Ryanair e le hostess veline

Ryan

Guardate qua come si pubblicizza una compagnia aerea. Mette in vendita le hostess facendole fare un calendario per aumentare le vendite. Questa non è solo una pubblicità sessista che lede le clienti, ma anche una grave discriminazione di genere contro le lavoratrici. Basta leggere il claim per capirlo.pare che le assistenti di volo siano incluse nel prezzo.

Pensate ad una cliente che potrebbe sentirsi anche turbata da tutto ciò. Pensate ad una hostess che si avvicina alle famiglie per vendere i loro calendari davanti a moglie e bambini.

Pensate alla donna continuamente proposta come un oggetto sessuale in vendita anche per scopi di beneficienza, sempre come merci, prostituite per ogni cosa.

Stiamo pensando che l’iniziativa tedesca di beneficienza voglia escludere le donne.

Perchè una donna dovrebbe versare dei soldi sapendo che c’è una sua sorella utilizzata come strumento per attirare offerte?

Questa tendenza a mercificare il corpo della  donna non è altro che effetto della nostra cultura che controlla i nostri corpi e li imprigiona dentro gabbie (compresa la sessualità, sempread uso maschile e commerciale).

E’ pericoloso questo. Perchè viviamo già in un contesto arretrato e questa rappresentazione femminile certo non contribuisce acambiare le cose.

In Italia vige il primato in Europa per discriminazione delle donne e per violenza di genere. La prima causa di morte delle donne in Italia è proprio la violenza fisica e sessuale.

Le donne in italia non muoiono per malattie o per incidenti, ma muoiono per mano di uomini. Muoiono uccise, picchiate a sangue, stuprate, vendute quasi ogni giorno e queste immagini sono la causa di ciò in quanto tramandano un idea di femminilità distorta strumentale e schiavistica.

Le donne vengono uccise fisicamente e psicologicamente (come in questo caso). Ci vuole poco per annientare la soggettività femminile, basta una serie di pubblicità manipolative e persuasive che hanno quasi lo stesso effetto di uno stupro, perchè ledono le donne nella sfera sessuale e psicologica.

La pubblicità tende a disprezzare le donne relegandole ad oggetti o a donne di casa, lanciando messaggi subdoli che comunicano l’inferiorità delle donne, suggerendo il loro utilizzo strumentale quasi sempre per il piacere maschile (voyeuristico o familiare).

Armiamoci di tastiera e scriviamo alla Ryanair affinchè ritiri subito quest’iniziativa e questa pubblicità.

Scusate gli errori ortografici…ma devo scappare…

Su Facebook l’evento.

16 commenti

  • hai ragione, che razza di iniziative… Potevano fare un calendario coi cuccioli, quello si che avrebbe venduto! Invece con questo calendario cosa sperano, che ogni uomo sull’aereo venga colto momentaneamente da ‘sbavite acuta’ e lo compri? Sarà un po’ difficile, tra imbarazzo, famiglia e fidanzate…
    E’ proprio il colmo della mercificazione delle donne, persino quando si presentano nella loro veste professionale.

    Mi piace

  • danzatriceorientale

    Sai che adesso, oltre a persuaderci del fatto che queste donne lo facciano volontariamente (vendersi e spogliarsi, il che è vero fino a un certo punto) e che sia una cosa normale che si propongani come oggetti sessuali, stanno tentando di persuaderci di un’altra cosa ancora più grave, ossia la scelta coatta della prostituzione(quella propriamente detta, quella del farlo come lavoro a tutti gli effetti) travestita però da scelta libera?

    Non so se avete avuto modo di leggere la biografia del “famoso” gigolo del GF, ma la sua scelta è stata quasi legittimata con le seguenti parole “vi è stato costretto dalla sua condizione di cassintegrato”.

    Tralsciando il fatto che tutta questa indulgenza invece non viene manifestata verso le escort donne, per me questo messaggio è alquanto pericoloso, come se volesse convincerci, poco a poco, che tra un po’ questa alternativa sarà la regola, una scelta “libera”, insomma… metteteci pure l’indigenza alla quale ci stanno riducendo, con tutte le ripercussioni psicologiche del caso e vedrete che scopriremo di essere assuefatti e persuasi a tutto ciò quando oramai sarà troppo tardi.

    Mi piace

  • “Davvero vergognoso. Come se una compagnia aerea si potesse giudicare dalle hostess e non dalla qualità del servizio.

    Ora scusate, ma devo carrere in areoporto che il mio aereo Ryanair sta per partire e poi mi finiscono tutti i calendari…”

    Il commento di uno sul mio blog..Ma che gusto ci provano a lanciare queste provocazioni?
    Perchè un uomo si deve sentire legittimato a ledere le nostre iniziative?
    Di cosa ha paura?

    Il bello è che poi sono convinti che glieli approvo pure…Toh è finito nel cestino. Beh gesto adatto a questo commentatore…mondezza pura!

    Mi piace

    • Mary anche nel gruppo FB che ti ho segnalato prima, gestito da un uomo, si è notato che i primi e più contrari alle segnalazioni sessiste sono gli uomini. è un nervo scopertissimo… dimostra che c’è molto maschilismo inconscio radicato. e anche assurdo: ridicolizzano le critiche a un calendario, impegnandosi così in una ben più ridicola e inutile DIFESA DI UN CALENDARIO da due soldi.
      o forse sono solo stupidi che non capiscono che impegnarsi per una causa non significa ignorare altri problemi più o meno gravi, anzi stimolare le coscienze rende più reattivi a qualsiasi problematica…

      Mi piace

    • danzatriceorientale

      L’imbecillità personificata e vogliamo essere cattive? Se precipitasse un aereo carico di questi individui, non sarebbe poi tutta questa gran perdita per il genere maschile :)

      Mi piace

  • Parliamo di una compagnia che fa la lotteria durante il volo…..
    Parliamo di una compagnia che fa squillare la tromba quando atterra….
    Parliamo di aerei gialli e blu…….
    Anche noi dobbiamo essere più comprensivi

    Mi piace

  • Ma che schifo…. :(

    Mi piace

  • Io preferirei un calendario con foto fatte dall’aereo… i cari vecchi paesaggi.

    Mi piace

  • Dove si deve firmare? :)
    Ascoltate, quando gli uomini reagiscono così è perchè credono che il loro “machismo” sia un segno di virilità.
    Secondo me la battaglia più grossa è proprio quella che devono affrontare gli uomini nel rendersi conto che ostentare una virilità forzata è solo una debolezza, segno di un complesso di castrazione latente provato dagli uomini a causa della nostra società che se li figura sempre arrapati e pronti a farsi la prima che passa.
    Per fortuna molti uomini hanno dato prova di possedere sensibilità, intelligenza e orgoglio. Dobbiamo promuovere questo tipo di uomo, vero uomo, che sa affrontare un rapporto con l’altro sesso in modo paritario, a testa alta, senza paure, senza sentire la necessità di gonfiare il proprio orgoglio maschile che suppongo sia piccolo piccolo in certe persone, se ha bisogno di essere gonfiato..
    Non è una battaglia tra sessi. Quando sento certe cose più che arrabbiarmi provo “pena” per persone che non hanno davvero capito che i termini del discorso devono essere ribaltati, invertiti, che la fierezza una persona passa dalla verità della propria essenza, non dall’apparenza della mercificazione del corpo femminile, un corpo posticcio e artefatto, e da un’eccitazione maschile obbligata!

    Mi piace

    • hai perfettamente ragione sul tema della consapevolezza maschile. Anche perché questi uomini saranno padri, ed è tristissimo pensare a quanta becera ideologia virilista passerà di padre in figlio in saecula saeculorum, se il ciclo non si spezza in qualche modo.

      Mi piace

      • @Alessandra SE saranno padri… il problema della fuga dalle responsabilità c’è sempre stato.
        ma mai come quest’anno ho visto tanti uomini andarsene via di casa dopo il primo parto della moglie (facendosi l’amante durante la gravidanza)… sinceramente non credo sia un caso. c’è difficoltà a vedere la donna come un essere umano con i suoi problemi i suoi disagi i suoi momenti brutti. li abituano a pensare alla donna sempre perfetta, sexy e provocante… quando manca si sentono defraudati.
        forse pensano che tutte le donne abbiano le gravidanze sui tacchi di ilary blasi & altre…

        Mi piace

  • Salve, secondo me le adesioni contro questa ennesima iniziativa sessista e idiota potrebbero essere molte di più se rendete più FACILE capire dove bisogna firmare, o se mettete in primo piano l’indirizzo ryanair al quele scrivere per protestare, cosi che ognuno, anche se ha poco tempo possa velocemente dare il proprio contributo. E’ da un pò che ve lo volevo scrivere! grazie ps continuate così.

    Mi piace

  • Sto organizzando il mio viaggio di nozze per l’anno prossimo. A quanto pare niente Ryanair!! Vergogna!

    Mi piace