I famosi pagati con i nostri soldi

isola_famosi_8_01

Accade che ogni anno in questo periodo venga trasmesso nel servizio pubblico un reality chiamato Isola Dei Famosi, una trasmissione molto discussa per la presenza di alcune arcorine…pagate con i nostri soldi.

Ritengo che il canone dovrebbe essere pagato per avere trasmissioni più interessanti, invece no, noi lo paghiamo dal nostro stipendio precario per mantenere quella gente famosa che viene strapagata per sculettare e per raccontare come si sono svolte le cene di Arcore. Tutto con i nostri soldi.

Con i nostri soldi paghiamo anche l’umiliazione imposta al genere femminile, ridotto ad oggetto sessuale con  inquadrature di seni, bocche, glutei e vagine a tutte le ore del giorno e pagate sempre da noi per recitare il ruolo dell’oca.

Con i nostri soldi pagheremo il premio che verrà assegnato al famoso che vincerà l’edizione.

Con i nostri soldi ci faranno pagare ancora  Raffaella Fico le Arcorine presenti alle cene del Premier.

Con i nostri soldi paghiamo dei programmi inutili e trash.

Sempre con i nostri soldi paghiamo anche i programmi sessisti e misogini della Rai e una disinformazione dilagante.

Come mai nessuno si lamenta?

13 commenti

  • Perché chi si lamenta è OUT… la Brigliadori ha osato avvertire la Fico che un giornalista le stava facendo una ripresa ginecologica dal basso e la Fico si è arrabbiata con LEI – poi Dirisio e la Palmas hanno infierito ulteriormente e la Brigliadori è diventata la “spaccapalle” del gruppo con il QI più basso d’Italia.
    (purtroppo ho visto tutto il siparietto… ceno proprio quando a casa vedono questa schifezza)

    Intanto, nel mondo reale… un’altra ragazza uccisa: hanno trovato il cadavere di Yara http://milano.repubblica.it/cronaca/2011/02/26/news/yara_ritrovato_un_corpo-12939034/

    Mi piace

    • Noi paghiamo anche questo con i nostri soldi…il resto lo pagano le donne e ragazze in natura che vengono uccise e stuprate perchè percepite come oggetti :( R.I.P Yara!

      Mi piace

      • Oltretutto questo programma viene fatto in Honduras sostenendo una dittatura. Gli anni scorsi avevano sbaraccato proprio a causa dell’instabiltà politica (lo hanno fatto in Brasile credo), adesso sono tornati noncuranti, come se nulla fosse..roba da matti, suppongono che la gente non sappia o non voglia sapere che i soldi del proprio canone finiscono anche nelle mani di chi affitta quella spiaggia. Sempre complimenti per il tuo blog, Mary, fai un lavoraccio e non ti invidio per nulla :)
        Un abbraccio, JO

        Mi piace

    • danzatriceorientale

      Chi si lamenta viene accusato di farsi le pippe mentali e viene invitato a trombare di più per risolvere il suo acidume, come se essere pensanti e parlanti escluda anche la possibilità di usare la vagina e come se, scusate se sono scurrile ma me le levano, come se la simpatia e la dolcezza di una donna fossero determinate dal numero di cazzi che prende a settimana.

      Mi piace

  • scusate il doppio commento ma INGENUAMENTE non pensavo che i soliti idioti di FB potessero arrivare a tanto… :(

    Dopo poche ore che si era venuto a sapere che il corpo senza vita di Yara Gambirasio era stato ritrovato a Ponte San Pietro, a una decina di chilometri da Brembate, dove abitava, è stato boom su Facebook ed in tutti i siti web, forum e contenitori di informazione d’Italia c’è stato un susseguirsi di commenti di affetto nei confronti di Yara e dei suoi genitori.

    Il nostro staff è andato in giro per il web alla ricerca di informazioni utili, su Facebook abbiamo trovato quello che non avremmo voluto mai vedere. In alcuni canali dedicati a Yara, alcuni utenti si divertivano a caricare foto di donne uccise, in obitorio, deridevano e commentavano Yara, offendendola. Immediato l’intervento degli amministratori del canale per cercare di rimediare al disordine, ma non è questo quello che ci preoccupa. Non si capisce come si possa arrivare ad un delirio tale da divertirsi su una ragazzina tredicenne morta. Utenti che inneggiano al nazismo, che indossano delle maschere bianche nell’immagine del proprio profilo, ci fanno capire molto sulla cruda realtà deviata di alcuni soggetti, e forse, ci fanno rendere conto di come si possa uccidere una ragazza di tredici anni come Yara per poi lasciare il cadavere buttato dietro i cespugli di una strada di campagna.

    Mi piace

    • Ho letto un gruppo su Yara, quello dello Zombie. Ho notato che è nato piuttosto come reazione alla speculazione mediatica..è una provocazione contro iprogrammi di Barbara d’Urso. Non vorrei sbagliare ma leggendo alcuni contenuti mi sembra che i troll stiano prendendo di mira i mass-media. Anche se alla fine sono eccessivi e si divertono ad offendere la memoria di Yara pubblicando delle foto di lei con la faccia verde da zombie su una locandina “Yara Zombie” e altre esternazioni offensive e schifose. Penso che la vera mancanza di rispetto nei cofnronti di Tara la stiano attuando le nsotre televisioni che pur di fare share strumentalizano vicende simili. Ok i troll saranno da condannare, per i loro contenuti eccessivi, ma il peggio del peggio viene dalla tv che offende ancora di più la memoria di questa ragazzina, parlandone in programmi faziosi solo x attirare ascolti.
      Innegiare poi al nazismo è cosa veramente idiota e non ho parole al riguardo. Comunque sia si tratta degli stessi trolletti (ho riconosciuto alcuni nomi).

      Mi piace

    • Oddio… sono rimasta praticamente sconvolta. Non voglio neanche andare a verificare, non credevo si potesse arrivare a tanto. Cioè, lo credevo, ma fingo sempre di vivere in un mondo dove non ci siano certi pazzi, che poi dire pazzi li fa sembrare le vittime delle situazioni, come se la loro fosse una malattia mentale e dunque non avessero colpa. Sono dei mostri, punto. Dei… non credo di avere parole per definirli. Dei prodotti di questa società sempre più schifosa.

      Mi piace

  • Non so se mi scandalizza di + Bruno Vespa o i troll. Onestamente i troll hanno anche rotto perche sono noiosi e scontati.
    D’accordo sull’isola dei famosi.

    Mi piace

    • Questa volta però i troll avevano ragione. Il loro gruppo era contro Mediaset e la speculazione mediatica. Volevano con il loro gruppo smascherare l’atteggiamento della gente e ci sono riusciti. Ora il gruppo ha cambiato nome e si chiama: Caso Yara: Tra falso buonismo e moralismo bigotto

      Mi piace

  • danzatriceorientale

    Mah, i parenti di molte vittime, si tratti di minorenni uccise o di morti sul lavoro o di terremotati, dicono di apprezzare i gruppi di sostegno e cordoglio: da parte mia, li trovo patetici e se quando crepo i miei conoscenti si azzardano solo ad aprirmene uno, li ho avvertiti che gli appaio sottoforma di spettro e li faccio morire di crepacuore.

    Mi piace

  • Ok posso essere d’accordo che i gruppi di sostegno e di cordoglio possano risultare patetici anche se penso che non sono tutti uguali. Ma dei gruppi che giocano all’umorismo macabro? se foste i parenti delle vittime apprezzereste le pagine e i gruppi dei troll?

    Mi piace

  • Se non altro quest’anno pare che l’isola sia il flop che merita di essere di essere. Forse sono troppo ottimista, ma vedo qualche segnale di risveglio.

    Mi piace