Ancora orrore pubblicitario, ci risiamo! #LiberaInfanzia

 

Mi era sfuggita questa che circola da settembre a Foggia per pubblicizzare un corso di formazione professionale per estetiste di cui ne ha parlato la Lipperini

Esco reduce dalla visione di un programma televisivo che raccontava gli abusi sessuali sui bambini, Amore Criminale, e mi trovo davanti per caso a questo orrore. 

La scuola che ha prodotto quest’immagine, che sarebbe inutile commentare visto che vi è ritratta una bambina molto truccata con una punta di rossetto quasi infilato in bocca, è la Siri (il sito è QUI dove compare anche l’immagine) affiancata da altre immagini che descrivono professioni “femminili” con bambine che hanno le idee chiare cosa vorranno fare da grandi ossia badanti parrucchieri e assistenti dell’infanzia. L’immagine qui sopra circola in cartelloni pubblicitari tranquilla tranquilla ed è stata pure patrocinata dalla Provincia di Foggia, ma lo Iap dov’è?

Quanti anni può avere questa bimba?

5,6, 8,10,12…Non importa, è una bambina non ci sono dubbi!

QUI la loro pagina Facebook.

QUI invece il cartellone che circola in città:

 

Possiamo tollerare che circoli immagini di questo tipo e che venga normalizzata l’attrazione verso le bambine?

Di ruoli di genere stereotipati, di donne -oggetto, di canoni estetici rigidi ne abbiamo parlato tantissime volte, ma quando vi sono in mezzo bambine significa che abbiamo proprio superato il limite. Oramai non s’accontentano più rappresentare le donne come oggetti, vogliono il corpo delle bambine! 

Armiamoci di Iap (l’unico mezzo che ci tutela) e se volete potete scrivere alla scuola.

Giulia, la nostra lettrice ci fa notare giustamente un dettaglio importantissimo: la provincia con i soldi della commissione finanzia l’ente di formazione (questo significa quanta poca attenzione si dà alla rappresentazione corretta dell’immagine femminile anche da parte del governo) e lei ci fornice gli indirizzi per scrivere alla provincia di Foggia:
SG-PLAINTES@ec.europa.eu
provincia@provincia.foggia.it

Inoltre vi fornisco anche gli indirizzi della consigliera di Pari Opportunità:

http://www.consiglieradiparita.provincia.foggia.it/index.php?option=com_qcontacts&view=contact&id=1&Itemid=5

consiglieradiparita@provincia.foggia.it

E il recapito del comune di Foggia:

http://www.comune.foggia.it/DEFAULT.ASPX?Operazione=VisPosta

11 commenti

  • non c’è niente di male nelle scuole per estetiste (credo che se un uomo volesse iscriversi non lo caccerebbero) ma avrebbero potuto metterci una bambina che si impiastriccia con i trucchi di mamma invece di questo

    "Mi piace"

    • Una bambin che si impiastriccia con i trucchi della mamma sarebbe stata una classica immagine infantile poichè molte di noi abbiamo fatto così da bambine. Peccato che la pubblicità vada al verso opposto.

      "Mi piace"

  • Ed ecco il modo più semplice per farmi vergognare di essere foggiana

    "Mi piace"

  • inviata mail di denuncia alla commissione europa ed alla provincia di Foggia che, con i soldi della commissione, finanzia l’ente di formazione.
    Gli indirizzi sono:
    destinatario principale: SG-PLAINTES@ec.europa.eu
    con copia: provincia@provincia.foggia.it

    "Mi piace"

  • Cara Mary, care tutte le donne di Un altro genere di comunicazione! sono Elena Rosa e la mia associazione si chiama LOFFICINA http://www.lofficinadelledonne.it (il sito in rifacimento, ma si pu visitare) da oltre otto anni mi occupo di analisi e denuncia della pubblicit di genere e, tra le tante, sono riuscita a fare bocciare dallo IAP il calendario 2011 di Oliviero Toscani e lo spot Alfa Romeo Giulietta della Fiat. Ho lavorato 25 anni in una grande agenzia di pubblicit e uno dei mieiobiettivi realizzare campagne contro la comunicazione di genere scorretta e dannosa. Oltre alla campagna a favore della condivisione del lavoro domestico e di cura con il patrocinio di Pubblicit Progresso (la trovate sul sito) ho realizzato per il comune di Torino “Svendi il mio corpo? tieniti i tuoi prodotti!”, sto lavorando ad una campagna a favore della rappresentanza femnminile in politica, e altro ancora. Insomma, facciamo lo stesso lavoro ma voi siete ATTIVISSIME eBRAVISSIMEe ho la sensazione che le mie denuncie molto spesso siano un “duplicato” delle vostre. Poich credo che l’unione fa la forza, vorrei condividere con voi: vivo a Torino e credo voi a Milano, siamo vicine e vorrei incontrarvi. Ditemi quando, un abbraccio elena rosa 011854371 -3492528761

    "Mi piace"

    • Ciao Elena, mi piacerebbe poter collaborare con te. Ti ringrazio per averci contattate, il tuo lavoro e’ importantissimo. Se lavori da otto anni sono le nostre denunce il duplicato,dato che siamo attive dal 2009 eh eh eh:)
      Io non abito piu’ a Milano da tempo e sono lontana ma ho delle collaboratrici che abitano piuttosto vicino:) se non leggono il commento ne parlo con loro. Questa e’ una bella occasione che non andrebbe sprecata!
      Un abbraccio
      Mary

      "Mi piace"

  • stregadellosciliar

    Ciao Elena! Io sono una delle collaboratrici che vive non distante da Milano. Ottimo! L’occasione mi pare incredibile e assolutamente imperdibile. Dunque, teniamoci in contatto.

    "Mi piace"

  • Ciao Mary, non appena ho letto il tuo post, ho inviato una mail di segnalazione allo IAP e ti ho messo in copia. Spero che serva. Grazie per il vostro infaticabile lavoro.

    "Mi piace"

  • Pessima pubblicità! Vi piace invece questa? Parla di un papà che prepara i figli per andare a scuola mentre la mamma è fuori per lavoro:

    "Mi piace"

  • Mira Nacheva Zimmerhackl

    BRAVE!!!!! Cosi me sento orgogliosa di essere DONNA!!! Grazie!

    "Mi piace"