O sante o porc..ole

pub

Questa pubblicità, apparsa a Fano in zona  Gimarra , oltre che di un sessismo violento mi sembra pure roba da idioti. Guardatela bene.

Di un idiozia allucinante che sembrerebbe fatta veramente da uomini senza encefalo e privi di fantasia visto che ormai quasi tutte le pubblicità sono uguali.

Sinceramente mi sono rotta di vedere pubblicitari che ci mancano di rispetto e ledono i nostri diritti.

Poi il termine porca è offensivo, visto che di porco in questo Paese ce n’è uno ed è uomo (e governa pure il Paese).

Dopo averci dato della porca cosa ci daranno?

Della puttana?

Ma si sa che ormai questo Paese ha smarrito ogni sorta di rispetto per l’integrità delle donne, dove siamo solo merce di scambio dei potenti.

Che squallore.

*Ps: Telefoniamoli in massa o segnaliamo allo Iap.

10 commenti

  • Mary, hai perfettamente ragione.
    Il problema è che non c’è solo a Gimarra, per esempio è presente anche nel quartiere S.Orso a Fano.
    Buona serata

    Mi piace

  • ci eravamo già rese conto da un bel pezzo che la versione berluscoide-italiota del maschilismo mandrillesco ha perso quel po’ di limite e senso del contesto che i miei nonni avrebbero chiamato “decoro”. Che fare? Denunciamo, e secchiate di vernice, anzi bombolette spray, contro i mani(aco)festi.

    Mi piace

  • danzatriceorientale

    E guardate la forma della pizza, poi (non potevano mettere un semplice spicchio o una pizza tonda?), forma di per sé innocente, se non fosse per il contesto in cui è stata inserita (davanti alla “porcola” col dito in bocca in vogliosa attesa).

    Senza parole.

    Mi piace

    • Già è vero!!!!!!! (la pizza è proprio di una forma stranamente troppo allungata e troppo sottile!!!!) orribile!

      ma poi scusate… sulla destra c’è la caricatura dei proprietari? Ma l’avranno creata loro questa pubblicità?

      A parte il triste tentativo di attirare l’attenzione dei passanti col corpo femminile, la pubblicità è proprio brutta come grafica: lo sfondo è piatto, hanno messo una piccola ombra sotto la modella, ma non c’è la fonte di luce proveniente dall’alto, e il colore prugna col verde acido della caricatura e della località fanno letteramente a pugni! XD
      Veramente brutta! Votazione da 1 a10: 0+ (il + è per la caricatura!)

      Mi piace

  • é un indecenza continua!! Basta umiliare le donne con queste volgari pubblicità!!!

    Mi piace

  • Dopo tanti anni di lotta non è cambiato nulla, il maschilismo imperante ci sminuisce, umilia il nostro cervello con l’esposizione ridicola delle nostre forme, ma certi uomini non hanno altre qualità per mettersi in evidenza, se non quella di mostrarsi”galli da pollaio”.Ridicoli sono loro, per l’infimo contenuto della loro scatola cranica.

    Mi piace

  • ciao a tutti, su Femminismi abbiamo approvato anche dei commenti della proprietaria della pizzeria in questione, che si è anche offesa, e sono molto interessanti. altri invece, nei quali ci si invitava a “trombare di più” (?!) perché ci siamo permesse di pubblicare questa segnalazione, non li abbiamo approvati.
    http://femminismi.wordpress.com

    Mi piace

  • Risposta IAP a mia segnalazione:

    Segnalazione telecomunicato “Rosaria Arancia Rossa”

    trasmesso sulle reti RAI nel mese di gennaio 2011

    Facciamo seguito alla Sua segnalazione, per informarLa che il Comitato di Controllo, esaminato il messaggio in oggetto, non ha condiviso la lettura prospettata, non ravvisando profili di contrasto con le norme del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale. Il caso è stato pertanto archiviato.

    L’organo di controllo ha ritenuto che lo spot si limiti alla rappresentazione pacata di un gioco di seduzione tra i protagonisti, che non si risolve in aspetti volgari o lesivi della dignità della persona.

    RingraziandoLa per la considerazione, porgiamo i nostri migliori saluti.

    I.A.P.

    La Segreteria

    _______________

    Mi piace

    • danzatriceorientale

      ure allo IAP deve piacere molto la donna anoressica e senza cellulite… ok, allora prenoto una liposuzione, tanto oramai è l’unico mezzo che abbiamo per essere accettate.

      Mi piace