Quando il gay-friendly scandalizza l’Italia

Succede in Italia, Paese pieno di contraddizioni, Paese dove chi va con minorenni può essere “assolto” o salvarsi da un processo o dove in un cartellone si possono rappresentare varie forme di violenza e di svilimento di genere.

Perchè in Italia è permesso diffondere 3×6 che rappresentano stupri e violenze di vari tipo (nessun parlamentare Pdl si scandalizza, a meno che non sia qualche ministra “ex-velina” solo dopo le nostro proteste) ma non si può esporre pubblicamente due persone dello stesso sesso che si amano e che si tengono per mano in modo semplice e non volgare, perchè in Italia da fastidio. perchè l’Italia piuttosto che una famiglia di omosessuali che si amano preferisce famiglie etero portate avanti a suon di relazioni violente spesso contro donne e i minori o preferisce dare solidarietà a chi picchia la moglie

Quello che gli svedesi non hanno calcolato è che l’Italia sta al 74° posto nel mondo per uguaglianza di genere (ben 70 posizioni sotto la Svezia). Nel nostro Paese la condizione femminile non è delle migliori , i diritti dei gay vengono ancora più calpestati.

C’è un sottile legame tra l’omofobia e il sessimo. Esso è una forma di sessismo che colpisce gli omosessuali in quanto fuori da quei canoni che stabiliscono quali parametri debba avere la virilità (che nel nostro Paese è rappresentata perfino da un modello molto malato).

Se la Svezia si piazza al 4° posto, ben 70 posizioni più avanti dell’Italia (e si vede!), in Italia i diritti di donne e omosessuali vengono continuamente calpestati.

Tornando a noi, le polemiche si infiammano proprio in quei giorni in cui Paola Concia, deputata del Pd, veniva aggredita perchè si teneva a mano nella mano della sua compagna. Aggredita in quanto omosessuale e in quanto donna. Aggredita perchè il suo essere lesbica, la sua sessualità era tanto diversa dal canone lesbo pornografico “strettamente ad uso maschile” maggiormente richiesto dall’occidentale medio, dove le lebische non si amano e non si tengono mai per mano ma consumano prestazioni sessuali con falli di gomma e varie performance che rimarcano molto i desideri maschili, perchè la nostra società ancora incentrata su un ruolo femminile strumentale, oggettivizzato, e ridotto a mero utero, insegna che le donne lesbiche non sono utili alla società. E’ chiaro che tali messaggi facciano pensare che anche è intollerabile che la tua sessualità sia libera anche quando lesbica, che devi stare lì ad aspettare che un uomo interagisca, quindi in parole povere, inciterebbero le più gravi forme di omofobia.

E proprio in quei giorni c’è chi alimenta questi episodi di omofobia. Perchè qui in Italia a differenza della Svezia manca una legge contro l’omofobia e il sessismo ed è chiaro che di fronte a mancanza di leggi e di programmi di educazione culturale si consumano più violenze, perchè le leggi nascono proprio per evitare questo.

Ricapitolando,la pubblicità ha dato molto fastidio ad un senatore sessista e omofobo di nome Giovanardi (esattamente quel sottosegretario della famiglia che vuole gli immigrati a casa, le donne fuori dai Palazzi e dentro le famiglie e cambiare esclusivamente pannolini, felici del  loro ruolo di madre e moglie senza scelta e i gay perseguitati). L’Espresso ha pubblicato una raccolta delle sue affermazioni che puzzano di razzismo, sessismo e omofobia. Vorrei tanto sapere cosa ne pensa il pidiellino del bunga bunga, ma mi sono accorta che non c’è bisogno di farsi domande. Conosco già la risposta.

15 commenti

  • invece la pubblicità di giovanna che vernicia la righiera in giarettiere e scollatura sexy che lascia intenere una storia a tre fra lei, lui (allupatissimo) e la moglie di lui superammiccante, quella non offende le famiglie?

    Mi piace

  • apparte che la deputata si chiama Paola e non Laura , poi nel post scrivi “maggiormente richiesto dall’occidentale medio” riguardo alle lesbiche, non pensi che stai un tantino generalizzando essendo che parli di più di un centinaio di milioni di persone.

    Mi piace

    • Mi scuso per aver sdbagliato il nome della deputata. Non pensi che la fantasia delle lesbiche sia frequente nella magigorparte degli uomini che si ritengono etero? o almeno in italia, se no spiegami perchè come mai ogni programma televisivo ma ogni è pieno di donne che “lesbicano” tra di loro, compresi i porno e le stesse pubblicità.
      Non vogliogeneralizare ma mi scandalizza che le persone omofobe magari sono le stesse che si masturbano dfavanti al video di due lesbliche in atteggiamenti sessuali. un esempio? berlusconi è omofobo ma poi chiss perchè le sue “odalische” facevano gli spettacolini lesbo.

      Mi piace

  • ma riguardo a berlusconi lui ha un accordo con la chiesa lui non è che ha ideologie, ha bisogno del grando nemico che ormai non c’ è più che è il comunismo e tante illusioni da vendere,poi pensa addiritura che quelli di casa pound sono favorevoli ad i matrimoni fra persone dello stesso sesso(la deputata in questione Paola Concia è stata una volta a parlare con loro) cioè dei fascisti meno estremisti di un cattolico(Giovanardi),il discorso più problematico che crea divisioni sono la possibilita che le famiglie omosessualli possono avere figli,quindi inseminazione artificiali madri in prestito ecc….

    Mi piace

  • Sono perfettamente d’accordo con Mary; credo che la questione della doppia morale sia fondamentale. Vorrei riportarvi alla memoria un esempio stupido, il primo che mi è venuto in mente. Facile essere omofobi, ma di fronte a una foto (allusiva a un rapporto lesbico e oltretutto incestuoso) come quella che venne pubblicata in copertina da GQ con Paola e Chiara (le sorelline “cantanti” nude e abbracciate) non credo si sia scatenata una polemica sulla lesione dei valori della famiglia, anzi! Questa la foto a cui alludo, trovata con ricerca google: http://www.google.com/imgres?imgurl=http://argento83.altervista.org/immagini/gq2.jpg&imgrefurl=http://argento83.altervista.org/magazine.htm&usg=__3Wb-ktVIq2SRrfjlJZeUFVZRmjY=&h=599&w=446&sz=35&hl=it&start=0&zoom=0&tbnid=9VvfRU5I8lmXDM:&tbnh=135&tbnw=101&ei=7OC2Tev4FofX8gOroZge&prev=/search%3Fq%3Dpaola%2Be%2Bchiara%2BGQ%26um%3D1%26hl%3Dit%26client%3Dfirefox-a%26hs%3DTU5%26rls%3Dorg.mozilla:it:official%26biw%3D1366%26bih%3D601%26tbm%3Disch&um=1&itbs=1&iact=rc&dur=355&page=1&ndsp=23&ved=1t:429,r:6,s:0&tx=37&ty=114
    Nel nostro paese la morale viene sbandierata in modo estremamente incoerente, non trovate? Pensate appunto al bunga bunga (dove le ragazze si toccano tra loro è vero!) o al caso Marrazzo. Il privato dei poltici non ci riguarderebbe se fossero coerenti e se si trattenessero dal fare pubblicamente affermazioni offensive come quella di Giovanardi nei confronti dell’innocentissima pubblicità Ikea.

    Mi piace

    • grande Giulia hai centrato in pieno!

      Mi piace

    • Dubito che Giovanardi e i cattoliconi come lui leggano GQ.
      Se quella foto di Paola e Chiara (che sono cantanti senza virgolette, anche se possono non piacere) fosse stata usata come manifesto pubblicitario affisso per le strade e visibile a chiunque stai pur sicura quante polemiche ci sarebbero state.
      Nel 2006 la Rai mandò in prima serata la fiction “Il padre delle spose” con Lino Banfi padre di una lesbica sposata in Spagna con la sua compagna, una fiction molto leggera e priva di scene “hot”, e ci furono polemiche, ci furono pure quando in Italia andò in onda una puntata di Ally McBeal in cui la protagonista baciava sulla bocca Lucy Liu vestita da uomo
      ed è di pochi giorni fa l’aggressione verbale subita da Paola Concia mentre passeggiava per strada con la sua compagna.
      Siamo ancora purtroppo un Paese bigotto e omofobo sia verso gli omosessuali maschi che verso le femmine.
      A me non scandalizza nè la foto lesbo-sexy di Paola e Chiara nè l’innocente pubblicità Ikea. Che Giovanardi sia un cattolicone ipocrita e vergogna dell’Italia come il suo padrone Berlusconi non ci sono dubbi.

      Mi piace

      • Beh allora spiegami come mai non critica il bunga bunga (con scene lesbo) la tv commerciale fatta di grandi fratelli con concorrentiche si baciano o “lesbicano” proprietà di berlusconi.

        Mi piace

      • Mary, l’ho detto che Giovanardi è un ipocrita e come politico berlusconiano non critica ciò che fa il suo padrone o ciò che succede sulle Tv del suo padrone. Ma tu ti aspetti coerenza da Giovanardi??
        Comunque sul bacio di Ally McBeal, mi correggo: Lucy Liu non era vestita da uomo, ricordavo male

        Mi piace

    • be per cio che riguarda la vicenda Berlusconi non si può invocare la privacy, perche il vero problema e che prima fa fare il bunga bunga alle ragazze e poi le mette in politica nei listini bloccati o nelle sue aziende.

      Mi piace

  • In Italia siamo filo-clericali. Va tutto bene, basta che non sei gay. Dalle bestemmie a stupro e pedofilia, tutto è giustificabile se non sei gay. L’omofobo più soft arriva e dire che se proprio non ne puoi fare a meno di essere gay almeno nasconditi, fino ad arrivare a quelli che giustificano le aggressioni omofobe perché secondo loro i gay provocano, magari solo perché si tengono per mano. Facciamo un esempio sottile: il vice presidente del Cnr De Mattei è stato giustamente richiamato da un esponente della Chiesa quando ha detto che il terremoto di Messina era un punizione divina, ma nessuno ha fiatato quando ha detto che l’Impero romano è caduto per i costumi omosessuali dei romani. A parte il fatto che l’affermazione è ridicola da qualsiasi punto di vista… Ma alla Chiesa interessa puntare il dito contro un capro espiatorio, così siamo tutti concentrati a condannare i gay per tutti i male del mondo (compresa l’estinzione della razza umana, pensa te!) e nessuno vede più il resto. Dai preti pedofili al riciclaggio di denaro, all’appoggio a dittatori e mafiosi. Il “male” è anche nella Chiesa ma questo la chiesa non potrà mai ammetterlo e così punta il dito contro i gay, una volta erano le donne (e un po’ ancora oggi)… E la politica italiana è la copia carbone del pensiero clericale, a volte mimetizzato in un linguaggio politichese a volte più esplicito. E vi vorrei ricordare che Merlo del PD ha dato ragione a Giovanardi.

    Mi piace

  • Cara Mary, cara Giulia, vorrei tornare su un concetto che reputo fondamentale: le scenette finto-lesbiche di Paola&Chiara, quelle dei programmi Mediaset, ed altri, di tipo porno-soft, fino alle squallide messe in scena a-casa- del-berlusca, non hanno niente a che vedere, né con le lesbiche, né con il lesbismo, né con l’essere lesbica. Sono soltanto delle messe in scena, delle esibizioni, delle rappresentazioni, di atteggiamenti omoerotici femminili, eseguite in funzione di una fruizione guardonistica maschile: insomma, delle scenette recitate per arrapare uomini bavosi. E fanno parte di una tematica pornografica, destinata ad un pubblico di fruitori maschili, che ha una lunga storia. Niente a che vedere con la consapevolezza del proprio orientamento sessuale fuori dalla norma da parte di tante donne, anche del passato, e del passato prossimo e, ovviamente, del presente. Pertanto, in quelle rappresentazioni, funzionali alla fruizione maschile e alla perpetuazione dell’autorassicurazione maschile, non c’è niente di “sovversivo” nè di contrastante rispetto alla cultura dominante nella comunicazione dei modelli. Sono perfettamente coerenti con la degradazione delle donne, il tettaculismo, etc. etc., Sono soltanto un altro giocherello optional del maschilimo delle immagini, si spera moribondo. Amen?

    Mi piace

    • Bè se uno vuole conoscere il lesbismo si guarda una puntata di The L World, mica i porno-soft., questo è ovvio.
      Comunque confesso che quella foto delle sorelle Iezzi mi attrae mentre gli spettacolini finto-lesbo di Arcore no.insomma sono un uomo bavoso, ma non troppo.
      e sicuramente dipenderà dal mio essere bavoso..ma non vedo nulla di degradante in due cantautrici adulte che si fanno fotografare in una posa che sì, ammicca ad un immaginario porno-soft o comunque a un eros lesbo patinato, l’importante è tenere quelle foto lontane dalla portata dei bambini.
      Mi chiedo però come mai, al di fuori delle riviste gay, non vedremo mai una foto simile con due uomini.., perchè non fotografare, chessò, Eros Ramazzotti e Tiziano Ferro in quella posa? (tra l’altro Ferro potrebbe pure essere contento..) oppure i fratelli Gallagher (sempre che si rivolgano ancora la parola, hanno rapporti burrascosi) e mi rispondo che non conosco nessuna donna che si ecciterebbe vedendo due bei maschioni in atteggiamenti gay…però magari mi sbaglio, in effetti vedere una foto del genere e le relative reazioni sarebbe interessante.
      Ora vado a pulirmi la bava però mi risulta che nel porno di recente si sono manifestate immagini diverse dalle solite, una certa pluralità (mi pare che in questo blog si sia già parlato di Erika Lust e Annie Sprinkle), ma scusate se torno su cose già discusse

      Mi piace

    • aspetta ti dimentichi che ci possono essere persone bisessuali.

      Mi piace