Groupon e gli stereotipi: Le femministe sono pelose!

0710femministe

Pigliarsela con il corpo delle donne pare non vada più di moda secondo alcune aziende, sopratutto quelle che lo usano in modo corretto, dal momento che per pubblicizzare iloro prodotti hanno bisogno di un corpo femminile, e allora per provocazione, sicuramente ispirate alle sempre più crescenti polemiche da parte del mondo femminista contro lo sfruttamento dell’immagine femminile, qualche azienda se la piglia con le femministe (anche qui), promuovendo i soliti clichè che accusano ogni femminista di scarsa cura estetica.

Molte donne, anche non essendo dichiaratamente femministe, accusano da anni il mondo pubblicitario di ridurre la donna come oggetto e di richiuderla all’interno di gabbie, costrette a seguire un modello estetico rigido e stereotipato. E’ anche questo fattore che ha scaturito le nostre polemiche, fraintese da alcuni giornalisti che anche loro ci hanno accusato di aver paura della bellezza e quindi implicitamente di essere cesse.

“Cessa” è l’epiteto che da secoli viene appioppato ad ogni donna, sopratutto femminista, che si scaglia contro l’uso del corpo femminile come ornamento estetico, epiteti che vengono utilizzati da chi è convinto che il ruolo femminile è tale e quale a come lo vede rappresentato su qualsiasi tv, pubblicità e media.

Groupon è una di queste. L’azienda per promuovere un centro estetico di depilazione tira in ballo il solito clichè sulle femministe, anche per offendere quelle che (magari per carenza di soldi) non vanno da loro a farsi depilare. Ricapitolando: l’epiteto della femminista usato come dispreggiativo a chi non sceglie il loro centro e l’epiteto della pelosa alle femministe che oseranno attaccare la Groupon per qualsiasi motivo futuro.

La segnalazione mi è stata fatta da una lettrice femminista, che denuncia la crescente violenza antifemminista o meglio misogina delle campagne pubblicitarie che vengono realizzate sul nostro territorio e mi segnala che la Groupon le ha mandato un email con tanto di stereotipi e poesia di Leopardi storpiata in questo modo (bello schiaffo anche alla cultura sopratutto in tempi gelminiani!):

“La ceretta vien dalla campagna, in sul calar del sole, col suo fascio dell’erba e reca in mano un mazzolin di rose e viole…”

Prendersela con le femministe è una cosa indegna perchè significa essere complici della violenza contro le donne e non essere favorevoli a principi paritari tra uomo e donna, poichè il femminismo è un movimento di donne creato dalle donne per lottare contro ogni forma di violenza, discriminazione e per fare in modo che la parità tra uomo e donna venga raggiunta. Non è una bella cosa svilire questo movimento e allonananarlo dalle donne, veicolando questi messaggi sopratutto in un contesto come l’Italia dove la parità è ben lontana dall’essere raggiunta e dove ogni tre giorni viene uccisa una donna ed è chiaro che per questo motivo abbiamo disperato bisogno di femminismo.

Abbiamo faticato tantissimo ad ri-unire le sorellanze distrutte da quell’antifemminismo imperante che ha diffuso una propaganda per paura del movimeto femminista italiano che nel ’70 era il più forte ed unito d’Europa ed è colpa di questo clima reazionario che ci troviamo al 74° posto per parità tra uomo e donna. Clima che sta tornando a galla nonappena fiutato che “le streghe son tornate”.

Groupon in un contesto come questo non solo si permette a svlire il lavoro che stanno realizzando le donne in questo periodo, facendo notare che ci sono due tipi di donne: le femministe, quelle odiate dagli uomini (maschilisti) e le donne quelle che seguono con amore il ruolo che le è stato affidato, ossia spendere in tempo di crisi tanti soldi in un centro estetico per una depilazione.

Beh cara Groupon, io la ceretta me la faccio da sola. Noi femministe siamo abituate ad essere autonome. Per coincidenza prima di leggere quella segnalazione avevo acceso il fornellino della mia ceretta come faccio sempre ogni venti giorni da ormai dieci anni.

Mary

34 commenti

  • l’ho visto stamattina e volevo segnalarvelo! mi avete battuta sul tempo!!

    Mi piace

  • Potreste dirmi qual è la città oggetto dell’offerta? Io sono iscritta a Groupon, ma non mi è arrivata nessuna mail del genere O_O

    Mi piace

  • la lista delle società da boicottare si allunga… addio groupon.
    che bella la foto all’inizio del post!

    Mi piace

  • mi sono cancellata al volo!

    Mi piace

  • Io sono una femminista convinta ma mi depilo!
    Sono una “donna in carriera” ma lavo, stiro e faccio la sfoglia!
    Faccio un lavoro “da uomo” ma ho i caratteri sessuali femminili!
    Aaaaaaahh! Che crisi d’identità!!
    Aiutatemi, come posso fare? Non c’è qualche prete che redime le donne emancipate, come fanno coi gay??

    Mi piace

    • Purtroppo no ç_ç Dovremo ormai abbandonare ogni speranza e accettare il nostro destino… forse, forse, potresti provare in estremis con un esorcista, so che nel medioevo aiutava molte donne con pensiero proprio. :D

      Mi piace

      • Tra l’altro è da anni che su libri, giornali e siti si leggono articoli su quanto e donne soffrano di questa supposta confusione derivante dall’aver abbandonato i loro ruoli tradizionali.
        Non conosco UNA, ma dico UNA donna che soffra per questo problema.
        Le donne soffrono per mancanza di leggi che le tutelano, per problemi economici, per problemi in famiglia, di salute, per la mancanza di un welfare, a causa della violenza, dell’ignoranza, della moda e dello sfruttamento, cioè a causa di cose reali, non a causa di concetti, quali possono essere i “ruoli”.

        Mi piace

      • Appunto u.u

        Mi piace

  • Ma perchè Groupon non si può limitare a descrivere adeguatamente l’offerta, aspetto sul quale invece è scarso, invece di inventarsi queste genialate?
    Io, come acquirente, non voglio leggere una poesia o qualche battuta sarcastica, no: voglio leggere cosa comprende ESATTAMENTE l’offerta, in che tempi, dove, secondo quali modalità, come si prenota, per quanto è valida.
    E invece dobbiamo leggere queste stupidate e poi trovarci ad avere mille problemi col coupon perchè non avevamo capito certi dettagli dell’offerta in quanto non specificati.

    Mi piace

  • si sono basati su un clichè che magari negli anni ’70 avrà avuto qualche riscontro nella realtà, ma oggi è decisamente superato: l’emancipazione o il “femminismo” di una donna non dipende dalla peluria che ognuno ha il diritto di trattare come vuole.

    Mi piace

    • Ma infatti, è un po’ come quando si dice ad esempio “sembri un camionista” per indicare una persona un po’ rozza, non penso ci sia in realtà l’intento di offendere i caminionisti, ma si va a riprendere uno stereotipo…

      Mi piace

  • stavo pensando ad una cosa divertente loro parlano degl immigrati ma se prendiamo i paesi di queste persone(i paesi dell’ est non quelli del meditteraneo) in tali paesi molte delle loro idee(diciamo meglio la loro principale ideologia)è vietata per legge.

    Mi piace

    • Oddio, ma adesso che cazzo centra un post di femminismo a sud? Ma loro sono libere di scrivere quello che gli pare nel loro blog senza che qualcuno faccia copia incolla tanto per sputare veleno su ogni cosa che scrivono. Evidentemente, visto che conosco quel blog e le persone che vi scrivono, (non direttamente, dico nel senso che ho capito che tipo di persone sono) dubito possano davvero odiare i brutti senza nessuna ragione, io penso più che altro che quel post sia stato uno sfogo nei confronti di molti di questi qui del sito uominibeta che si definiscono brutti e inguardabili e che poi vanno a rompere le scatole offendendo nei blog. e.e

      Per me una persona con scarsa intelligenza, volgare e piena di stereotipi non piace sia che sia brutta sia che sia bella, ma non possiamo negare che la rete stia pullulando di individui che credono che il mondo li odi perchè brutti.

      Alessio, ti consiglio di non attaccarti a questi due idioti, finchè sei in tempo. Non credere che solo perchè non sei un super fusto (che poi dalla foto mi sembri pure carino, onestamente u.u ) devi farti venire complessi. Ormai da quando è entrato Mauro hai palesemente rinunciato a dialogare civilmente e hai iniziato a offendere solamente, anche più di quando ti inventavi strani complotti comunisti provenienti da chissà dove.

      Non può farti bene seguire le idee contorte di queste persone. Prendiamo Mauro. Dalla sua foto non è bello, ma è un normale uomo che se non fosse entrato in questa spirale di vittimismo e odio sarebbe certamente più sereno con se stesso, visto che è un uomo come ne vedo miliardi. Poi prendiamo Ste, che mi sembra più un ragazzino delle medie per come ragiona, anche lui mi sembra una persona che non si ama affatto. Invece tu, Alessio, mi sembri solo insicuro, mi sembra che ti stai attaccando a due persone che odiano se stesse perchè è più facile odiarsi che amarsi, alla fine. Te lo dico perchè sei ancora in tempo: Non farti trascinare da questi due.

      Mi piace

      • hailey grazie del complimento alla fine non mi sono mai considerato brutto almeno non ò mai avuto problemi per questo l’ autostima non è in pericolo diciamo cosi , poi non ti sembra di esagerare non mi sembra di offendere solamente anche perche se no gran parte dei miei commenti sarebbero stati censurati e di non discutere poi le mi idee sono state sempre cosi ben prima che ci fosse mauro e ste e il fatto che neanche leggo i loro blog è una conferma che non condivido le loro idee, io non odio le donne non mi sembra di essere misogeno vorrei solo trovare una compagna tutto qui essendo che sono abbastanza sfortunato in amore dici che sono insicuro no più che altro pessimista su certe cosenon che mi pianga adosso ma di certo non sono ottimista poi quella sugli immigrati e che stavo leggendo un altro articolo e mi è venuto in mente di scrivere quello e non mi sembra di essere stato ne offensivo ne volgare al massimo OT , poi quello che ò scritto è la pura verita, hailey tu conosci quelle di femminismo a sud?

        Mi piace

      • Ne sono felice. :) No, non ho mai detto che tu sia misogino. Dico solo di non lasciarti influenzare da quei due. :) Comunque vedrai che andrà meglio anche in amore, te lo dice una che con le storie proprio non ci sa fare ma non perde la speranza. XD

        Mi piace

  • ehi al sud la gente è più indietro? ma come ti permetti, e poi la mafia la nord c’ è , ci sono le riprese di capomafia che celebravano riti di affiliazione a milano.

    Mi piace

  • danzatriceorientale

    Beh, senza offesa, ma chi lavora in ambito estetico non è che brilli per intelligenza (sebbene la nomea di oche frivole ce l’abbia chi l’estetica la cura)… vi faccio un esempio: la mia estetista dice che a una certa età le donne dovrebbero tagliarsi i capelli, che le aziende è meglio che le guidino gli uomini, che se a 35 anni non sei sposata sei zitella e tutti i soliti cliché del cazzo che mi hanno veramente stancata.

    Mi piace

  • ahah e io che devo dire che conosco alcune ragazze che non si fanno problemi ad andare in giro in shorts e gambe non depilate, e non sono femministe per niente… anzi. E comunque depilazione o no sono sempre carine, non è che due peli all’improvviso fanno di una donna uno scimmione, eh…

    Mi piace

  • “dati riferiti al 2005”
    …ma no!? Buongiorno, siamo nel 2011. Usare un articolo di 6 anni fa (per di più tratto da Il Giornale, quasi quasi mi sorprendo) per difendersi non mi sembra proprio il massimo. A parte questo, hai letto almeno l’inizio dell’articolo? “È di sesso maschile, uccide in famiglia e lo fa per motivi passionali, soprattutto donne oltre la sessantina.” E’ ovvio come dici tu che non si possa dare la colpa alla società, ma è anche dura negare che la società faccia da cassa di risonanza a ogni omicidio, specialmente se si tratta di donne, e ancora peggio se sono state ammazzate più brutalmente del solito, perché i gialli “reali” fanno audience. In questo modo, la tv italiana fa sembrare qualunque omicidio la normalità. Conosciamo tutte le vite private di Melania, Sarah, Yara. Hanno sbirciato nei loro diari, messaggi, ci hanno fatto sentire intercettazioni e dialoghi vari, tanto che ormai sembra di parlare di vecchi amici. In un contesto in cui la violenza diventa “normalità” la colpa non è solo dell’assassino, ma anche di chi ti martella quotidianamente con lo stesso messaggio fino a farlo sembrare qualcosa di normalissimo. Naturalmente, questa è una cosa che non deve allarmare soltanto le femministe, ma TUTTI, indipendentemente dal sesso. Finché saranno SOLO alcune donne a farsi carico del problema femminicidi e violenze sulle donne, mentre il resto della società lo deride (=Sacconi), sminuisce (=Alemanno) o ignora (=tutti gli altri) (e non capisco se lo facciate per spavento o perché davvero convint* che il femminismo voglia togliere qualcosa agli uomini), la strada da fare sarà ancora lunga.

    L’Italia più sicura della Svezia? Ah, ah. Toh, prendo dati del 2006. Svezia: 0,8133. Italia: 0,6456. (0 = sessismo imperante, 1 = parità)

    2011:
    Svezia: 0,8024 – 4° posto,
    Italia: 0,6765 – 74° (sì, settantaquattresimo) posto.
    Dati del Global Gender Gap, che non è redatto da Il Giornale (che tra l’altro non cita nemmeno fonti ben precise, link, o altro).

    “credo che il successo del femminismo sia dovuto agli uomini che l’hanno teorizzato”
    A parte il fatto che non è facile stabilire chi l’ha teorizzato per prim*, ma non mi pare di rammentare nessun nome maschile. Ma al di là di questo, pensi che cambierebbe di significato se fosse stato un uomo a teorizzarlo? Pensi davvero che le femministe non vogliano uomini nelle loro battaglie?

    “teorie farlocche”
    Definiscimi la tua contro-teoria seria e logica per favore, sono curiosa.

    “il femminismo crea ostilità tra uomini e donne”
    In che modo un movimento per la parità può arrivare a creare ostilità? (hai letto bene, “parità”, non “predominio” o “sottomissione”)

    Mi piace

  • Femministe?! Ma quali femministe! “le donne del suo tempo” non erano necessariamente TUTTE femministe. Mary, io adoro questo blog, ma quando c’è da fare una critica,ritengo opportuno farla:

    E’ vero, la frase-storpiatura se la potevano risparmiare, tuttavia in tutto il trafiletto riguardante il servizio, non vedo nessun implicito o “subliminale” riferimento alle femministe. Si parla di donne in generale.

    Che poi debbano essere state o meno “felici e tripudianti” dell’avvento della ceretta, è un altro conto.

    Chiamiamo le cose con il loro nome per piacere.

    Mi piace

    • “Donne, donne… oltre alle gambe c’è di più!”: omaggio a Sabrina Salerno e alle infinite discussioni contro la donna-oggetto nelle trasmissioni televisive.

      D’accordo con Sabrina e con i paladini dell’onore femminile, Groupon è comunque dell’idea che ci siano alcuni trattamenti di cui tu non puoi proprio fare a meno. Come la depilazione, un fatto estetico, senza dubbio, ma allo stesso tempo un’operazione che nessuna donna vorrebbe trascurare. A meno che tu sia una femminista super convinta e – in questo caso – salta pure al prossimo deal!”

      Si parlava di questo sopratutto..ma quel pezzo mi ha disgustato per gli stereotipi contro le donne rappresentate come sceme e legate all’estetica e poco alla cultura.

      Mi piace

    • Le femministe vengono citate nell’altra delle offerte di Groupon segnalate da questo articolo. La prima linkata.

      Mi piace

  • Cara Mary, leggo sempre con molto interesse i tuoi articoli sul problema delle donne in Italia. Siamo uno dei paesi più patriarcali del mondo e non ce ne accorgiamo! La cosa che mi piacerebbe sottolineare, però, consiste nel fatto che è cosa emerita denunciare tutte le pubblicità, le evidenze misogine di cui il nostro paese è tanto ricco, ma non mi sembra abbastanza il tempo e l’impegno dedicato a ricercarne le cause.
    Infatti mi sembra troppo stupido accusare semplicemente “i maschi” di potere aggressivo e mancanza di rispetto per le donne.
    In realtà, perchè lo fanno? Anche loro sono ingabbiati, come noi, in un modello antico e sessista che non vedono e che li rende aggressivi e rabbiosi.
    Perchè non studiamo quale inconscia invidia, incapacità e rabbia si nascondano dietro i loro atteggiamenti ottusi?
    Capire nel profondo il “nemico” ( le virgolette sono d’obbligo!) è il miglior modo per cambiare le cose.
    Io ho fatto molti studi in questa linea e ho scritto dei libri importanti.
    Mi piacerebbe condividere queste riflessioni.
    Grazie.
    Mirella Santamato

    Mi piace

  • Un po’ mi spiace perché su Groupon trovavo spesso offerte interessanti, ma finché promuovono in questo modo i centri estetici io non comprerò più nulla tramite quel sito!

    Mi piace

  • Tipico dei neofascisti. Quelli che loro disprezzano sono puzzolenti o pelosi. Che scarsa originalità!

    Mi piace

  • Kiu pilo x tutti :) (scherzo eh)

    Mi piace

  • Conosco la persona che ha scritto quel deal. È una ragazza intelligente e brillante, ama viaggiare, odia gli stereotipi e ha un grandissimo senso dell’umorismo. So come la pensa e di sicuro è molto più femminista di molte presunte femministe che hanno commentato questo post.

    Leggete bene quella frase e trovateci solo un po’ di ironia. Poi fermatevi lì, che è meglio. Cosa serve tirare fuori dietrologie assurde? Cosa serve parlare di neofascismo? Non vi sembra tutto molto esagerato e fuori luogo? Il problema della discriminazione di genere è qualcosa di serio e complesso. Parliamone, ma nel modo giusto.

    Mi piace

  • Anch’io ho una Nuvette ma di un’altra serie. Ci sono figurate delle rose e dietro c’è scritto: “Non ci sono più le ragazze romantiche di una volta. Non è vero”
    http://www.nuvenia.it/Pages/General/FlashContainer.aspx?id=58357

    Mi piace