Buon esempio da La Spezia!

2579127607

Se le altre scuole prendessero esempio dal Liceo Costa o più in generale dal comune di La Spezia?

Ieri mattina presso il Liceo Classico “L.Costa”  è stato presentato un progetto di educazione di genere promosso dall’assessorato alle Pari Opportunità  di La Spezia e svolto dalle psicoterapeute dott.ssa Tiziana Ravazzolo e dott.ssa Stefania Valanzano dell’A.I.E.D. sezione della Spezia.

Lo  scorso anno è stato svolto un medesimo progetto presso il Liceo Scientifico “A.Pacinotti” sempre a La Spezia, dove gli alunni della II^D hanno aperto il blog “se questa è una donna” che da come vediamo purtroppo non è stato aggiornato.
 Per il progetto di quest’anno è stato preso come spunto il corpo delle donne di Lorella Zanardo ed è stato visionato agli alunni del liceo; mosso dalla necessità di coinvolgere i ragazzi a sviluppare una coscienza critica all’immagine femminile nei mezzi di comunicazione di massa. Il progetto si sviluppa nell’arco di tre incontri, di due ore ciascuno.

 

 
 Come è accaduto al liceo “A Pacinotti”, gli alunni  del Mazzini” e “L.Costa”, dopo il progetto, hanno dimostrato una mente critica agli stereotipi e aperto alcuni blog sui quali viene analizzata l’immagine femminile in pubblicità. Esempi sono i blog “Adulti si diventa… non ora, dopo”, aperto dalle ragazze della III D del Liceo Mazzini dove denunciano l’erotizzazione e l’adultizzazione precoce delle bambine (come noi con Libera Infanzia); il blog “Come fosse una bambola”, aperto dalla V D del Costa dove si analizza la mercificazione del corpo femminile nei programmi televisivi e nella pubblicità e il blog dei ragazzi della V C “I promessi in posa” viene valutata la relazione  che intercorre fra i generi, sottolineandone la disparità e il ricorrente ricorso a stereotipi di genere spesso di matrice sessista.

Questo progetto rivela il cambiamento ormai in corso e come le realtà locali siano stimolate ad educare le giovani generazioni ad un altro genere di comunicazione.

Pubblico il post invitando le altre scuole a prendere esempio da La Spezia, affinchè prendano le distanze dalla visione ancora steretipata dei generi tipica del nostro Paese.

Mary

2 commenti