Il burqa occidentale

IMG_2360

Questo 3×6 è stato avvistato da una mia lettrice in zona Agrigento/Palermo. L’inserzione pubblicitaria è rivolta ad una catena di negozi siciliana (Scaringi ndr) ma questo non giustifica per nessun motivo la presenza di quella modella completmente nuda e con le mutande quasi invisibili.

L’immagine è sessista per i motivi che questo blog ha sempre denunciato quello dell’immagine femminile racchiusa all’interno di uno stereotipo di genere che la vuole sempre nuda e sessualizzata, un burqa occidentale per intenderci.

Per altri motivi che ho denunciato sul blog, ripeto, non è possibile che il potere d’acquisto femminile sia sempre e ancora subordinato dallo sguardo maschile.

E’ ora di dire basta, perchè mi sembra veramente strano che nessuno ci faccia caso, ossia che le donne in italia contino così poco anche come consumatrici.

Basta a quegli spot che ci ritraggono sempre in casa a stirare le camicie del marito nonostante dichiariamo che “odiamo stirare” e ci rifilano il ferro da stiro tecnologico tanto per far tacere le nostre lamentale, perchè stirare è il dovere di una brava donna a cui non deve sottrarsi.

Basta a quegli odiosissimi e sessisti spot della Mercedes classe A:

Basta con quegli spot sulla cellulite che ci rifila la solita sfilza di culi.

Scriviamo all’azienda o allo Iap.

7 commenti

  • per cio che riguarda la pubblicita della macchina , c’ è anche la versione maschile ma è della wolskagen,per cio che riguarda scaringi , questa catena fa abiti sia per uomini e donne?

    Mi piace

  • Il manifesto della Scaringi fa schifo son d’accordo, per pubblicizzare una catena di abbigliamento non c’è nessun bisogno di mettere una donna nuda, penso che lo IAP dovrebbe sanzionarlo..Ma lo spot di Mercedes classe A perchè sarebbe sessista? Per via del rossetto prima di scendere dall’auto? non so, non mi da’ l’idea di una donna sottomessa, sembra una signora che va ad un appuntamento galante o ad una festa
    Negli spot dei prodotti anti-cellulite più che i culi, il problema è verificare se sti prodotti servono davvero a qualcosa o se non sia pubblicità ingannevole

    Mi piace

    • Quello della Mercedes è sessista perchè ci mostra una donna che pensa solo allo shopping e sessualizzata anche se non sottomessa come dici tu, poi perchè publbicizza l’auto come se fosse facile da guidare per le donne, veicolando lo stereotipo della donna incapace al volante.

      Mi piace

      • mary stai un po esagerando , c’ è uno spot identico della wolskagen dove il guidatore è uomo , poi alle donne in genere piace allo shopping e non ci vedo nulladi male, ma nella pubblicita si mette solo un po di rossetto e basta, al massimo avra un appuntamento.

        Mi piace

      • che lo spot giochi sullo stereotipo delle donne incapaci a parcheggiare è vero, quello che mi chiedo è quando i pubblicitari delle macchine capiranno che in certi stereotipi ormai le donne non ci si riconoscono più da tipo decenni… Insomma, è una cosa talmente arcaica che non fa nemmeno più ridere, è noiosa e basta

        Mi piace

      • maria ma esiste uno spot identico della wolskagen!!!! con guidatore un uomo.

        Mi piace

  • e poi apparte che in medio oriente pure le donne si stanno ribellando , definire questo burqa occidentale mi sembra esagerato , mica tutte le donne sono costrette ad essere cosi si può anche decidere di non essere cosi.

    Mi piace