Alcune impressioni “a caldo” dopo aver visto “Strage di Donna”.

Iacona-PresaDiretta

Finalmente ci si occupa seriamente e con competenza di un tema come quello della violenza maschile sulle donne, e lo si fa in prima serata, domenica, su Rai3.

Sottolineo seriamente e con competenza perché in verità di questo tema se ne parla spessissimo, anche in televisione, in spazi abbastanza “popolari”, nel primo pomeriggio, per esempio, ma con effetti dannosi che provocano un vero e proprio boomerang. Insomma mai come in un tema come questo è meglio decidere (con responsabilità) di non parlare, che parlarne male. Cosa intendo dire? Che trattare il femminicidio all’interno di cliché che in questo blog sono stati più volti oggetto di trattazione, anche con un video (per citarne uno: il “raptus” improvviso dell’assassino e la sua una implicita assoluzione) , è dannoso, oltre che moralmente inaccettabile verso le donne uccise (ma ciò riguarda la coscienza individuale).

Tutto questo oggi, finalmente, non c’era.

Iacona ha fatto un vero e proprio reportage focalizzando l’attenzione sui punti che anche dal nostro punto di vista sono centrali:

  • le donne uccise subiscono prima dell’omicidio violenze fisiche e psicologiche da parte del futuro assassino

  • non si tratta mai di raptus

  • gli assassini compiono scientemente e lucidamente gli omicidi

  • gli assassini non sono matti ,  e quindi guaribili, non è possibile fare un identikit

  • tutte le donne assassinate sono donne forti e indipendenti che hanno detto “no” alla violenza subita, che intendevano uscire dalla spirale di violenza per riprendere in mano la propria vita; spesso avevano lasciato i propri compagni (ex mariti, ex fidanzati) i quali le “puniscono” uccidendole (se non sei mia, non sei di nessun altro è una frase tipica dell’assassino)

Un altro dato rilevante è che esiste una questione meridionale e un divario profondo Nord e Sud anche sul tema della violenza sulle donne. Con questo non significa che vi sia una “densità” diversa di femmincidi. Le differenze su cui mi soffermerò sono lo specchio di una maggiore arretratezza della cultura e mentalità meridionale ( e non di un uomo “isolato” ma di un intero “contesto” marcio) ancorati anche nel 2013 all’idea di un possesso della donna da parte dell’uomo. Emblematico il servizio su Vanessa Scialfa, a Enna. In particolare segnalo due interviste. quella all’ex fidanzato Alessandro “geloso” (che spiava Vanessa da dietro a un muretto!) e quella alla migliore amica alla quale a 14 anni, il fidanzato “geloso” ha rotto un braccio.

In linea tendenziale possiamo dire che le donne del Sud sono lasciate sole dal contesto sociale di riferimento (vicini di casa, amici o parenti omertosi), mentre al Nord le donne spesso col supporto della famiglia si rivolgono alle Istituzioni (denunciano anche più volte prima dell’omicidio il loro aguzzino).

In entrambi i casi le donne sono abbandonate e muoiono nel silenzio omertoso che quando non è dei vicini, amici o parenti complici, è quello più assordante e rumoroso di uno Stato che non riesce a proteggere le cittadine e i cittadini che gli si rivolgono. E proprio questo dato è inquietante: il limite della giustizia e dello Stato ad adempiere al proprio ontologico e primario dovere di protezione (a fortiori quando le assassinate hanno più volte chiesto aiuto alle Istituzioni attraverso denunce, rimaste ferme a impolverarsi in qualche luogo).

Un altro aspetto fondamentale della puntata di Iacona è stato lo spazio dato ai “protagonisti” della vicenda. “I cattivi”, diremmo, gli uomini violenti. Le parole di uno degli intervistati, che segue un training in un centro-antiviolenza fa riferimento alla propria esperienza di violenza verso la compagna malmenata, ecco le sue parole fedelmente riportate nel concetto sostanziale (ma non nella forma): quella della violenza è una escalation che dalla violenza verbale si traduce in quella fisica, fino a quando ti si spegne la luce. Non a caso le coltellate non sono mai una, ma tantissime. Non capisci più nulla . L’uomo non si mette in discussione mentre la donna è in continua evoluzione, e va più avanti, tanto ché la distanza aumenta e diventa irraggiungibile. Esiste una sola scorciatoia grazie alla quale l’uomo può recuperare vantaggio: l’uso della propria maggiore forza fisica.

Parlano e s’interrogano questi uomini violenti, fanno una cosa che le donne fanno da sempre.” dice alla fine del servizio Iacona, il quale, continua, rivolgendosi agli uomini “Ci possiamo riconoscere anche solo in parte in questo racconto?”. Mi pare che merita di essere sottolineato questo punto. Non solo questa puntata è stata condotta da un uomo, ma Iacona non si rivolge alle donne (come quasi sempre accade, come se ad avere colpe o responsabilità ad essere ammazzate siano le stesse donne!) ma ai veri responsabili di questa mattanza: gli uomini.

L’ultima parte della puntata invece è stata dedicata allo Stato “complice”, e alla sua non-strategia nell’affrontare efficacemente la questione della violenza.

Una donna su tre è vittima di violenza nel nostro Paese, stando all’ultima statistica Istat del 2007 (da allora non sono più stati aggiornati i dati). La legge sullo Stalking, l’unica arma in questo momento in mano alle donne che subiscono violenze, è solo del 2009 ed è largamente inattuata. Non esiste in Italia un osservatorio sulla violenza, e infatti non abbiamo dati ufficiali infatti sulle donne uccise. Nel nostro Paese i centri antiviolenza operano nell’assoluta precarietà, alla mercé delle discrezionali e discontinue “attenzioni” che l’ente locale di riferimento (o per meglio dire la sensibilità di chi lo governa) ha su questi temi, e quindi nel disporre finanziamenti. Non a caso il Sud ancora una volta mostra un’inadeguatezza e arretratezza (la regione italiana più grande d’Italia, la Sicilia, ha una sola casa protetta a Palermo con 15 posti letto! Mentre in Molise non esiste nessun centro), rispetto al Centro e Nord del Paese, dove i centri sono molto più numerosi. Fino al caso del SudTirol dove vi è una precisa strategia politica di investire ingenti risorse (1 milione e mezzo la provincia di Bolzano) solo per i centri antiviolenza. E’ il modello austriaco.

Voglio riprendere le impressioni di Alessia per sottolineare la forza di questa puntata di “Presa Diretta”:

“Iacona dice che le donne sono forti, sanno dire no. Non le dipinge come i media fanno sempre, vittime e complici, ma come persone. persone che subiscono violenza e moltissime volte denunciano. Iacona interroga gli uomini! Non mi sembrano piccolezze sulla nostra tv!”

Nota a margine: il fatto che nel corso della puntata abbia visto primeggiare la Sicilia, tanto come teatro di violenza quanto per inadeguatezza e assenza di strategia politica in tal senso, essere citata e conquistare un record in negativo, da siciliana, mi ha doppiamente allarmata.

Advertisements

10 commenti

  • stregadellosciliar

    Ottimo Iacona. Finalmente! E quando capita di poter parlare di una buona TV, perché non farlo? Grazie Elena :-)

    Mi piace

  • Avendo avuto la possibilità di vederlo dal vivo recentemente e sentirlo parlare di femminicidio con sensibilità, competenza e rispetto devo dire che, nonostante l’atrocità dell’argomento, mi si accende un lume di speranza. Grazie per l’articolo, lo rebloggo.

    Mi piace

  • Reblogged this on La Zitella Felice and commented:
    ANCORA GRAZIE A RICCARDO IACONA, CHE PARLA DI FEMMINICIDIO CON IL LINGUAGGIO ADEGUATO, CON LE ADEGUATE COMPETENZE E, SOPRATTUTTO, RIVOLGENDOSI AI DESTINATARI ADEGUATI: GLI UOMINI.

    Mi piace

  • Il reportage (che va a braccetto con il libro di Iacona che è uscito qualche mese fa) è stato ottimo.

    Seguirlo leggendo i commenti degli spettatori su Twitter all’hashtag #presadiretta un po’ meno.
    Mi pare che nessuno abbia capito che dare voce agli uomini non fosse endorsement, ma informazione.

    Mi piace

  • Condivido, Iacona come la gabanelli sono la buona televisione, giusto valorizzarla. Ho seguito un pezzo della trasmissione ieri sera e mi èparsa davvero lontana dagli stereotipi, forte, non una semplice denunciua ma qualcosa di più

    Mi piace

  • Iacona ha assunto la prospettiva giusta per affrontare il problema: niente giustificazioni, niente morbosità ma sobrietà, approccio razionale senza essere tuttavia asettico. Un uomo che davvero vuol fare chiarezza con sensibilità abbattendo molti luoghi comuni del cattivo giornalismo

    Mi piace

  • Quoto in pieno tutto quello che hai detto: è quello di Iacona il modo giusto di parlare di femminicidio. Mi è piaciuto molto anche come ha “steso” i negazionisti su ilfattoquotidiano.tv! Del programma “Strage di donne” mi ha colpito, tra le altre cose, il fatto che il fidanzato di Vanessa Scialfa non era drogato, come tutti i giornali dicevano e ciò che ha detto quell’uomo in cura: ‘Le donne ti lasciano senza parole quando ti dicono qualcosa e allora non puoi far altro che difenderti con la forza’. E’ verissimo! La verità gli fa male.

    Mi piace

  • Pingback: Il meglio della settimana #marzo 1