I danni del sessismo

calendario-ryanair-2012-copertina

In Gran Bretagna alcune donne aprono una petizione contro i calendari sessisti di Ryanair. L’hanno firmata in 9000, ritenendola una sorta di istigazione alle molestie sessuali contro le dipendenti della linea e contro tutte le donne.

Spiega Samantha: «Se uno dei dipendenti finisce vittima di molestie sessuali, con uno spot del genere Ryanair si espone al rischio di una causa legale». Il motivo? Presto detto. Chiarisce ancora l’avvocato Mangwana: «Per legge, i datori di lavoro devono prevenire la discriminazione e le molestie nei confronti del loro personale». Va da sè, invece, che «questa pubblicità incoraggia l’esatto opposto». Una sorta di istigazione alle molestie. Che dato il rischio paventato da Russell Jones & Walker, potrebbe costare un bel po’ di sterline nel malaugurato caso di molestie a qualche assistente di volo della compagnia di Michael O’Leary. […]

Non si sbagliano perchè pare che un gruppo di ricercatori abbiano rilevato che le riviste maschili che usano quelle immagini, ad esempio, usano la stessa retorica degli autori di reati a sfondo sessuale.

La ricerca è stata realizzata nello stesso luogo dove è partita la petizione: nel Regno Unito. Il team, formato da ricercatori della Middlesex University e dell’Università del Surrey, ha presentato gli argomenti dello studio con alcune descrizioni di donne tratte da quattro delle riviste maschili più vendute nel Regno Unito e commenti sulle donne fatti da alcuni stupratori detenuti. La maggior parte delle persone che hanno preso parte allo studio erano incapaci di distinguere le citazioni prese dalle riviste dalle citazioni dei detenuti per stupro.
Gli esiti sono stati pubblicati sul British Journal of Psychology, rivelando che degli uomini che hanno preso parte allo studio, un campione randomizzato di 96 soggetti di età compresa tra 18 e 46 anni si è identificato di più con i commenti fatti dagli stupratori che non con le citazioni tratte dalle riviste maschili. Sia gli uomini che le donne itervistati hanno classificato le citazioni delle riviste maschili come più denigratorie, trovando difficoltà a determinare a quale gruppo appartenessero. (Immaginatevi che danni ha apportato tutto ciò in un Paese come l’Italia dove l’oggettivazione femminile è ovunque e non limitato alla sole riviste maschili).

Dallo studio:

[…]La dott.ssa Hovarth commenta: “Siamo rimasti sorpresi nel vedere che i partecipanti si identificavano di più con le citazioni degli stupratori e siamo preoccupati che le strategie di legittimazione che gli stupratori usano quando parlano delle donne siano più familiari a questi giovani uomini di quanto ci aspettassimo. Queste riviste contribuiscono alla legittimazione dei comportamenti e degli atteggiamenti sessisti e devono essere più responsabili nel modo in cui descrivono la donna, sia con le parole che con le immagini. Danno l’impressione che il sessismo sia accettabile e normale – quando invece dovrebbe essere rifiutato e contrastato. Gli stupratori cercano di giustificare le loro azioni suggerendo che sono le donne a provocare gli uomini o che vogliono fare sesso anche se dicono di no. C’è chiaramente qualcosa che non va se le persone pensano che il tipo di linguaggio usato nelle riviste maschili potrebbe venire da un detenuto per stupro.”
Un altro degli autori dello studio, il dott. Peter Hegarty dell’Università del Surrey, dice: “Fondamentalmente ci si preoccupa che il contenuto di queste rivisti normalizzi il trattamento delle donne come oggetti sessuali. Non siamo guastafeste o bigotti che pensano che non ci dovrebbe essere informazione sul sesso per i giovani, ma ci chiediamo se gli adolescenti e i giovani siano meglio preparati a una vita amorosa e sessuale appagante quando considerano normale un immagine della donna che è inquietantemente simile a quella riflessa nel linguaggio dei colpevoli di reati a sfondo sessuale.”
Lo studio mette in luce l’importanza di educare i giovani sul sesso in modo che non debbano basarsi sull’immagine distorta e patinata del sesso creata dagli editori delle riviste maschili. Lo studio è un invito rivolto a questo settore di comportarsi con responsabilità e rivedere le proprie posizioni.
Anna van Heeswijk, manager delle campagne per OBJECT, un gruppo attivista per i diritti umani che si oppone all’oggettificazione della donna, suggerisce che non c’è mai stato un momento migliore di questo, è in corso infatti un esame profondo della stampa nel Regno Unito, perché questo avvenga. Spiega: “Se vogliamo veramente che si metta fine alla discriminazione e alla violenza contro le donne e le ragazze, dobbiamo contrastare gli atteggiamenti e i comportamenti ad esse associati. Questo significa intervenire sulle pubblicazioni che li promuovono. L’Inchiesta Leveson sta attualmente esaminando la cultura e l’etica della stampa. Questi allarmanti risultati dimostrano inequivocabilmente il bisogno che l’immagine della donna sia inclusa nelle competenze di questa inchiesta. Adesso è il momento di agire.”[…]

Ha profondamente ragione Ico Gasparri quando si chiede chi fosse il maestro del lupo cattivo, ricerca fotografica ventennale concretizzatasi in un magnifico libro che ho letto con interesse.  

QUI la petizione, firmiamola anche noi!

Mary

19 commenti

  • ma quindi ora non ci possono neanche essere le riviste maschili come playboy?
    p.s. il calendario mi sembra fuori luogo , cioè dovevano fare vedere gli aerei i posti di vacanze non donne svestite.

    Mi piace

    • Un conto è il nudo e l’erotismo, un altro sono i messaggi che certe riviste maschili fanno passare sulle donne. Una volta lessi un articolo su un quotidiano maschile che consigliava gli uomini di scoparsi le donne e poi buttarle via come stracci, un’altra rivista invece senza mezzi termini affermava che le donne dicono no ma in realtà vorrebbero dire sì, un invito allo stupro?
      Playboy comunque è maschilista, il suo fondatore affermò ad esempio che le donne sono oggetti sessuali.

      Mi piace

    • @Alessio Sportaro: no, riviste come Playboy non dovrebbero proprio esistere.

      Mi piace

      • allora bisognerebbe vietare pure il nudo, e mi sembra che playboy venga venduto in tutti i paesi occidentali anche quelli più avanzati.

        Mi piace

      • secondo me non dovrebbero esistere tante cose ma non possiamo vietare per legge tutto ciò che ci offende o riteniamo dannoso, l’importante è il pluralismo cioè che le immagini di playboy non siano le uniche

        Mi piace

  • @ Alessio esistono riviste maschili del tutto rispettabili, così come esistono riviste femminili dello stesso tipo. Puoi leggere tranquillamente quelle che non hanno come unica idea l’immortalare la donna come un manichino vuoto e erotico a servizio dell’uomo.

    Saluti

    Mi piace

    • la il nudo artistico è sempre esistito fin dal’ antichità.

      Mi piace

      • Una cosa è il nudo artistico, un’altra è il nudo erotico. Sono due cose differenti.

        Mi piace

      • Fannie io questa differenza non la vedo.

        Mi piace

      • Alessio, questo vuol dire solo che non hai capito cosa sia il nudo artistico, allora. XD Non credo, ad esempio, che le statue greche volessero essere sexy. :P O almeno, chi le ha scolpite non aveva quello come obbiettivo. :)

        Mi piace

      • si sta facendo una gran confusione: l’eros non è incompatibile con l’arte

        Mi piace

      • la distinzione tra nudo artistico e nudo erotico è fuorviante, non vorrei che si negasse la valenza erotica che un nudo anche artistico può avere: l’Olympia di Manet (che tra l’altro rappresenta una prostituta d’alto bordo) o la Venere di Urbino di Tiziano (a cui Manet si ispirò) sono artistiche o erotiche? queste valenze non potrebbero convivere? Una scena erotica in un film d’autore non è arte? è un discorso molto complesso (cosa è arte e cosa no, cos’è l’eros ecc…)..per me il nudo usato a scopo pubblicitario non può essere considerato arte tanto più se il prodotto pubblicizzato non ha niente a che fare col corpo e con l’eros

        Mi piace

  • gli interventi di Paolo1984 e Alessio Sportaro sulle riviste maschili capitano proprio a fagiolo.
    guardate questo post di “vita da streghe” su una recente ricerca a proposito di riviste maschili:
    http://vitadastreghe.blogspot.com/2011/12/la-retorica-delle-riviste-maschili-e.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+VitaDaStreghe+%28Vita+da+streghe%29
    Paolo, non è una questione di “vietare” le riviste maschili, ma di far raggiungere alla gente un grado decente di consapevolezza riguardo questi argomenti. se facciamo capire alle persone che non è corretto trattare le donne (ma anche gli uomini) come oggetti, stai tranquillo che queste riviste non avranno più ragion di vivere, sempre meno persone le compreranno e piano piano spariranno.

    Mi piace

    • sono d’accordo sulla consapevolezza, i risultati della ricerca sono preoccupanti..ma per esprimere un parere più ragionato dovrei leggere le riviste che hanno usato per la ricerca per conoscerne con esattezza i contenuti che posso solo immaginare (e non ho una gran voglia di leggerle sia perchè le riviste “maschili” non m’interessano sia perchè queste sono in inglese e non ci capirei molto, temo)

      Mi piace

    • ma il fatto che ad una persona piacciono le donne più o meno svestite delle riviste maschili,non significa che consideri le donne degli oggetti.

      Mi piace

  • Il problema non è se il nudo è artistico, erotico o pornografico, bensì che la donna venga vista come un soggetto e non come un oggetto. Il problema di queste riviste è che sia da una parte, che dall’altra, dipingono il rapporto uomo-donna come una caccia, un chi-sottomette-chi.
    Comunque l’homepage di Ryanair Italia “http://www.ryanair.com/it” è quasi peggio di questo calendario.

    Mi piace

    • tralasciando l’argomento riviste e parlando di amore ed eros in generale direi che se c’è seduzione, se c’è gioco non c’è davvero sottomissione. Scusate se sono OT

      Mi piace

      • scusa Paolo ma non capisco cosa c’entrino l’amore e l’eros con un calendario della Ryanair.
        e comunque non c’è davvero sottomissione anche quando c’è rispetto.

        Mi piace