Mai

124_agos

Ecco qua un’orrenda pubblicità della agos che meriterebbe una denuncia. Qui non ci sono nè tette e nè culi ma viene denigrata la figura femminile mettendo in scena i più schifosi stereotipi sessisti.

Oscena questa pubblicità che ho trovato sull’Udi e non so se sia cartacea o sia apparsa su un cartellone. Vergognosa perchè coinsiste nella discriminazione delle interlocutrici femminili e dello svilimento più totale.

Denunciamola allo iap, scriviamo all’azienda. Messaggi così sessisti credevo appartenessero ormai ai lontanissimi anni ’50. E invece no riecco che tornano alla ribalta durante il medioevo del nostro Paese. Un  paese dove ancora molti credono che il posto delle donne sia solo quello di stare a casa e farsi belle.

Non ci sono altre parole….

11 commenti

  • E c’è chi si chiede l’utilità della manifestazione del 13 febbraio…

    Mi piace

    • è utile per far sentire le nostre voci..sarà difficile in un Paese come il nostro ma bisogna lottare per ottenere rispetto ed essere trattate come delle persone!

      Mi piace

  • Il medioevo del nostro paese, hai detto bene, e l’inverno del nostro scontento, per non parlare della rabbia che mi viene…

    Mi piace

  • danzatriceorientale

    Che strano: allora deve esserci qualcosa che non va, visto che chi ci governa dice tutto e il contrario di tutto nel giro di cinque secondi… colpa delle escort che lo distraggono, of course? ‘Mbecilli!

    Mi piace

  • ah, il caro vecchio stereotipo della ”donna stupida”… appunto, è vecchio, antico, sorpassato, non funziona, è un messaggio che ormai nessuno recepisce perchè nell’immaginario comune certi stereotipi non esistono più, se li ricordano solo i vecchi bacucchi (e bavosi)… Perchè i pubblicitari non si aggiornano?

    Mi piace

  • Agli anni ’50? Eh? Ma quando… Ragazz* fatevi un giro per i vari blog e forum e vedrete che quegli stereotipi non soltanto sono vivi più che mai, ma avallati anche da alcune donne che riconoscono di essere contraddittorie (… ridendoci su).
    Cominciamo a prendere come metro di paragone non più soltanto chi vi parla dal vivo, ma anche chi scrive in rete, perché dietro questa uno può sfogare tutto quello che non dice direttamente dal vivo.

    Mi piace

  • Segnalata!

    Mi piace

  • la donna stupida e impicciona… che originalità! dovrei cominciare a pensare ad una carriera pubblicitaria…

    Mi piace