Striscia l’ipocrisia

Dal video che vedete Striscia la Notizia ha creato una rubrica intitolata “svelate”, una sorta di “nuovi mostri” sulla mercificazione femminile. A presentarla sono le due Veline più parlanti e vestite che mai.

Le due Veline sembrano due robottini, parlano come fossero automi. E’ evidente che si sono studiate un copione a memoria, con tutto il tempo che Ricci le ha tenute mute  avrano pur imparato a memoria qualcosa!

La rubrica rivolge l’attacco alla stampa e ai giornali come la Repubblica e l’Espresso.

Questo invece è uno dei più recenti stacchetti. In occasione della sua battaglia ipocrita Ricci ha vestito le Veline.

Fino ad un mese fa le due simpatiche Veline erano così:

Tette in vista e inquadrature ginecologiche.

Come se un po di stoffa in più serva per restituirle (o restituirci) la dignità dopo 22 lunghi anni di svilimento. Se Striscia vuole censurare tutti i video presenti su Youtube per cancellare agli italiani la memoria lo può pure fare ma non serve a nulla. Le donne (e gli uomini)  italiani hanno la memoria lunga.

Queste Veline sono cresciute con queste immagini tanto da permetterle di aspirare a sculettare nel tg satirico convinte che quella fosse danza.

 La televisione ha manipolato le giovani generazioni atal punto di indurle ad ambire a sculettare in uno studio piccolo piccolo come questo:

Perchè in tv sembra tutto grande, tutto bello.

In Italia anzichè essere condannato, il sessimo viene pure  premiato.  ovvio che il premio non si rivolge alla presenza delle due Veline ma a tutto il tg satirico inclusi anche gli stacchetti. Non è una coincidenza se Ricci si sia voluto far bello nel periodo di questa manifestazione.

Antonio Ricci esporta il tg satirico all’estero, in Bulgaria con la versione Gospodari na Efira.

E hanno importato proprio tutto: studio identico (c’è pura una conduttrice bionda) e perfino i nostri stereotipi sessisti. La Bulgaria sta al 50° posto nel Global Gender Gap, non potevano trovare Paese migliore per concedegli largo uso di stereotipi sessisti seppur messi molto meglio di noi, al 74° posto.

Ora avrà una scusa in più per dire: lo fanno pure all’estero.

11 commenti

  • Ma io credo che le giovani generazioni non siano così manipolabili, come ho detto prima non credo che fare la velina per sempre sia davvero la massima ambizione di qualcuno, lo si vede come un modo per entrare in televisione e poi magari arrivare a fare altro (certo bisogna dimostrare di avere talento e fortuna) e non credo che qualcuno pensi davvero che quella sia danza, non certo Costanza Caracciolo che la studia da 15 anni
    Poi direi che vestendo le veline come se il problema fosse il nudo, Ricci ha dato ulteriore prova di bigottismo, se voleva fare una cosa innovativa doveva far loro condurre quella rubrica vestite coi costumi di scena.
    Ma poi alla fine anche in questa rubrica Svelate il problema non sono le veline, è Ricci che mette tutto nello stesso calderone, ho visto un’altra puntata di queste svelate dove se la prendevano con le foto di Courtney Love che è una rockstar, un artista, comunque la si pensi che ha fatto della trasgressione la sua modalità di espressione,e di Bianca Baldi che è una modella quindi ancora una volta si butta tutto nel calderone senza nessuna capacità di discernimento, in una maniera del tutto arbitraria. Poi che loro abbiano imparato un testo a memoria, bè questo lo fa chiunque debba recitare una parte…imparare a memoria un testo senza far vedere che l’hai imparato a memoria, quello è il vero talento e non so se loro ce l’abbiano.
    http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?12940

    Comunque per il premio degli Oscar Tv sono molto contento del premio a Belen Rodriguez, secondo me se lo merita per Sanremo e per il commissario Montalbano dove ha dato prova anche di saper recitare bene, atendo di vederla nel film di Cappuccio

    Mi piace

    • Mah, che Belen abbia dato prova di saper recitare è opinabile. È vero che dopo 15 anni di Fiction Rai ci siamo abituati a tutto, ma insomma…

      Mi piace

      • E vabbè, non è una grandissima attrice (lei è la prima a riconoscerlo), ma ha dato prova di volersi mettere alla prova con cose più impegnative e a mio parere, non ha fatto una figura di merda. Io lo apprezzo.

        Mi piace

    • Concordo in tutto, a parte sulla storia della Rodriguez, non ho idea di come reciti, sinceramente, mai ascoltata.
      Questa è la prova che chi accusa di bigottismo e il più bigotto. ^^ Anzi, l’unico. Dopotutto si vedono negli altri solo i propri sbagli e difetti, talvolta senza ragione.
      Ricci si arrampica sugli specchi, ma la mia paura è che ci sia chi non se ne accorge perchè è ormai abituato a guardare con superficialità queste cose. Per abitudine a questa tv.
      Fortunatamente non conosco in prima persona gente che vuole fare la velina o partecipare al Grande Fratello, ma di gente così ce ne sarà, gente che più che altro non crede di poter avere altri sbocchi se non il successo derivato dall’apparire.

      Mi piace

      • Comunque Eleonora Daniele ha partecipato al Grande Fratello e ora conduce Uno Mattina, Luca Argentero ora recita in film di qualità (non cinepanettoni, per capirci), secondo me se hai talento (e un po’ di fortuna) non importa se hai iniziato con un reality trash.
        Oensa ad Ambra Angiolini, avresti detto che sarebbe arrivata a vincere premi cinematografici (per Saturno contro di Ozpetek) e poi avrebbe fatto teatro diretta da Bellocchio?

        Mi piace

      • @Paolo1984

        Comunque Eleonora Daniele ha partecipato al Grande Fratello e ora conduce Uno Mattina […] Ambra Angiolini, avresti detto che sarebbe arrivata […]

        Questo è del tutto irrilevante.
        Se anche le veline fossero bravissime attrici, o presentatrici, il danno sociale rimarrebbe intatto.
        Che Ambra abbia avuto una carriera da attrice non rimargina il danno di una trasmissione demenziale come “non è la Rai”
        Non sono i personaggi a generare il danno ma quello che rappresentano.
        Purtroppo la televisione nel suo complesso è molto penosa, le veline sono solo la punta dell’iceberg.

        Mi piace

  • Ma che dici Mary, senza dubbio i bulgari afferreranno al volo l’intento parodico di Ricci nei confronti delle copertine dell’Espresso di 10 anni fa! :-D

    Mi piace

  • Sono io la donna che guardi
    e tutto ciò che di lei ti rammenti
    ogni volta che m’incontri.

    Sono io la donna che è affissa,
    quella che ammicca,
    quella che la telecamera fruga sotto la gonna.
    Sono io la puttana che sfotti,
    quella che compri,
    quella che adoperi per la tua astinenza

    e sono sempre io
    quella che appendi nella tua stanza.

    Sono io quella che dici brutta,
    che chiami vecchia, che è solo stronza.

    Sono io quella che baci sulla soglia
    e sono io quella che insulti
    appena uscito dalla porta.

    E non ricordo
    il giorno in cui ho dimenticato di sentirmi offesa
    per l’ironia con la quale mi hai messa in mostra
    ma so per certo
    che sono io la donna derisa dalla tua ignoranza

    e che ho smesso di ridere.

    Mi piace

    • Bellissima :) ma sei bravissima giò!

      Mi piace

    • «E non ricordo
      il giorno in cui ho dimenticato di sentirmi offesa
      per l’ironia con la quale mi hai messa in mostra
      ma so per certo
      che io sono la donna derisa dalla tua ignoranza

      e che ho smesso di ridere».

      Credo che non si potrebbe esprimere meglio lo stato d’animo di tante di noi in questo momento. Uno stato d’animo che è difficile da spiegare a chi non lo prova.
      Grazie Giorgia.

      Mi piace