Vieni via con me

Questo è un pezzo della puntata del 22 novembre di Vieni via con me, trasmissione che per merito delle proteste da parte di alcune donne che lamentavano l’assenza di ospiti donne nelle trasmissioni di informazione e la mancanza di argomenti che trattino il grave problema: la discriminazione delle donne,  ha invitato tre donne autorevoli che hanno letto le lettere con l’elenco delle discriminazioni insopportabili e i pregiudizi a danni delle donne.

La trasmissione ha accolto le richieste ma ciò non vuol dire che meritino un applauso: perchè senza le proteste non si sarebbero presi la briga di invitarle. Un pò come le pubblicità sessiste: quante vengono ritirate senza le nostre proteste? Nessuna.

Condivido le proteste femminili. In televisione non solo i programmi politici sono chiusi alle donne come conduttrici ma perfino come ospiti e nonostante la quesitone femminile sia importante e  necessaria nel nostro Paese, vengono relegati a questioni di poca importanza, questo significa che la tv e la politica non è ancora in grado di rappresentare metà della popolazione, spesso relegata all’invisibilità o ad un ruolo strumentale che nulla ha a che fare con le vere donne.

8 commenti

  • Aspetto positivo: almeno hanno fatto parlare delle donne sul problema della (pessima) condizione femminile.

    Aspetto negativo: le donne vengono invitate solo per parlare di problematiche di donne.
    La donna, anche autorevole, non viene di solito invitata in altre occasioni quando si discute di problemi generali. Tipo, chessó: si parla della crisi economica e tra gli ospiti c’é una Docente di Economia. Oppure, si discute di problemi ambientali, e ci sono delle ricercatrici. Spesso una donna medico viene interpellata solo se si tratta di problemi di salute femminili.
    Purtroppo la donna nei mezzi d’informazione viene esclusa da qualunque tipo di partecipazione intellettuale, o relegata o ruoli marginali, nonostante di donne intellettuali ce ne siano, in tutti i campi.

    Mi piace

    • vero! come se le donne devono parlare solo di cose “da donne” per il resto vengono escluse..Mentre agli uomini non viene richiesto di parlare di tematiche maschili..xke tutto cio ke è politico viene considerato maschile..anche qui ci vedo una discriminazione. Allo stesso modo, gli uomini vengono esclusi da tematiche sulla questione femminile, come e questo non dovrebbe riguardagli o comunque sia in aspetto marginale…Grazie per la tua considerazione molto attenta e giusta!
      Voglio vedere quante donne inviterà “vieni via con me” alle prossime puntate quando si prla di altri temi che non sono femminili.

      Mi piace

      • credo che il fenomeno evidenziato da Chiara sia anche dovuto al fatto che in molte professioni, tradizionalmente gli uomini hanno più facilità nella scalata al potere. (per i motivi che sappiamo) di conseguenza quando si invita un “grande esperto” in tv è più facile trovare un nome maschile…
        le mie però sono mere ipotesi, non ho una statistica a conferma…

        Mi piace

  • La Gabanelli a me è piaciuta e mi sembra un buon modello femminile.

    Mi piace

  • danzatriceorientale

    Ma solo io ho fatto caso, ieri, nel primo elenco letto dai ragazzi del teatro, che sono state esaltate le rughe di Calvino e gli occhi di Sophia Loren? Va bene che Sophia Loren le rughe non le ha, ma perché non citare le rughe di una donna?

    E comunque, scusate la puntigliosità, ma io crederò a una svolta femminile solo quando sarà una donna come Rosaria Capacchione a condurre una trasmissione come questa, perché se Saviano fosse stato una donna, non credo proprio sarebbe diventato il messia di oggi.

    ps Rosaria Capacchione è una giornalista campana come Saviano, che si occupa di camorra come Saviano, che ha scritto un libro sulla camorra come Saviano, che vive sotto scorta come Saviano, che è di continuo minacciata dal clan Casalese come Saviano ma che, a differenza di Saviano, ha suscitato neanché un quarto del suo clamore mediatico. Perché? Perché non si chiama Rosario!

    Mi piace

  • In effetti in quella puntata hanno letto un elenco di cose, scritto da una ragazza di 22 anni, di cui molte donne stufe. A leggerlo è stata Laura Morante. Cose giuste, per carità, ma un po’ banali, di quelle buone per tutte le stagioni e per tutti i palati: siamo stanche di essere considerate belle e stupide, delle manate in metro, etc etc. Si potevano scrivere cose più incisive, specifiche e attuali. Inoltre, se avete letto Gomorra, c’è una parte molto interessante dedicata alle donne: le vittime (ragazzine colpite da proiettili vaganti, ma anche deliberatamente uccise perché, pur essendo estranee ai clan, erano state fidanzatine di qualche gregario ribelle, e per tanto bersaglio di vendette trasversali anche a relazione finita) e le carnefici, le donne di camorra che gestiscono affari autonomamente, che spesso hanno una scorta armata esclusivamente femminile, che preferiscono ai guardaspalle uomini perché meno invischiate in rivalità personali, meno in competizione tra loro, e più fredde, efficienti e spietate. Peccato che questa sia la parte meno commentate e meno popolare del libro, forse perché scalfisce convinzioni acquisite sul ruolo subordinato delle donne nelle organizzazioni criminali del meridione, ancorate a stereotipi vecchi e di stampo patriarcale.

    Mi piace

  • Non mi ero mai resa conto che non c’erano quasi invitate donne a chetempochefa, invece è vero. E di quelle che mi ricordo, alcune sono state chiamate perchè belle, prima che brave in qualcosa. E sono sempre a disagio per Philippa, che non fa quasi nulla e mi sembra umiliante. Facendo 2+2 direi che Fazio avrebbe molto da imparare sul sessismo… che, si può aiutarli con qualche suggerimento? Se è vero che siamo 50% maschi e 50% femmine, e che ci sono altrettante persone in gamba in ciascuna metà, allora perchè non porsi l’obiettivo di chiamare il 50% di ospiti donne? Ma non (o non solo) a parlare di donne!! Dai dai, si potrebbe mandare questo suggerimento alla trasmissione, magari con alcuni nomi suggeriti? Voglio dire, con tutti gli scrittori che invita mai che inviti una scrittrice, che so la Murgia che è pure di attualità, no? Facciamo un elenco? :)

    Mi piace