Incitano pure alla violenza

foto violenza donna 3

Una mia lettrice mi ha segnalato questa pubblicità, apparsa sui mezzi pubblici qualche tempo fa a Piacenza.

Analizzarla o commentarla mi pare sia superfluo perchè è immaginabile che quella mano stampata sul volto di una triste modella suggerisce una violenza a giudicare dall’espressione di quest’ultima e della posizione dell’impronta.

La campagna girava per mesi sui mezzi pubblici ma non ha impedito le proteste delle donne che hanno suscitato anche l’interesse della stampa e hanno portato il responsabile a sostiuire la campagna e utilizzare come modella,una bambina allegra con la faccia pasticciata dalle sue manine. Immagine che la  stessa lettrice non condivide, in quanto si tratterebbe di utilizzo dell’immagine minorile a scopo commerciale.

Fatto sta che è intollerabile che i pubblicitari arrivino anche ad incitare un fenomeno così diffuso nel nostro Paese. E’ intollerabile questa mancanza di rispetto che mi da l’impressione che i diritti delle donne vengano fin troppo ignorati.

Ma che razza di Paese è questo?

La cosa più schoccante è che poch* sanno che le donne in Italia sono tra le meno rispettate nel mondo. Quanti anni devono passare affichè le donne abbiano più consapevolezza della loro situazione? E gli uomini? quanto tempo ci metteranno ad accorgersi che in questo modo non ci stanno trattando come loro pari?

10 commenti

  • E stavolta vediamo come risponde lo IAP.

    Mi piace

  • Non vorrei sbagliare, però mi sembra vi sia una impennata di messaggi ambigui, negli ultimi tempi. Sembra sia progettato di proposito.

    Mi piace

    • danzatriceorientale

      Tanto è pubblicità negativa: è vero che “bene o male purché se ne parli”, ma quando toccheranno con mano il calo delle entrate, chissà se rimarranno dello stesso parere?

      Mi piace

  • UNO SCHIFO…

    Dovresti però offuscare la ditta pubblicizzata… Altrimenti parlandone gli fai pure pubblicità!

    Mi piace

  • Mostruosa! E di fin troppo facile interpretazione….!

    Mi piace

  • per fortuna l’hanno ritirata: è terribile. ma che cosa volevano esprimere? COSA avrebbe dovuto invogliarci a comprare il prodotto? sono colori per misogini? mah… questa volta trovo l’idea non solo offensiva e lesiva, ma totalmente assurda.
    forse volevano solo far parlare grazie ad un mini scandalo: che mezzucci patetici.

    Mi piace

    • forse erano colori per leghisti..che picchiano le donne

      Ironia a parte..questo messaggio è molto più grave delle pubblicità che mercificano il corpo femminile xke qui si sta veicolando una violenza diretta!
      Mentre quelle che di solito relegano la donna ad oggetto veicola certo una violenza, perchè porta a sentire chiunque in diritto di molesterci in quanto ci portano a percepirci come oggetti, ma in quel caso comunque si tratta di un allusione, mentre in questo caso c’è una violenza esplicita alla pari dello stupro di d&g che suggeriva uno stupro in maniera + esplicita rispetto a quanto non lo facciano le asltre pubblicità che ci rappresentano come dei meri corpi.

      Mi piace

    • Infatti… davvero orrenda. Se avessero fatto il “solito” culo con la manata, sarebbe stato il solito problema dell’oggettificazione, ma questo? Non è bella, non fa ridere, cosa dovrebbe invogliare qualcuno a comprare questi colori? Veramente insensata!

      Mi piace

  • Ciao,
    seguo il tuo blog da molto tempo e guardando le foto che metti per ogni articolo non mi ero mai sentita male come per questo.La sessualizzazione dei messagi è già molto grave ma questa violenza così esplicita mi ha decisamente lasciata di sasso. Non credevo si potesse cadere così in basso.

    Mi piace