Due per te

189643_174961462555682_100001254870229_460623_6796296_n

Questa vergognosissima campagna sessista è stata segnalata su Facebook da un’utente che l’ha trovata su una rivista di moto (moto Special) . Per pubblicizzare il prodotto ci piazzano due ragazze in atteggiamenti lesbo. Si tratta però di un’omosessualità maschilista, basata sul fatto che le lesbiche non esistono e le donne si “toccano” aspettando l’intervento di un uomo che soddiferà tutte e due (o che si farà  soddisfare da tutte due come meglio dire).

Qui la donna è rappresentata unicamente come un oggetto sessuale, passivo e molto simile alle immagini pornografiche. Il messaggio è chiaramente maschilista: la donna viene sessualizzata a mero fine di piacere maschile, dove quest’ultimo viene considerato figo perchè è riuscito a “possedere” due donne lubrificate e vogliose in formato “copia”.

Il fatto che le due ragazze sono identiche non è puramente casuale, ma è una volontà di spersonalizzare l’immagine femminile riducendola ancora di più ad oggetto, rinchiusa al’interno di prestabiliti canoni estetici. il claim “usate anche voi l’originale” si riferisce palesemente ad una delle due modelle, probabilmente quella marchiata come una mucca e con il seno in vista.

Questo è il loro sito. e questa è la loro email: info@ceramicpowerliquid.com .

Molte utenti su Vita da Streghe hanno segnalato l’immagine allo Iap,altre all’Udi. Io scrivo all’azienda.

Ecco un utile modello:

 

Buongiorno a tutti voi della Ceramic Power Liquid,
 Non ho parole per esprimere il mio disappunto e la mia rabbia riguardo alla vostra scelta di aver creato una campagna così svilente nei confronti delle donne.
Sono convinta che voi immaginiate a quale campagna pubblicitaria mi riferisca.  
Sono venuta a conoscenza della campagna che avete realizzato per pubblicizzare i vostri prodotti grazie a svariate segnalazioni da parte di alcuni lettori del mio blog, che utilizzo per raccogliere le segnalazioni lesive alla dignità delle donne a fini di contrasto degli stereotipi di genere nella pubblicità.
 
Questa vostra campagna ha suscitato anche la mia indignazione. Pertanto in qualità di donna ovvero di persona e in qualità di collaboratrice con le più importanti associazioni femminili che si stanno impegnando da tempo nel contrasto di ogni forma di pubblicità sessista, vi chiedo di riflettere su quello che sto per dirvi e di iniziare a comprendere che la vostra scelta rappresenta per noi un grande svilimento.
 
Sono convinta che  il vostro modo di comunicare sia volutamente offensivo nei confronti delle donne. Questa convizione potrebbe rafforzarsi se non riceveremo alcuna risposta da parte vostra. Scegliere una forma di comunicazione così maschilista che incita la più vergognosa forma di riduzione della donna a mero oggetto sessuale, utilizzando stereotipi lesivi alla dignità femminile, dovrebbe in qualche modo veicolare un messaggio. 
Quale messaggio avete intenzione di comunicare?
Utilizzare quest’immagine solo per attirare consumatori di sesso maschile, discrimina in modo netto le donne, non solo dal potere d’acquisto ma lede l’immagine femminile riducendolo a mero oggetto sessuale. Anche se si fosse trattato di un prodotto acquistato sopratutto da consumatori maschi, non vedo perchè l’uso così stereotipato del corpo femminile dovrebbe essere giustificato.
E’ assai pericoloso diffondere messaggi simili in un contesto come l’Italia, dove le violenze contro le donne hanno raggiunto livelli allarmanti a causa di una percezione distorta del ruolo femminile nella nostra società.
 
In quanto donne e in quanto persone non abbiamo gradito la vostra provocazione, in quanto l’abbiamo percepita come l’ennesimo sopruso che ha come fine rafforzare stereotipi pericolosi, pertanto boicotteremo l’azienda pubblicizzata e la vostra agenzia, consigliando alle altre aziende di non rivolgersi a Voi.
Cordiali saluti
Un altro genere di cominicazione

 

3 commenti