After Eden mantiene le promesse?

Si presenta così il sito web incriminato per la presenza di immagini di bambine in pose sexy. Pochi giorni fa abbiamo mandato una mail di protesta alla sezione italiana dell’azienda chiedendogli di ritirare quella campagna. Oggi la home dell’After Eden è in manutenzione e come promesso hanno eliminato quel rosa sessista e quelle terribili immagini che ritraevano baby modelle di circa 10 anni in pose troppo sensuali e inadeguate alla loro età. Ci chiediamo come intenderanno pubblicizzare in futuro la loro linea Boobs&bloomers e se useranno modelle più grandi e pose che non presentino ammiccamenti alla pedofilia.

Come sapete bene, nemmeno il nome ci piace, in quanto ci pare ispirato ad un film pornografico e associarlo a delle bambine di dieci anni è ancora più fuorviante per non dire che è inammissibile.

Ci comunicano che anche la Coin, catena che distribuisce il marchio nei suoi punti vendita, ha ritirato la campagna pubblicitaria in merito alle proteste che si sono create sul web.

Ma prima di cantar vittoria vi comunico che non abbiamo ottenuto a fondo i risultati voluti, perchè i manifesti pubblicitari sono ancora presenti sulle nostre strade e nell’Aquafan di Riccione, il quale non ne ha voluto proprio sapere di ritirare le immagini, nonostante le proteste di alcuni visitatori.

Cosa faremo? Mandatemi le vostre sottoscrizioni all’indirizzo comunicazionedigenere@email.it  o su questa pagina di facebook e io stessa scriverò una lettera collettiva allo IAP e all’Aquafan (o i rispettivi comuni che l’hanno diffusa) assieme alle vostre firme (con città di residenza) per chiedere il ritiro di quelle vergognose immagini. Siamo già a 130 firmatari e vi ringrazio di cuore!

Vi comunico che chi ha sottoscritto l’iniziativa di protesta contribuisce anche all’adesione della nostra campagna Libera Infanzia, in quanto l’iniziativa è legata alla campagna stessa di cui si fa promotrice. Le loro/vostre firme saranno contributo per farla crescere in modo che cose del genere a danno dell’infanzia non debbano più ripetersi.

Mary

5 commenti