Spogliala!

dem

Una nostra  lettrice ci segnala questa  nuova trovata pubblicitaria arrivatale per posta (ecco, non solo ci inquinano la tv e le strade con qeuste schifezze, ora anche la posta elettronica, se non è spam questo): per invogliare i clienti a comprare un etilometro si usa la donna-oggetto ammiccante da spogliare con un soffio.

Questo è decisamente troppo. Mi chiedo?

– Solo i maschi si ubriacano?

– Cosa c’entra la donna nuda con l’etilometro, se non ha la valenza di alimentare il solito pregiudizio che discrimina le donne dal potere di acquisto, rappresentandole pure come oggetti?

-Inoltre, per invogliare gli uomini a bere di meno ci vuole una modella ammiccante, sono così’ imbecilli e rirresponsabili questi uomini come ci fanno credere?

A tutte queste domande proverò a rispondere ma è difficile. Il problema è che la donna nella società italiana viene relegata  in posizione così marginale da non avere nemmeno potere di acquisto e da essere rappresentata come un oggetto da denudare soffiandoci sopra.

Vi invito a fare come facio io: segnalate allo Iap

Mary

3 commenti

  • La modella più che ammiccante mi sembra in trans.. Ha lo sguardo vitreo perso nel vuoto, il che è ancora più inquietante perchè sembra persa, alla mercè di tutti.. l’immagine trasmette un vero e proprio senso di violazione..

    Mi piace

  • Mentre guardo questo manifesto penso a tutte le ragazzine che vedranno in quest’altra donna – oggetto un modello da seguire.
    Non mi stupisce infatti che si ha sempre più nella mia generazione e in quelle successive una concezione del corpo come oggetto in vendita, da agghindare con questo o quell’accessorio futile, in cui non si riconosce l’esistenza di una psiche e di una intelligenza che va educata e nutrita.
    Non stupiamoci se con simili modelli di riferimento tante preferiscono fare le baby prostitute per mettersi in relazione con gli altri e mettere in vendita se stesse per una cintura nuova o un cellulare, e magari compiere in quel momento un grave atto contro la propria psiche. Sono tante le ragazze che hanno fatto questa fine per raggiungere modelli irraggiungibili.
    Mi fa ancora più male pensare a ragazzi che vedranno in questa ennesima donna trofeo il loro ideale di “femmina”.

    Mi piace

  • A me scoccia che il senso dell’oggetto venduto, l’etilometro, e la funzione importantissima che potrebbe avere si perde nelle cosce della bionda e nell’essere “fashion”. Cioè il fatto di essere responsabili e di assicurarsi di non avere un tasso alcolico superiore alla norma e quindi potenzialmente pericoloso è del tutto secondario. Il senso è l’etilometro è figo perchè è nella confezione figa, con la ragazza figa. E’ un gioco, tutto un grande gioc. Boh.

    Mi piace