Videogiochi e rappresentazione femminile: pressioni per togliere l’immagine di una bimba in copertina

The-Last-of-Us-Ellie

Abbiamo parlato spesso dell’assenza di figure femminile nei videogiochi o della rappresentanza di queste in modo stereotipato. Nei precedenti post, siamo andate ad indagare sul fenomeno che porta all’esclusione delle figure femminili arrivando ad ipotizzare che esso è una volontaria operazione di marketing, poiché i videogiochi sono rivolti ad un target maschile. Questo è insomma quello che sta alla base del sessismo nell’industria dei videogiochi. Oggi possiamo scoprire che tutte queste ipotesi hanno un fondamento, anche se in questo caso più che di rappresentazione femminile dovremmo parlare di rappresentanza.

Grazie a questo post abbiamo sollevato un dibattito, infatti a pochi giorni di distanza una nostra lettrice ci segnala una notizia a dir poco vergognosa: i produttori di un nuovo videogioco “The Last of Us” hanno ricevuto pressioni per togliere un personaggio femminile dalla copertina, una ragazzina di tredici anni di nome Ellie.

8251318447_5790cc4ff9

Secondo quanto è accaduto, Naughty Dog avrebbe ricevuto le pressioni a causa della convinzione che la presenza di personaggi femminili avrebbe comportato il calo delle vendite a meno che non ci fosse stata una donna svestita e sessualizzata, poiché “l’immagine di una donna in copertina potrebbe incrementare le vendite solo se svestita, altrimenti risulta fuorviante per i potenziali acquirenti che potrebbero pensare ad un titolo di serie b“, questo perché da una parte si accosta erroneamente i videogiochi ad un target maschile, da un’altra tutto ciò che è femminile è considerato stupido, dalla convinzione che le donne sono inferiori. Questo pregiudizio, produce una doppia discriminazione di genere: in primo luogo, la rappresentazione stereotipata delle donne, in secondo luogo (ma di medesima gravità) ne consegue l’esclusione delle donne dal target di potenziali acquirenti producendo giochi sessisti, come quelli che denunciamo ogni giorno e che accompagnano la nostra infanzia fino all’età adulta. Che dire delle bambine sempre confinate in un mondo rosa confetto e frivolo che quando “non sono al loro posto” scatenano reazioni al sapore di santa inquisizione? Il direttore creativo Neil Druckmann e la doppiatrice Ashley Johnson (la voce di Ellie la ragazza nella copertina) infatti confermano che il tutto viene fatto perché si ha paura di vendere meno con le donne in copertina.

Ci chiedono di non mettere le donne sulle cover perché hanno paura di non vendere abbastanza copie. Deve essere per questo motivo che solitamente vediamo i protagonisti maschili in bella mostra sulle copertine dei videogames. Si tratta, comunque, di un preconcetto errato, e infatti noi di Naughty Dog, dopo esserci consultati, ci siamo rifiutati di acconsentire alla richiesta.

“Sento come non mettano donne in copertina per paura di infelici vendite del gioco” – ha detto l’attrice – “Come se pensassero che i videogames non possano vendere con una donna in copertina piuttosto che uno spavaldo bellimbusto al proprio posto”.

Questo conferma quanto è ancora sessista la società occidentale e quanto l’esclusione delle donne è una realtà tutt’oggi ancora presente. Ed è per lo stesso motivo che nei media le figure femminili appaiono così stereotipate. E’ difficile rappresentare le donne così come sono perché si pensa che agli uomini non piacciano e che per questo debbano stare in ruoli circoscritti.

Ma il sessismo, come abbiamo detto, non si limita ad un solo videogioco. In The Guardian of Light di Tomb Raider ci sarebbe dovuto essere un tentativo di stupro nei confronti della protagonista Lara Croft. Secondo le parole pronunciate da Eisenberg durante un’intervista a Kotaku “Lara sarà sequestrata, picchiata, ferita e subirà un tentativo di stupro”. Questo fatto scatenò le polemiche delle donne, tornando a discutere sul ruolo delle donne nei videogiochi, dove l’alternativa all’invisibilità è la sessualizzazione o la vittimizzazione.

Secondo le femministe francesi questo fatto è il classico esempio di come lo stupro venga banalizzato e reso “eccitante”, ad altre non è andato giù lo stereotipo della donna che in quanto tale dev’essere stuprata o è destinata a subire uno stupro. Inoltre, Lara viene rappresentata in modo stereotipato: non è più un personaggio forte che deve difendersi ma un essere debole che induce il giocatore a non identificarsi in lei ma ad agire per difenderla come farebbe qualsiasi uomo “virile” nei confronti di una donna in difficoltà. Del resto queste sono le parole del creatore che hanno scatenato polemiche. Insomma, quel che è peggio è che mentre nei film trattare il tema dello stupro non fa scalpore poiché in termini narrativi, in un videogioco è molto diverso perché è l’utente a controllare l’azione. Come ricorda il Guardian, troppo spesso il tema dello stupro viene usato dagli scrittori per mostrare la debolezza e la sottomissione delle donne ma anche la sensualità, secondo il luogo comune che lega lo stupro all’avvenenza estetica della vittima, come  Lara Croft, eroina sexy, disegnata come oggetto di desiderio degli uomini. Poi Rosenberg smentisce ma lo stupro resta. Insomma, il sessismo nei videogiochi è una realtà talmente radicata che gli stereotipi sulle videgiocatrici, etichettate come maschiacce o incapaci sono molteplici. Per questo in America se ne parla spesso, ma è bene che il dibattito fiorisca anche qui in Italia dove il numero di videogiocatrici cresce di pari passo.

10 commenti

  • E’ incredibile come coloro che dicono d’osservare i comportamenti dei consumatori (e dovrebbero, perciò, essere esperti del subconscio collettivo) siano, in realtà, i più miopi in merito. Non vedono i comportamenti diffusi, ma una maschera che essi stessi calcano sul volto del “target”. Con quali vantaggi, poi, non saprei davvero. ;-)

    Mi piace

  • Non capisco le polemiche su Lara Croft: il giocatore, maschio o femmina che sia, si identifica con Lara quindi deve neutralizzare lo stupratore, deve difendersi…non c’è nessun sessismo, c’è una donna aggredita che si difende e il giocatore “è” Lara. Non condivido le polemiche sulla “banalizzazione” dello stupro in Tomb Raider
    Quanto al fatto che abbiano chiesto di togliere un personaggio femminile dalla copertina per paura delle poche vendite mi pare molto grave e questo sì sessista..spero non lo tolgano dal videogame

    Mi piace

    • Ma no paolo! Ho riportato le parole dell’autore!

      Mi piace

      • l’autore ha detto che Lara subirà un tentativo di stupro ma è implicito che si sarebbe difesa..tu giocatore sei Lara e devi neutralizzare i tuoi nemici se vuoi continuare il game e salire di livello..è vero che io non ne so molto di videogame ma dovrebbe funzionare così

        Mi piace

      • No xD Ha scritto parole testuali che il tentativo di stupro è un atto voluto così i giocatori non si immedesimano in lei ma negli uomini che in quanto donna vorrebbero salvarla. L’ho letto in un giornale quando ho tempo linko perché mi sono dimenticata di farlo.

        Mi piace

      • bè allora ha detto una fesseria con tutto il rispetto. Come avviene in ogni videogame è il giocatore a far muovere il protagonista all’interno di una data cornice, quindi in questo caso il giocatore è Lara e non può evitare di identificarsi con lei mentre gioca..se poi se ne “innamora” come spesso capita con questo o quel personaggio immaginario è un’altra storia comunque non c’è nulla di male.

        Mi piace

      • Non è che ha detto una fesseria, evidentemente il loro ruolo era quello, perché i videogiochi sono pensati come roba da maschi, infatti le protagoniste spesso sono sessualizzate o presentate con fattezze di un’estrema femminilità che le donne normali non possiedono perché amplificate. Non sto dicendo che uno non può innamorarsi di Lara Croft xD anche io quando ero piccola mi innamorai di Milord di Sailor Moon ma questo è un altro discorso, intendevo altro xD

        Mi piace

      • bè anche gli eroi maschili dei videogiochi (a parte super Mario) di solito sono ipermuscolari.a quanto ne so, magari sbaglio, ma nemmeno questo urta: un videogame è un videogame e la realtà è la realtà. Sinceramente continuo a pensarla allo stesso modo sulle dichiarazioni che hai riportato: lui può dire quello che vuole ma se il giocatore fa agire Lara Croft, mentre gioca ilgiocatore è Lara Croft e deve far fuori l’aggressore
        Poi forse sono sessista (ma se lo sono credo che me ne farò una ragione), ma se un uomo, più o meno “virile” vuole difendere una donna da uno stupro mi pare positivo.

        Mi piace

      • “ma nemmeno questo mi urta”

        Mi piace

      • e comunque le parole di Katzenberg che per me rimangono discutibili, non impediscono a nessuna ragazza di giocare a Tomb Raider ed “essere” Lara Croft e neutralizzare l’aggressore

        Mi piace