L’incoerenza nel difendere le donne

Questo è  il messaggio di Barbara d’Urso in una puntata di “a gentile richiesta” che trattava il tema della violenza sulle donne. Il messaggio può essere anche efficace ma è la poca coerenza che mi stupisce.

Barbara d’Urso chiede agli uomini di rispettare le donne ma continua a condurre programmi trash incentrati sull’umiliazione della figura femminile responsabili dell’incremento di questo fenomeno.

Ma Barbara d’Urso non è la sola. Michelle Hunziker ha un centro antiviolenza “Doppia Difesa” , è stata vittima di stalking, lavora come confdruttrice in tv ma anche lei più spesso è scesa a meccanismi sessisti pur di lavorare.

L’ipocrisia arriva perfino in politica con Mara Carfagna. Scesa anche lei in meccanismo sessisti ora occupa il ministero delle Pari opportunità, un gran paradosso vero?

Ma l’Ipocrisia è classica del nostro Paese. Guardate Antonio Ricci che pur di difendere il suo programma ha attuato una vera e propria macchina del fango.

Che dire invece della signora Franca Sozzani che lancia una petizione contro i siti pro-ana accusando Facebook ma ospita spudoratamente nella sua rivista immagini di modelle anoressiche?

Se difendere le donne fosse diventata una nuova logica di mercato per assolversi da chi li accusa di tutti i mali?

10 commenti

  • forse queste donne hanno confuso le “pari opportunità” con le “proprie opportunità” e quando uno confonde è difficile che capisca…

    Mi piace

  • un vecchio adagio sostiene che ” tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare “. un mare di ipocrisia, di opportunità mai rifiutate. proprio queste persone, attraverso il loro ruolo ” sociale ” e visibilie potrebbero fare tantissimo, potrebbero essere l’esempio specifico e perfetto per tantissime donne e ragazze, e maschi anche. invece dicono cose e ne fanno altre. quando ci sarà unità al posto di ambivalenza?

    Mi piace

  • danzatriceorientale

    Tutto il post può essere riassunto così: “Vedere la pagliuzza negli occhi del vicino e non badare alla trave che c’è nel proprio”.

    Ogni trasmissione/rivista/personaggio/creativo di spot pensa di agire sempre per il meglio e che il marcio sia negli altri.

    Mi piace

  • Credo anch’io che chi, da sempre, propone l’idea del genere femminile come un’umanità di serie B prona e sculettante, deputata a soddisfare le esigenze del genere maschile, siano esse sessuali o di accudimento domestico, finisca per svilire le cause importanti perché manca della minima credibilità. La D’urso non la prenderei neppure in considerazione, ma la Hunziker dovrebbe capire che se sceglie di essere la star di punta della tv più becera e maschilista dell’Occidente non può pretendere di spendere il suo volto in associazioni contro la violenza sulle donne: c’è una dissonanza totale.

    Mi piace

  • segnalo una cosa – anche se non so se ci sia realmente da allarmarsi.

    ieri ho visto 2 spot mediaset (italia1) – quasi uno di fila all’altro – abbastanza rivoltanti.
    ve li descrivo brevemente perché su YT non li trovo:

    in uno si parla di un nuovo reality interattivo (UMAN TAKE CONTROL) e il claim è tipo “i concorrenti saranno nelle tue mani… SARA’ COME GIOCARE CON DEI TAMAGOTCHI. UMANI.”

    il secondo è la pubblicità di un reality sulla chirurgia estetica (PLASTIK). e si vedono DUE BARBIE PARLANTI (intendo proprio le bambole mattel). una dice “vorrei tanto mangiare la torta, ma non voglio ingrassare” l’altra risponde “cosa vuoi che sia, tanto poi puoi farti un ritocchino!” (la citazione è libera, non ricordo le parole esatte, comunque il concetto è quello…)

    ora… potrebbero essere due spot IRONICI e magari i programmi NON SONO AFFATTO quello che sembrano.

    si vedrà. ma come si vede al link, perfino Roy De Vita che su realtime fa un programma simile, si è tirato indietro da Plastik dicendo che “anche i contenuti siano importanti, in televisione. Più dell’apparire.”

    Mi piace

    • mmhh dire che dobbiamo prima vedere il programma. Quello delle barbie potrebbe essere ironico o parodico non lo so, in caso contrario bisogna protestare.
      per quanto riguarda il reality interattivo è d una tristezza infinita…

      Mi piace

  • Barbara D’Urso, sarà tra i testimoni nel processo a Berlusconi per lo scandalo Rubygate…

    Mi piace