il ginecologo mi dice subito che lui non me la prescriverà, perché contrario, e che dovrò aspettare la dottoressa non obiettrice che in quel momento era occupata. intanto inizia a raccontarmi storie apocalittiche sulla pillola: gente che sta male dopo averla presa, emoraggie probabili ecc. Poi mi chiede quanti anni ho. Rispondo di averne 28 e lui: Eh! Pensavo meno! A 28 anni un figlio si può anche fare. rimango di stucco. C’è ancora da attendere, esco fuori dove il mio ragazzo mi sta aspettando. Rimaniamo più di un’ora fuori ad attendere la dottoressa che mi avrebbe prescritto la pillola. Quando arriva, fa tutto il contrario del suo collega. Alle mie domande risponde dicendo che la pillola del giorno dopo non è nulla, la prendono continuamente tutte e non c’è alcun bisogno di fare domande e preoccuparsi. Mi fa una ricetta, vado in farmacia, la prendo. Nei 3-4 mesi successivi il mio ciclo è stato molto instabile, ho avuto diverse perdite già 5 giorni dopo l’assunzione della pillola. Per fortuna in quel caso ho avuto l’assistenza del mio ginecologo e del mio medico di famiglia. Nel pronto soccorso ginecologico di uno dei più grandi ospedali della Capitale nessuno è stato in grado neanche di accennarmelo. Però a sindacare su quando e come dovrei avere un figlio sì, questo non si sono fatti scrupoli a dirmelo.

Il racconto di Betta

Vedo che le storie sulla difficoltà di accedere alla pillola del giorno dopo in questo paese si moltiplicano! allora dirò anch’io la mia.
Un paio di anni fa mia nipote sedicenne mi chiama da scuola e mi confessa di avere un problema: la sera precedente, durante un rapporto sessuale con il suo fidanzato, il preservativo si era rotto.
-zia e adesso che faccio?
-scusa ma lui dov’è?
-è andato al lavoro come sempre. ha detto che secondo lui non sono rimasta incinta e che se proprio dovesse essere successo qualcosa ci penseremo poi
-un bel gesto maturo, per un ragazzo di 24 anni! vengo a prenderti a scuola aspettami lì.
La porto al consultorio pubblico. Mi dicono che sono presenti solo assistenti sociali, che l’unica dottoressa che vi lavora, quel giorno è a un convegno. Quindi nessuno che possa firmare una ricetta. Ma se voglio la ragazza può parlare con un rappresentante del centro aiuto alla vita. NO GRAZIE. Mi fanno presente che c’è un consultorio della parrocchia accanto alla chiesa, in pieno centro. NO GRAZIE. Andiamo al pronto soccorso. mi rivolgo io allo sportello dell’accettazione. mia nipote è distrutta da una notte completamente insonne, sono ore che non mangia e è reduce da due compiti in classe e un’interrogazione. è stravolta.
-buongiorno, a chi mi posso rivolgere per la prescrizione della pillola del giorno dopo?
-è per Lei?
-no, per lei, è mia nipote
-deve uscire da qui, attraversare il giardino, andare al reparto ginecologia e ostetricia.
Andiamo al reparto giusto. Lo sportello della segreteria di pomeriggio è chiuso. Passeggiamo lungo il corridoio per chiedere a qualcuno. Passa un’infermiera e lì, davanti alle donne incinte che aspettano la visita:
-scusi, a chi posso chiedere una ricetta per la pillola del giorno dopo?
-al pronto soccorso
-sono stata lì e mi hanno mandata qui
-allora al piano di sopra.
Vado al piano di sopra. Stessa scena.
-torni al piano di sotto!
-mi hanno detto di venire qui
-allora aspettate qua. appena la dottoressa si libera vi chiamo. c’è stata un’urgenza in sala parto e ovviamente dobbiamo dare la precedenza ai nascituri
-ovviamente.
Tre ore dopo, io e lei siamo ancora lì. lei sempre più stravolta e anche a me la stanchezza mi sta facendo cedere i nervi. Finalmente l’infermiera ci chiama. deve compilare la scheda con i dati.
-chi sei? cosa vuoi? tessera sanitaria? quanti anni hai? 16? sembri più grande. sei troppo piccola. torna con un genitore. ai miei tempi queste cose non si facevano. ma ti servirà da lezione.
-ci sono io e sono sua zia. e lei ha tutti i diritti di vedersi prescrivere questa pillola. e ormai ne sono trascorse parecchie di ore. io non me ne vado di qua senza quella maledetta ricetta e giuro che tiro giù i muri di questo ospedale e faccio succedere un gran casino…
Dopo un’ennesima estenuante attesa arriva la dottoressa. mia nipote mi chiede di lasciarla sola. rispetto la sua scelta. dopo 5 minuti esce con il tanto agognato foglio in mano. ma non si rende conto che non è ancora finita…
Sono le ore 19. abbiamo solo mezzora per trovare la farmacia. nella prima ci dicono no. nella seconda ci dicono ripassi domani che ora l’abbiamo finita. nella terza il farmacista ci squadra da capo a piedi e ce la vende dicendoci con lo sguardo: brutte sgualdrine!
Tutto ciò a BELLUNO, ridente cittadina veneta, sempre in testa alla classifica del sole 24ore sulla vivibilità.

Da anonima

La mia testimonianza riguardo la difficoltà nell’avere la pillola del giorno dopo è assolutamente dimenticabile e superflua. Non perché io sia stata ben accolta, ma perché l’essere trattate con disprezzo e sufficienza è quello che succede praticamente a tutte.
E’ successo l’anno scorso (avevo quindi 21 anni) e io e il mio ragazzo abbiamo avuto il temuto incidente della rottura del preservativo.
A parte che quando siamo andati all’ospedale hanno fatto entrare solo me nella stanza (al mio ragazzo è stato chiesto di aspettare fuori – letteralmente fuori dalla struttura, manco in corridoio, perché era un reparto delicato). Io, dopo aver spiegato la situazione ad una dottoressa, sono rimasta in attesa più di un’ora (1 ora e 20 minuti) dentro una stanza, senza nessuno che mi dicesse nulla.
Quando il dottore è arrivato mi è toccata la ramanzina paterna (ehhh, alla tua età queste cose? Sei così piccola! I tuoi genitori lo sanno cosa fai? Ma non ti vergogni a venire qui così e a chiedere la pillola? … E altre cose sul tema. Ancora oggi mi chiedo se avesse ben chiara la mia età), il tutto condito da un po’ di sano disprezzo malcelato, borbottii e tutto il repertorio immaginabile di occhiatacce.
Per non parlare del farmacista. Quando siamo andati a compare questa benedetta pillola il farmacista ci ha accolto con un sorriso e abbiamo scambiato quattro chiacchiere sul tempo. Sembrava un tipo simpatico.
Tiro fuori la ricetta. La legge. In un attimo la sua espressione sembra quella di chi abbia appena visto qualcuno uccidergli il gatto. Brutalmente. Prende la scatola e la sbatte sul bancone. Ci da le spalle e non risponde al saluto quando usciamo.
E questo è tutto. Come dicevo, non è niente di speciale, perché questo è come minimo la normalità. Se sei fortunata, almeno. Sarebbe potuta andarmi peggio, ed è un pensiero deprimente.

Da Anonima

Una sera di tre anni fa, avevo 22 anni, era piena estate, durante un rapporto col mio ragazzo si rompe il preservativo. Decidiamo di non aspettare l’indomani, anche perché il mio medico di famiglia era in ferie e avrei dovuto cercare il sostituto, e andiamo alla guardia medica del mio paese. Lì troviamo una dottoressa di mezza età che, appena le spieghiamo cosa è successo, ci guarda scandalizzata e ci accompagna all’uscita ripetendo: “No no assolutamente no!”
Era una fervente cattolica, l’avevo capito subito. Vabbè, andiamo al pronto soccorso dell’ospedale Umberto I di Siracusa. Parliamo con un infermiere allo sportello che ci manda al reparto di ginecologia.
Ora, io avevo letto che non fosse semplice ottenere la pillola del giorno dopo ma ero certa che all’ospedale non avrebbero potuto rimbalzarmi. Al reparto ci dicono di aspettare il ginecologo di turno che arriva poco dopo, si ferma a parlarci in corridoio il tempo di capire cosa vogliamo e ci liquida dicendo:”Senta signorina qui nessuno le prescriverà niente.” E se ne va entrando in una stanza. Lascia la porta aperta ed io sbigottita lo seguo dentro, dicendogli che almeno deve dirmi dove posso andare per ottenere la ricetta. Lui mi guarda e rivolgendosi alle infermiere presenti esclama: “Fatela uscire, qui dentro non si può entrare!” Solo in quel momento mi accorgo che nella stanza c’è una donna incinta con un gran pancione distesa sul lettino, lei sì che aveva diritto alle cure e al rispetto di quel medico…io no, dovevo andarmene.
Torniamo al pronto soccorso dove l’infermiere allo sportello con cui avevamo parlato prima ci consiglia di andare alla guardia medica, ci spiega dov’è e ci dimostra tutta la sua solidarietà. Arriviamo alla guardia medica e becchiamo una giovane dottoressa che si rifiuta di prescrivermi la pillola perché obiettrice. Stiamo ancora parlando con lei quando ne arriva un’altra della stessa età, chiede cosa vogliamo e ci dice che lei invece le prescrive.
Felicissimi pensiamo che sia fatta e invece la prima dottoressa, rimasta a bocca aperta per aver scoperto che la collega non è un’obiettrice, comincia a farle tutto un discorso su quanto sia rischioso firmare questo genere di ricette. Le dice che potrei stare male e che la responsabilità sarebbe sua. La seconda dottoressa tentenna, io le dico: ” Per favore, è meglio prescrivermi la pillola del giorno dopo piuttosto che mettermi a rischio aborto.” E lei ha il coraggio di rispondermi: “Il favore te lo faccio se non te la prescrivo!” Continuiamo a cercare di convincerla ma ad un certo punto mi blocco, mi accorgo che la stavamo supplicando.
Stavo supplicando un medico per qualcosa che è un mio diritto!
Esausta e rassegnata dico al mio ragazzo di lasciare perdere, mando le dottoresse a quel paese e me ne vado. Ero già salita in macchina quando lui esce fuori con il foglietto della ricetta in mano. Lo sento ringraziarle, ma grazie un cavolo!”

Da C.L.

E’ successo anche a me: una sera ho avuto bisogno della pillola del giorno dopo per un “incidente” col preservativo. Premetto che non posso prendere la pillola anticoncezionale per problemi di ipertensione. Essendo notte, io e il mio compagno siamo andati all’ospedale. Ci hanno fatto attendere ORE in anticamera, parlare con non so quante persone diverse… non mi ricordo particolari prediche, ma tutte ci hanno guardato con aria di disprezzo, rimprovero e sufficienza e rivolto a malapena la parola… fatto sta che alla fine siamo dovuti tornare a casa con un niente di fatto, perché in tutto il policlinico universitario non c’è stata una sola persona che non si sia dichiarata obiettore!!!!
Ho dovuto attendere il pomeriggio del giorno successivo per andare allo studio dal mio medico di famiglia (che è, appunto, anche il medico dei miei genitori), rischiando così di far diminuire drasticamente le probabilità di successo della pillola… e menomale che il giorno dopo non era sabato né domenica, e che il mio medico di famiglia non è “obiettore” almeno lui!!!

La tetimonianza di Tita

Anche a me è successo, sono di Roma. Forse 5 – 6 anni fa, non ricordo più. Era sabato sera e il preservativo si era rotto. Di sabato pomeriggio non sapevamo proprio a chi rivolgerci. Il mio consultorio era troppo lontano, avrebbe chiuso di lì a poco.
Chiamo in lacrime. Il dottore mi rassicura, vai in ospedale se non riesci ad arrivare qui in tempo per la chiusura. Prima la prendi e meglio è.
L’ospedale San Giovanni a due passi, decidiamo di andare. Chiedo informazioni al pronto soccorso, mi spediscono al reparto di ginecologia. Non mi fanno neanche spiegare che appena sentono cosa mi occorre chiudono porte bofonchiando parole incomprensibili, scuse varie. Io che mi arrabbio, deve pur esserci qualcuno che non sia obiettore, non è possibile in un grande ospedale come questo.
Nulla, io e il mio ragazzo andiamo via, stravolti e arrabbiati. Il lunedì mattina corriamo al consultorio, lo stesso dottore col quale avevo parlato al telefono. Gli raccontiamo l’accaduto. Era furioso, non ero la prima e non sarei stata l’ultima ad essere cacciata da un ospedale, soprattutto dal San Giovanni. Mi prescrive la pillola, corro a comprarla e a prenderla. Tante ore trascorse ma fortunatamente funziona. Avrei dovuto far di più in Ospedale ma in quel momento era più forte l’ansia, la rabbia e lo spavento.
Trattata come uno straccio, umiliata. Non me la prendo con gli obiettori, libertà di scelta. Me la prendo con la gestione che non prevede almeno una persona, non obiettrice, soprattutto nei grandi ospedali. Me la prendo con il trattamento disumano e annientatore delle persone che ti guardano e si comportano come se tu fossi la peggior assassina di questo mondo.

Racconto di I.

Ho letto le testimonianze sul problema nel reperire la prescrizione della pillola del giorno dopo, e mi dispiace molto che ve ne siano di negative… è davvero un problema. A me è successo una sola volta di averne avuto bisogno: anni fa, dopo una nottataccia, mi sono recata al consultorio pubblico e ho preso il numero dicendo che si trattava di un’urgenza. La dottoressa la conoscevo già, mi aveva visitata in precedenza per problemi ormonali. Alla mia richiesta non ha fatto molta opposizione, ha solo detto che di solito lei aiuta a procreare e non ad evitarlo e ha mollato la ricetta. Tutto qui, per fortuna.

Testimonianza Anonima

La mia esperienza non riguarda i medici bensì i farmacisti.
La scorsa estate, stessa situazione raccontata da altre ragazze, si ruppe il preservativo e fui costretta ad andare alla clinica ginecologica Mangiagalli di Milano. Fin qui nessun problema. Dopo essere uscita dalla clinica con la ricetta, entro nella prima farmacia, in cui un anziano farmacista non appena vede la ricetta, oltremodo scandalizzato, mi dice di uscire che lì quel farmaco non lo vendono. Seconda farmacia, due farmaciste sulla trentina mi restituiscono la ricetta dicendo che non sono autorizzate a venderlo. Terza farmacia, quel farmaco ‘è finito’. Idem per la quarta farmacia.
Nella settima farmacia, e sottolineo SETTIMA, riesco a trovare una donna che me la vende, e di certo non col sorriso sulle labbra. Sono ancora incredula all’idea che in Italia, oltre a trovare la barriera degli obiettori di coscienza, si trovi una seconda barriera presso le farmacie!
I N C R E D I B I L E
Sperando che possa contribuire a dare un quadro generale della drastica situazione in Italia.

La storia di Bluebell

Vorrei raccontare anche io la mia esperienza riguardante la pillola del giorno dopo.
E’ capitato l’anno scorso. (Ho deciso di non parlarvi di come è successo per evitare che sembri una “giustificazione”.)Parto direttamente dalla mattina dopo.
Io e lui ci siamo alzati presto e abbiamo raggiunto il consultorio della mia città. Dopo una lunga attesa finalmente ci hanno lasciati entrare, ci hanno fatto una specie di terzo grado, e solo alla fine di questo interrogatorio-incriminatorio ci hanno detto che eravamo nel posto sbagliato e che sarei dovuta andare dal medico di riferimento del mio quartiere, ché nessun altro me la avrebbe potuta(?) prescrivere.
A quel punto ho sentito tremare le gambe, perché si da il caso che io abiti con mia nonna e che le finestre di casa nostra affaccino esattamente sulla mutua, dove sarei dovuta andare.
Così – terrorizzata all’idea che lei o una sua amica potesse vederci insieme – ho deciso di salutare lui e di avviarmi da sola, col tempo che continuava a scorrere imperturbabile.
Ci sono arrivata il più velocemente possibile e dopo un po’ di peripezie sono riuscita a trovare il corridoio giusto e la porta davanti a cui attendere. Un’attesa infinita.
La dottoressa, non si sa bene per quale motivo, mi ha lasciata entrare solamente per ultima. Forse avevano tutte un appuntamento, anche quelle che continuavano ad arrivare dopo di me. Io dal mio sgabello non facevo altro che fissare l’orologio. Poi finalmente è stato il mio turno.
E mi sono sentita di nuovo fare un lunghissimo interrogatorio, ma privo di ogni domanda che potesse servire a tranquillizzarmi o a carpire informazioni realmente utili ai fini della sua prescrizione. Domande a cui non avevo nemmeno il tempo di rispondere, perché erano ccorredate ciascuna di una piccola lezione di morale. Continuando a rubarmi minuti preziosi e un po’ di dignità.
Per fortuna la farmacista è stata molto più celere e comprensiva.
Però non finisce qua.
C’è un altro aneddoto che secondo me è strettamente connesso a questo e che mi ha innervosito quasi di più. Per sicurezza, dopo qualche mese da questo evento, ho voluto fare anche un test HIV.  Il sito dell’ospedale prometteva la gratuità, l’anonimato e un sostegno psicologico.
Le prime due cose di certo sono state garantite.  Anche una terza cosa è stata garantita, seppur non preavvisata.. la velocità.
La dottoressa (o infermiera, non so) mi ha fatto accomodare nel suo stanzino. Mi ha chiesto di porgerle il braccio che preferivo. E senza sprecare anche solo un altro briciolo di voce, mi ha prelevato il sangue e mentre mi appoggiava l’ovatta era già intenta a congedarmi. “Ciao, grazie.” Forse è stupido, forse va bene così, forse non c’è un collegamento tra le due cose.
Ma a me ha mandato ai pazzi il fatto che non mi abbia nemmeno fatto una domanda, non mi abbia nemmeno chiesto come stavo, non si sia premurata di nulla. Certo non è che desiderassi sentirmi fare anche in questo caso il lungo e invadente interrogatorio. Ma dedicarmi un paio di minuti, una manciata di parole, uno sguardo..? Non sarebbe stato male.

25 commenti

  • Io la mia esperienza l’ho raccontata qui, e con un’amica gestisco una pagina Facebook proprio sulla PGD :) Grazie, anche per raccontare tutte queste storie!
    https://www.facebook.com/pages/Pillola-del-giorno-dopo-Diritti-e-Informazione/274788495896840

    PS: abbiamo ovviamente condiviso il link!

    "Mi piace"

  • (un piccolo refuso nel titolo: epserienze invece che esperienze)

    "Mi piace"

  • Rimango sconvolta nel leggere queste testimonianze, per fortuna a me non è successo di avere ostacoli nel reperire la pillola del giorno dopo, perché il mio medico di base e il mio farmacista di fiducia problemi di questo genere non ne fanno. Per fortuna non mi sono rivolta alle strutture ospedaliere se no avrei ucciso qualcuno.

    "Mi piace"

  • io consiglio di prenderla quando non se ne ha bisogno nell’immediato e tenerla in un cassetto o in borsa per l’emergenza a venire.
    così si ha il tempo di trovare e contattare un ospedale, un consultorio, o la propria ginecologa senza problemi, tanto scade dopo 3 anni.

    "Mi piace"

  • Ci si rompe il preservativo in una citta’ Lombarda, solita attesa di ore e ore all’ospedale e ricerca di una farmacia ma tutto abbastanza regolare per essere una domenica e essere in una citta’ estranea ce la siamo cavata (siano benedetti gli Smartphone).
    Tornati a Legnano si rompe ancora dopo pochi giorni, la Ginecologa ovviamente monta su un casino umiliando la mia ragazza che gli ha semplicemente chiesto “non e’ che ho qualcosa che non va?”, non la visita neanche convinta che si sia inventata la storia del preservativo, e ci fa comunque pagare 36 euro di ticket per la visita senza rilasciare la ricetta che dice non sarebbe servita.
    Ci fidiamo almeno del parere medico sul fatto che la seconda pillola in poco tempo sarebbe stata dannosa.
    La mia ragazza si fa visitare (veramente) da una ginecologa piu’ gentile qualche settimana dopo, risultato: ha la candida, motivo per cui il preservativo si era rotto con troppa frequenza.

    Vorrei ci fosse un modo per denunciare la dottoressa che ha umiliato una ragazza, fatto pagare un ticket per una visita non fatta, e soprattutto non ha fatto il suo mestiere di medico investigando eventuali malattie da curare.

    "Mi piace"

  • E io che pensavo di aver assistito a una brutta esperienza! Amica a cui si rompe il preservativo, lei non avrebbe fatto nulla, ma alla fine l’ho convinta ad andare ad un consultorio (e credo di aver fatto bene!) stile “Io di queste cose non capisco un tubo, ma forse è meglio che parli con un medico!” Il medico dopo averle parlato (non so cosa si siano detti, aspettavo fuori) le prescrive senza problemi la pillola. Andiamo in farmacia. Il farmacista non fa storie ma dice: “Ah, ma cos’è successo?” “Eh, si è rotto il preservativo!” “Che strano, vi si rompe sempre il preservativo!”
    A parte che logica vuole che se hai abitualmente rapporti senza preservativo non prendi la pillola del giorno dopo ma abortisci, al limite. La pillola del giorno dopo la prendono proprio le persone a cui si rompe il preservativo. Ma comunque stare zitti era brutto?? Poi per carità, leggendo le vostre esperienze vedo che c’è di molto peggio. Per inciso, la mia amica a parte spotting non ha avuto nessun problema.

    "Mi piace"

    • Il fatto che ci sia di peggio non giustifica il fatto che si facciamo “sottili” insinuazioni volte a colpevolizzare, anche questo mi sembra “peggio”. Sono contenta che alla tua amica sia andato tutto bene.

      "Mi piace"

      • Verissimo. Gia’ alla domanda “cosa e’ successo” una dovrebbe poter rispondere a muso duro “fatti miei”, senza il timore di vedersi rifiutata la pillola

        "Mi piace"

  • La mia, per fortuna, è stata un’esperienza positiva. 7-8 anni fa ebbi bisogno di prendere la pillola del giorno dopo a causa della rottura di un preservativo. Mi recai subito in consultorio (Firenze, Via D’Annunzio) e me la prescrissero senza battere ciglio. Le domande che mi fecero riguardavano le modalità dell’incidente, ma si volevano accertare che non considerassi questo come un anticoncezionale “abituale”.
    Alla farmacia (Viale Duse) nessun problema, anzi, mi aspettavo sguardi scandalizzati, invece solo un po’ compassionevoli.
    Non ebbi effetti collaterali, solo un po’ di malumore, probabilmente dovuto alla bomba di ormoni ingeriti.
    La dottoressa che mi prescrisse la pillola all’epoca non so come si chiama, ma l’ho rivista nello stesso consultorio di recente.

    Spero che queste informazioni possano aiutare chi ne ha bisogno! :)

    "Mi piace"

  • i medici Italiani NON sono soggetti alla OMS ma alla Legge Italiana la quale permette di rifiutare la prescrizione del farmaco: http://www.governo.it/bioetica/testi/contraccezione_emergenza.pdf

    "Mi piace"

  • Considerando che non sono obiettore, ( neanche ginecologo, tutt’altro reparto), volevo dire due cose:
    1) il problema degli obiettori in italia è enorme, sopratutto nella ginecologia. sia per un vero motivo di coscienza, sia per convenienza (basta una non obiezione ed automaticamente non si è più obiettori.) anche perchè considerando l’affollamento degli obiettori, nell’istante in cui non hai problemi a prescrivere la pillola del giorno dopo finisci per fare solo aborti e similari, e magari non è proprio il sogno per tale medico).

    aggiungerei anche tutte le rotture medico-legali che può portare a non essere obiettori. Immaginatevi che in un lavoro ad alto rischio potete semplicmente dire che non ve la sentite di fare una parte del vostro lavoro. parte che si porta con se denunce, complicazioni e burocrazia…. TANTA BUROCRAZIA, (non per la prescrizione quanto per gli aborti); capirete come molti scelgano la via più semplice. quella del “faccio l’obiettore anche per la pillola così non mi prendo le rotture di palle degli aborti”.

    infine vorei ricordare quanto la sanità italiana è politicizzata, e molto anche CL-zzata, in cui la probabilità di un miglioramento della propria carriera dipende dal farne parte o meno.

    Non sono assolutamente d’accordo con questo atteggiamento ostruzionista e di convenienza del medico (come sono contrario in linea generale all’obiezione), ho scritto questo per farvi immaginare anche cosa spinge i medici a questo atteggiamento

    sono invece fortemente contrariato dall’obiezione di un farmacista. Le farmacie sono lì per vendere un farmaco, prescritto da un medico.

    2) dette tutte le premesse fatte sopra, lo sappiamo benissimo che 9 richieste su 10 sono non sono per preservativi rotti, ma per un coito interrotto venuto male (salto della quaglia), e ce ne sarebbero di cose da dire sui metodi usati per la contraccezione post coitale assolutamente inutili e ridicoli, ma non è il posto adatto a parlarne.

    senza dire come e cosa, che non è il caso in un sito, vi posso invece dire che esistono altri metodi farmacologici oltre al classico levonorgestrel. anche più efficaci nell’interrompere un eventuale ovulazione però un po’ più rischiosi, che vengono tutt’oggi utilizzati ad esempio nei casi di contraccezione d’emergenza in seguito a violenze. questi principi attivi sono anche più facili da reperire del classico 1.5mg di levonorgestrel.
    in cui magari parlandone per telefono con il ostro medico (se non obiettore) può suggerirvi questi senza dover andare in 3 ospedali diversi per quel foglietto di carta.

    Ps: se non erro in UK vendono la PGD senza ricetta ma ad un prezzo esorbitante

    "Mi piace"

    • In UK la vendono ANCHE senza ricetta (se si ha superato i 16 anni), costa £30. Se si fa la ricetta invece è gratuita (le strutture sanitarie la danno direttamente). Sul sito dell’NHS è spiegato chiaramente, così come è detto chiaramente come funziona, le controindicazioni, eccetera, e che la PGD non è abortiva.

      "Mi piace"

    • Scusa Mat, ma che ne sai dei motivi per cui una prende la pdg? Hai statistiche sotto mano, fonti accertabili? Io non mi sottoporrei mai a sbalzi ormonali sgradevolissimi (lo so per esperienza) se non si trattasse di incidenti totalmente imprevisti (leggi preservativo rotto). E anche se fosse? Non spetta di sicuro al farmacista fare educazione sessuale e sottrarsi ai suoi doveri professionali.

      "Mi piace"

  • Anche io ho avuto la mia esperienza da discesa agli inferi…magari la racconterò.
    Continuo a essere sconvolta del perché si consideri questo farmaco al pari di un aborto; fare questa associazione è tanto assurdo come pretendere di affermare che il sesso debba essere volto solo alla procreazione. Ma chi può essere tanto ipocrita da osare affermare ciò?

    "Mi piace"

    • Il problema è che ad ovulazione già avvenuta il farmaco ha come meccanismo d’azione quello di impedire l’attacco alla parete uterina dell’ovulo fecondato (sempre che sia stato fecondato). E per alcune persone questo basta a considerarlo un farmaco abortivo.

      A questo punto sorrido sempre un attimo pensando che questi non contraddirebbero il loro credo prescrivendo il farmaco a donne in fase preovulatoria, ma sono purtroppo convinto che negheranno sempre.

      "Mi piace"

  • La mia esperienza è semplicemente questa: vivo a Parigi e mi è capitato una volta di doverla prendere (ma veramente per scrupolo mio). Sono andata nella farmacia sotto casa e 6 euro dopo l’avevo già ingerita. E per chi volesse anche una consultazione, i centri di Pianificazione Familiare la forniscono gratuitamente così come pure tutti gli ospedali francesi.
    I più maliziosi potrebbero pensare che questo abbia portato ad una psicosi collettiva e che renda questo farmaco oggetto di abusi etc.etc. Non è assolutamente così. Le visite ginecologiche, essendo in questo paese civile considerate come normalissime visite, costano dai 23 ai 28 euro; in molti casi sono gratuite; in moltissimi casi la pillola prescritta rientra nei medicinali di base, e quindi non supera i 5-6 euro al pacchettino (3 mesi di contraccettivi). In tutto ciò, mai come a Parigi ho visto coppie giovani con figli. La gravidanza essendo programmata è una gravidanza felice per la maggior parte delle donne che possono SCEGLIERE.
    Ecco cosa dovrebbe essere uno dei capisaldi della coscienza dei medici di base: il benessere PSICOLOGICO e FISICO dei pazienti. Non il proprio credo religioso o l’ignoranza.

    "Mi piace"

  • Scrivo da Genova e per fortuna vi riporterò qualcosa di positivo: nel giro di 8 anni ho avuto bisogno della pillola del giorno dopo 2 volte, entrambe le volte sono andata al pronto soccorso, ho chiesto e sono stata indirizzata al padiglione di ginecologia, li un medico senza sguardi indagatori , me l’ha prescritta, spiegandomi anche che avrei potuto avere un ciclo sballato nei mesi a venire ma di stare tranquilla che tutto rientrava nella norma. Uscita da li in farmacia (2 diverse) mi è stata data la pillola senza nessun problema ne sguardo o altro. Devo dire per fortuna che altre mie amiche a cui è servita non hanno avuto mai il minimo problema!
    Elisa da Genova

    "Mi piace"

  • ciao, ho avuto bisogno della pillola del giorno dopo .. ho chiamato il mio medico non c’era quel giorno , la sostituta al telefono mi ha fatto una paternale sul fatto che fosse pericolosa per l’apparato circolatorio e bla bla bla e come obiettore di coscienza non me l’ha prescritta .. sono andata in ospedale (arezzo) al pronto soccorso ginecologico ho chiesto a un infermiera che ha sparso la voce tra le colleghe è arrivata una dottoressa che mi dice che dovevo passare dal pronto soccorso prima .. vado al pronto soccorso niente nemmeno li .. ero disperata ma poi mi han detto che avevo 72 ore di tempo … ho tentato l’ultima chance la guardia medica che comincia il turno alle 20 .. obiettore di coscenza anche lui .. per fortuna il giorno dopo il mio medico c’era e non è obiettore .. Debora

    "Mi piace"

  • Io frequento il consultorio AIED (ha diverse sedi), mi ci trovo davvero bene e mi hanno detto che prescrivono anche la pillola del giorno dopo. Purtroppo essendo una struttura privata è piuttosto costosa, ma penso che in caso di necessità possa essere comunque un contatto utile.
    Personalmente ho avuto bisogno della pillola del giorno dopo una volta in cui ero fuori città, mi sono recata al pronto soccorso più vicino, ho aspettato “solo” un’ora e sono stata ricevuta da due dottoresse che, ridendo e scherzando, mi hanno spiegato che nel mio caso non ne avevo bisogno (avevo avuto un disguido con la pillola contraccettiva), ma che volendo avrebbero comunque potuto farmi la ricetta e indirizzarmi nella giusta farmacia. Mi dispiace leggere di tutte queste esperienze negative, e mi sale una grande rabbia.

    "Mi piace"

  • Anche io come Merigei posso raccontare un’esperienza positiva..perche’ vivo in Francia. 7 euro, la farmacista ha fatto un commento assolutamente “neutrale” nel tono sull’importanza della contraccezione (ok, ma si trattava di un banale incidente con il preservativo), fine della storia. Ho pensato a come sarebbe andata se fossi stata in Italia nelle stesse condizioni e anche a me e’ venuta una granda rabbia.

    "Mi piace"