La gara

operatori_telefonici

L’ultimo spot della Tim è sicuramente il più sessista della serie.

Guardate un pò qua:

C’è il solito duo, De Sica e Belen Rodriguez. Questa volta Belen è “vestita” e parlante.

La riduzione della donna ad oggetto sessuale e ad accessorio gestito da un uomo lo riscontriamo nella battuta di Christian De Sica, quando cede la sua macchina ad un presunto parcheggiatore.

“Trattala come fosse una bella donna”

Ritroviamo il solito accostamento tra donne e motori, in un binomio che diventa svilente, in quanto riduce non solo la donna ad oggetto, ad accessorio maschile, ma anche le auto a prodotto maschile.

Il messaggio è chiaro: quello della donna da condividere.

Il parcheggiatore in realtà sarebbe un ladro, il che peggiorerebbe ancora di più il messaggio.”la tratto come una bella donna, me la porto via”.

Non è un problema certo solo della Tim. Qualcun altro ha deciso anche di farci un “bel” regalo di Natale.

 

Questo è infatti lo spot della Tre. A differenza della Tim hanno scelto un bell’attore, ma il contenuto sessista non cambia.

Gli uomini belli a differenza delle belle donne mantengono un ruolo sempre dominante. Questo per farvi capire che io non ho nulla contro la bellezza (come qualche utente mi ha accusata recentemente).

Gli uomini bellocci delle pubblicità possono scegliere, semplicemente dominano.

La figura femminile in questo spot è ridotta esclusivamente ad oggetto in generale ( sessuale e non). Una donna scelta in base ai parametri maschili. Raoul Bova ha infatti invitato a cena una sua amica e sta per farle dichiarazione.

Abbiamo la divisione tra moglie e amante, santa e puttana.

La donna con cui passare la propria vita non è avvenente ma deve risolvere i problemi ed essere simpatica. Insomma, deve essere una distrazione e non deve attirare molto sessualmente. Come nei proverbi: la moglie prenditela bruttina ma domestica (se no te la portano via) , l’amante prenditela gnocca (perchè tanto è anche scema).

Raoul Bova gira la testa verso una di quelle donne ipersessualizzate e rifatte dalla testa ai piedi che vedi soltanto in televisione. Punta gli occhi verso la scollatura e pronuncia la parola “generosa….esagerata”.

Anche qui è presente la riduzione della donna alle sole qualità estetiche e sessuali, ma anche lo stereotipo della donna da una botta e via.

La ragazza ovviamente si avvicina all’uomo con voce timida e sexy per chiedere se può usare il suo telefonino e lascia l’impronta delle labbra sul suo telefono dopo averlo utilizzato.

A cosa si riferisce realmente la battuta finale della “compagna” di Raoul Bova? Che messaggio vuol comunicare?

Potrebbe esserci però anche un altro messaggio. Lo spot potrebbe comunicare che qualità come la bellezza e la capacità di prendersi cura di un uomo non bastano per rendere una donna completa, ma ci vuole sopratutto la bellezza, da mettere in primo piano su tutte le qualità prima elencate: ecco che ne viene fuori la donna ideale secondo il linguaggio pubblicitario, purtroppo ancora molto maschilista.

Il che rende il tutto più inquietante.

49 commenti

  • beh, complimenti Mary per la puntigliosità dell’analisi, mi sembrano le due solite facce della medaglia che gli uomini assegnano alle donne, facce che in questo caso sono, come più spesso nella realtà delle aspettative “culturali” machili,, agite da due donne diverse. Mai che qualche gestore telefonico si chieda se ci sono aspettative delle donne possibilmente non suggerite dai parametri della cultura maschile, eh? meno male che la mia compagnia telefonica non è nessuna delle due, ma incrocio le dita…..

    Mi piace

  • scusate gli errori di battitura :(

    Mi piace

  • Le pubblicità televisive e a mezzo stampa in Italia sono davvero piene zeppe di orrori sessisti; non mi stupisce dal momento che a capo del governo, da vent’anni, abbiamo una sottospecie di pashà de noartri. Perché l’informazione e la pubblicità in Italia non fanno altro che proporre modelli di donne asservite al potente di turno, quando le donne che invece studiano, lavorano e combattono tutti i giorni per essere rispettate, non vengono mai prese in considerazione? Queste pubblicità offendono ancora qualcuno? Perché se così fosse bisognerebbe protestare fortemente… Complimenti per il blog.

    Mi piace

  • Hai guardato Saviano ieri sera? Perchè anche io ho notato proprio queste due pubblicità…

    Mi piace

  • Segnalate allo IAP, amiche mie, segnalate… Non fate circolare gli spot più di tanto, perché sennò contribuiamo a dargli notorietà, ma denunciateli allo IAP e vediamo come IAP risponde.
    Ciao!

    Mi piace

  • ultimamente sto notando che i contenuti sessisti in pubblicità stanno amentando… sempre a scapito delle donne, ovvio… Ora in metro vedo anche delle pubblicià di un nuovo canale con slogan tipo ‘il nuovo lato D della tv’ ‘è disinibita ma non si spoglia’ ‘è dinamica ma ti aspetta sempre a casa’ … ma perché deve ancora esitere questo tipo di comunicazone sessista? non dovrebbe esserci proprio perchè non dovrebbe essere più efficace…

    Mi piace

  • Anche io voglio segnalare ma servono emittente, data e ora del passaggio in tv dello spot… qualcuno li sa?

    Mi piace

  • Incredibile, basta che ci sia una bella donna e per voi il contenuto dello spot è automaticamente sessista !
    Ovviamente per sostenere questa tesi serve una fantasiosa interpretazione, che non manca di arrivare.

    Per quale motivo Bova dovrebbe avere una posizione dominante ?!?!?!?!?
    E non sta’ affatto facendo una dichiarazione, è a cena con un’amica e le sta facendo una confidenza.

    Ma ovviamente ognuno puo’ inventarsi le circostanze che preferisce, soprattutto se servono a dare sostegno ad una tesi assurda.

    Mi piace

    • Eddai Ercole… ma perché te la prendi così? Le tue reazioni sono quelle di Bova? Sbavi istantaneamente ad ogni scollatura che passa dimenticando la persona con cui stai parlando? Posso capirti (è umano, e poi gli uomini “li programmano” così…), anche se apprezzo gli uomini più discreti. :)
      Ma in ogni caso… tranquillo che NESSUNO ti toglie la gnocca, se è questo che temi. Io protesterei anche se alla tv facessero vedere solo donne con una gamba sola… l’omologazione è insidiosa.

      Se invece non hai certe reazioni da lobotomizzato, (che nemmeno Bova ha nella realtà… non ce lo vedo a sbavare dietro ogni velina che passa) perché subisci senza protestare?

      Ma il punto è che come al solito si usa la gnocca per vendere una promozione telefonica e altri oggetti che con tette e sesso c’entrano niente.

      E non possiamo decontestualizzare UNO spot e relativa protesta dalle DECINE E DECINE di spot simili. Non è la gnocca sporadica che fa insorgere, ma la sistematica rimozione/degradazione delle donne normali in favore di stereotipi spesso anche dannosi.

      Non voglio dilungarmi troppo ma vedo la differenza tra la libertà della chirurgia una tantum per scelta personale, e le veline rifatte applicate chirurgicamente a ogni spot-programma-video-telefilm-telegiornale come se fossero l’unica normalità desiderabile. E’ la differenza che passa tra libertà e sottile plagio mentale… e credo attecchisca molto bene, a guardare l’isterismo “manicheo” con cui le donne(e purtroppo sempre più spesso anche gli uomini) trattano fisico, corpo, estetica.
      Le donne, ma soprattutto le ragazzine…

      Scusa il pippone, capisco che probabilmente ti sembrerà inutile allarmismo, ma non lo è

      Mi piace

      • @Giulia ti diro’ che sono anche d’accordo con te, perchè sono tra quelli ad essere infastitidi dai messaggi sessuali negli spot, e dagli stereotipi che li accompagnano.
        Ma tra messaggi sessuali e sessismo c’è una bella differenza, e sembra che qualcuna (non mi riferisco a te) ancora non l’abbia colta.

        Il mio commento poi si concentrava sulla fantasiosa quanto inverosimile interpretazione dello spot, a cui ancora nessuno ha potuto controbattere.
        Ovvero, dove sarebbe la posizione *dominante* di Bova ?
        Parlare ad un’amica e farle una dichiarazione sarebbero la stessa cosa ?

        Senza pregiudizi sessisti si potrebbe anche notare come sia Bova ad avere la parte del bello e stupido nello spot. Ma guai a dargli questa interpretazione, piu’ comodo immaginare un’inesistente posizione *dominante*

        Mi piace

    • Ercole innanzitutto la frase “Incredibile, basta che ci sia una bella donna e per voi il contenuto dello spot è automaticamente sessista !” fai un’offesa sottointesa alludendo al fatto che qualcuno qui non sà come arrivare all’uva e quindi dice che è acerba, spiego in parole povere…..tu con quella frase alludi al fatto che siccome ci sono belle donne negli spot qua qualcuno rode e quindi non sapendo dove attaccarsi dice che è sessista!

      1. innanzitutto tu non sai manco come siamo fatte!
      2. credo che abbiamo un’intelligenza che non si ferma a queste stronzate e quindi ad essere invidiose di velinette alla belen…non tutte nella vita vorrebbero fare le veline, ci sono donne che studiano, che scrivono,che fanno le operaie, che fanno cose importanti, che sono mamme e che lavorano e che belen faccia pubblicità non frega niente a nessuna perchè ognuna di noi ha la propria vita e i propri sogni, inoltre ognuna di noi sà che la cara belen per stare lì si è “dovuta vendere” (ahimè per lei, visto che non ha un pizzico di amor proprio e che nessuna cifra e pubblicità ti può dare il valore che ti dà la dignità) !

      Poi se pensi che qui siamo delle matte visionarie, che inventiamo anche il sessismo dove non c’è e ci facciamo film perchè invidiossssssssssse di belen, puoi sempre non leggere nessuno ti punta una pistola alla tempia e leggere per forza i post e i commenti di matte fissate!

      Mi piace

      • @Fabiana mi guardo bene dall’offendere, anche in modo sottointeso.
        Non mi importa di come siete fatte, non è al vostro aspetto a cui alludevo e, temo di doverti deludere, non mi interessa nemmeno.
        Ma noto che come appare una bella donna, anche vestitissima come in questo caso, subito c’è chi da’ l’allarme sessismo.
        Io non ci vedo discriminazioni sessuali.

        Dici che nessuno mi obbliga a leggere i commenti ed a rispondere, quindi vuoi sottointendere che qui dentro ha diritto di scrivere solo chi è d’accordo con il pensiero comune ? Non sono ammessi pensieri fuori dal coro ? Insomma volete cantarvela e suonarvela da sole ?

        Mi piace

  • er colesterolo, deciditi da che parte stare..o ci sei o ci fai….
    Qui stiamo parlando di messaggio che lo spot sta comunicando…se vuoi screditar eil mio lavoro…vai altrove. Immaginati se al posto di bova c’era belen che si comportava allo stesso modo con l’invitato a cena.E come ho detto nel post (secondo me manco sai leggere) la bellezza non c’entra…

    Mi piace

    • Mary, hai fatto benissimo a pubblicare un pezzo sull’ennesima pubblicità della tim; quella frase

      “Trattala come fosse una bella donna” l’avevo notata pure io con disprezzo (infatti volevo segnalartela ma hai anticipato)!
      La cosa più interessante da dire è che in Italia non viene rispettata nessuna, nè bella nè brutta: se sei brutta ti devi sorbire barzellette alla Berlusconi, se sei bella ti devi vendere, non te la devi tirare, devi fare la gatta morta….insomma la devi dare!
      Quindi quella frase oltre che ad essere oscena è anche falsa, poichè è solo ipocrisia che le donne belle vengono trattate bene, vengono trattate bene solo quando si hanno intenzioni sottointese, ma quando vedono che non stà niente da fà, iniziano gli insulti anche per le belle peggio che per le brutte, la bella in Italia deve essere una sorta di pu….. che deve accontentare tutti, deve fare sorrisini, non fare mai domande, non ribattere, SII BELLA E TACI!

      Mi piace

    • @Mary ti chiederei, se ci riesci, di smetterla di insultarmi.
      “o ci sei o ci fai”, “manco sai leggere” lo dici a qualcun altro.
      Prima mi dici che sono libero di esprimere la mia opinione, ed ora mi inviti ad andarmene ?
      Insomma posso esprimere la mia opinione solo se è in linea con la tua !
      Altrimenti pratichi lo sport in cui sei molto brava: la censura. Come hai ripetutamente fatto in passato.

      Già che ci sei, sei in grado di spiegare meglio perchè Bova avrebbe una posizione dominante nello spot ?

      Mi piace

      • perchè bova può scegliere una donna…è quello che invita la donna ad una cena,….e non si pone come oggetto come fa invece una bella donna…come quella che arriva da Bova. Ma quale censura! A me da fastidio il tuo modo di rigirare ogni cosa che dico fraintendendo…Vuoi farci passare per bigotte..Guiarda che essere belle non significa porsi per forza come oggetto sessuale in modo inappropriato e svilente…è un insulto alla bellezza!!!! Non abbiamo demonizzato la bellazza ma i messaggi delle pubblicità.Pensi che non sia sesista la battuta “trattala come una bella donna” o quella di bova ” io cerco una donna che sappia risolvere i problemi e generosa ( sguardo al seno”…dammi delle prove per smentire la mia analisi..se no non c’è ragione che continui qui a polemizzare accusandoci di cose che non escono dalle nostre bocche.

        Mi piace

      • Ma che ne sai che è lui a scegliere una donna ?
        A me sembra invece che sia la bellona di turno ad aver scelto bova, quindi è lei la dominante.
        Lo sceglie, lo domina, lo soggioga, si fa’ prestare il cellulare, e lui sottomesso accetta.
        Mi sembra che quella che rigira le cose sei tu.

        A me non interessa affatto farti passare per bigotta, ma se ti ci senti è un problema tuo.

        Mi piace

  • danzatriceorientale

    Mannaggia tutte queste invidiose, che mi combinate? Sempre a criticare le belle donne?

    Mi raccoando, il vostro cellulare trattatelo come fosse un bell’uomo (sottotesto: se è un cesso, buttatelo).

    E no, non è una battuta sessista, è solo simpatica ;)

    Buona serata!!!

    Mi piace

    • danzatriceorientale

      A scanso di equivoci: sebbene il mio commento non sia dei più aulici, ci tenevo a precisare che questi intendeva rigirare la frittata e far capire come può essere offensivo e sessista lo slogan “trattal* come un* bell* donna/uomo” se lo si usa nei confronti di una persona paragonandola con un oggetto, dunque non era una sterile provocazione verso il mondo maschile, come invece potrebbe sembrare :)

      Mi piace

    • Io il mio l’ho buttato era un modello Chiambretti :D….basso,bruttarello,lento,invece di squillare diceva cazzate,e poi vuoi mettere con un modello Kim Rossi Stuart…leggero,manegevole,elegante….tutta un’altra storia ;D!

      Mi piace

    • Io ho un’altra interpretazione di quella frase: ovvero trattala con cura, con affetto.

      Mi piace

      • e perchè dovremmo paragonare una donna ad un automobile?? non ti sembra una cosa uin pò schizzofrenica????

        Mi piace

      • danzatriceorientale

        Sì certo, trattala con cura e affetto, perché solo le belle donne meritano di essere trattate così (questo è quello che sottintende il messaggio letto tra le righe, altrimenti avrebbero usato uno slogan senza allusioni all’aspetto esteriore).

        Mi piace

      • danzatriceorientale

        Le belle donne, come le belle macchine, beninteso.
        Allora OK, anche l’uomo va trattato con affetto e con cura, ma solo se ha la tartaruga e i muscoli scolpiti.

        Mi piace

  • mary, l’ho detto gia’ altre volte mi sa, fai un ottimo lavoro di ricerca e analisi ma devi un po’ piu’ dar spazio al dibattito, elevare un po’ il livello delle argomentazioni, secondo me le domande di ercole erano piu’ che legittime, sicuramente meritavano un’argomentazione migliore. Il sito sta diventando molto piu’ una voce unica di quanto non fosse all’inizio, e a questo punto mi interessa meno, il problema sessismo ce l’ho ben chiaro, non mi interessa vedere yet another spot o analisi, ma mi interessa molto sentire la pluralita’ delle voci, passare, come dire, al gradino successivo di questo discorso. Credo quindi che a malincuore smettero’ di leggere comunicazionedigenere, almeno per un po’. Buon lavoro comunque, eh? in bocca al lupo per tutto. Con affetto.

    Mi piace

    • mi pare che di spazio per il dibattito ce ne sia a iosa, le opinioni di ercole non sono censurate, nè ignorate, anzi. Se poi non condividi le argomentazioni che vengono usate per rispondergli, è un conto; invece che rimproveri a Mary di non usare argomentazioni abbastanza ”elevate”, beh, non è certo un problema suo se per te il suo ‘livello intellettuale’ è troppo basso… Qui si sconfina in una soggettività superflua

      Mi piace

      • diciamo che il problema di alzare il livello intellettuale dovrebbe essere anche suo, di mary intendo, anzi dovrebbe essere una priorita’ se davvero vuol porsi come divulgatrice di temi cosi’ importanti, e non e’ una cosa soggettiva, essere critici e controbattere con argomenti razionali ad argomenti razionali e’ una qualita’ intrinseca del ragionamento, che lo rafforza di solito, eliminandone i fattori emozionali che in questi casi non tirano certo acqua a nessun mulino, di sicuro non un e’ vezzo estetico ma come dici tu e’ un problema di stile, e purtroppo un problema dilagante in italia comunque, quindi pazienza.

        Mi piace

    • Ma Mary espone il suo pezzo che poi ne escano fuori vari commenti, intelligenti,stupidi, profondi o meno…è una cosa a parte!E poi non mi pare che qui scriviamo tutte-i la stessa cosa, non è che siamo degli esseri lobotomizzati, quando non siamo daccordo su qualcosa o la pensiamo in modo diverso, lo scriviamo eccome….per quanto riguarda Ercole, non saprei che dire, visto che ogni volta non vede sessismo, neanche nelle pubblicità più con “montami”, “smontami”, “te la dò gratis”…

      Mi piace

      • @Fabiana ma che dici ?
        Non ho mai detto che in quelle pubblicità non c’è sessismo.
        Mi limito a far notare quelle pubblicità dove il sessismo non c’è, come in questo caso.
        Nelle altre non ho mai detto il contrario, non ti permettere di attribuirmi frasi che non ho scritto.

        Mi piace

      • Sono curioso, quali sarebbero gli spot, come tu li definisci, “montami”, “smontami”, “te la dò gratis”, dove io non avrei visto il sessismo ?

        Mi piace

  • @Ercole ma che delusione? :)….ma di cosa parli?…guarda muoio dalla voglia di farmi vedere da te!
    Oh signore…Ecco perchè Mary ti risponde in quel modo (per niente maleducato oltretutto), sei molto arrogante e da due parole ci si rende conto delle tue allusioni, tu sei la tipica persona che se uno dice qualcosa di contrario (solo perchè ragiona, infondo è detto dai più grandi filosofi e scrittori che farsi delle domande e vedere certe realtà in modo più profondo, è da persona intelligente che si oppone alla società lobotomizzata)automaticamente è invidiosa!

    Inoltre qui credo che tutti abbiano il diritto di dire la propria, non sentirti Feltri che si autodefinisce IMBAVAGLIATO, se questo blog non fosse libero le tue risposte (credo) verrebbero cancellate dopo un minuto, qua non facciamo propaganda fascista, qua ognuno dice la propria POSSIBILMENTE CONTANDO FINO A 10…E RAGIONANDO…E SOPRATTUTTO UMILTààààààààààààààà (ce ne vuole tanta nella vita)!

    Mi piace

    • @Fabiana se per te dire “o ci sei o ci fai”, “manco sai leggere” ad una persona che non conosci non è maleducazione, io e te abbiamo un concetto molto diverso di educazione.
      Ed infatti tu, pur non conoscendomi, mi insulti direttamente dandomi dell’arrogante.
      Io non ti ho mai insultata né ho MAI detto che siete invidiose, ti sfido a provare il contrario.
      Non ho MAI scritto quella parola, né quella frase, ma questo ovviamente non ti ferma dall’accusarmi di una cosa che non ho MAI scritto.

      Tutti abbiamo diritto di dire la propria ? Lo penso anche io.
      Ma rileggiti meglio il messaggio di mary, soprattutto nella parte dove mi dice “vai altrove”.
      Quella frase ti è sfuggita forse ?

      Mi piace

      • Non l’hai scritto chiaramente ma in modo sottointeso con la frase “Incredibile, basta che ci sia una bella donna e per voi il contenuto dello spot è automaticamente sessista !”…..

        dai sù….tu vuoi veramente dire che con questa frase non hai pensato minimamente “rosicone…..siete solo invidiose” !?

        scusami ma non ci credo!

        Mi piace

      • A me non interessa se siete invidiose, è un problema vostro.
        Mi limito a far notare la disinvoltura con cui confondete l’utilizzo di espedienti sessuali con il sessismo.

        Mi piace

  • @Ercole, io la frase “Gli uomini belli a differenza delle belle donne mantengono un ruolo sempre dominante” l’ho letta così: Bova non viene usato/sminuito/ridicolizzato, a differenza delle belle protagoniste in tv che sono sempre in una posizione di subordinazione, cioè usate o sminuite, come peraltro succede in parte nella reclame 3 – la donna bella è *solo* 2 tette che camminano e ipnotizzano, la donna bruttina ha una parte ridicola. Proprio come nel resto della tv dove le donne sono solo belle comparse mute oppure sono la Littizzetto. Se non contiamo le presentatrici della vecchia guardia, le eccezioni sono poche.

    Quindi non ho visto un paragone tra Bova e le altre due attrici della pubblicità 3, ho visto un paragone tra Bova protagonista dello spot VS altre protagoniste di spot telefonici. Esempio a caso… la pluricitata coppia Belen/TIM.

    Bova fa la figura del morto di figa, però è vestito dalla testa ai piedi, parla esprime concetti, e valuta (attivo) l’aspetto delle due donne. Inoltre per molti/e è Virile e Giusto sbavare su ogni donna che passa…

    Non ho capito se vedi potere nell’uso della bellezza, se sì torniamo al discorso di prima: è giusto far passare *solo* questo messaggio che vede le donne solo come corpi desiderabili?

    Per me il punto sta proprio in questo messaggio a senso unico. E’ come se trasmettessero solo spot alla D&G dove gli uomini sono tutti belli e tutti gay: non ti darebbe fastidio l’uso martellante ed esclusivo di questi stereotipi?

    Secondo me danneggerebbe la società tanto quanto la danneggia mostrare che le donne devono essere solo pulite dentro, belle fuori e auspicabilmente porche in mezzo. (scusa la finezza)

    La forma dei post di CDG è importante, però ritengo più importante ancora la sostanza… per questo mi sforzo di capire cosa intende Mary anche quando magari non è precisa al 200%

    Mi piace

    • @Giulia
      In questo blog si fa’ confusione tra tre concetti distinti.
      1) l’utilizzo di richiami sessuali negli spot
      2) la proposta di modelli irraggiungibili negli stessi, maschili e femminili
      3) l’eventuale discriminazione sessuale

      In molti spot sono presenti tutte e tre le componenti sopracitate.
      In molti altri è presente la prima, e qui dentro viene spesso confusa con la terza.

      Nello spot 3 non ci vedo stereotipi di genere, ci vedo tre persone, tutte vestite e parlanti.
      Bova ha il ruolo centrale perchè immagino piu’ famoso.
      Teresa Mannino ha una parte ironica perchè fa’ parte del suo personaggio, conduce una trasmissione comica.
      Sul fatto che sia vesito non potrebbe essere diversamente perchè a differenza donna, che gode di una certa libertà di abbigliamento, tali libertà all’uomo non sono concesse.
      Sarai d’accordo anche che tu che, mentre una donna puo’ presentarsi a cena coperta o svestita quanto le pare e fare sempre una bella figura, un uomo non puo’ certo presentarsi in calzoncini o con la camicia aperta sul petto.
      Io per primo non concordo con questa discriminazione ai nostri danni, ma purtroppo è una convenzione sociale, diffusa in tutto il mondo, che vuole l’uomo sempre vestito.
      Sul fatto che ci siano spot dove la donna è nuda a sproposito poi, se ne puo’ parlare, ma starei attento a non confondere il 1° punto con il 3°.

      Un ultimo appunto: ho la sensazione che qui dentro si voglia per forza trovare discriminazione sessuale anche quando non ci sia. Un indizio di questo è la depersonalizzazione di Teresa Mannino, che, nella descrizione di Mary perde l’identità diventando semplicemente “la compagna di Bova”.

      Mi piace

  • danzatriceorientale

    Proprio come nel resto della tv dove le donne sono solo belle comparse mute oppure sono la Littizzetto > Beh, ma alla fine io ho notato che, anche se naturali, attempate o non particolarmente attraenti, l’imperativo della TV sembra essere “L’importante è che siano magre” (a parte qualche eccezione come la Sconsolata, la Laurito, la Clerici ecc. ecc,), quindi boh, per me fanno tutte danno, persino i cartoni animati guapponesi ocn tutte quelle anoressiche.

    Ditemi voi poi come fa una a non sentirsi a disagio o a sclerare e stracciare tutti i suoi pantaloni appena non le stanno più come sto facendo io coi miei.

    Mi piace

    • danzatriceorientale

      Oppure gli stessi che guardano all’aspetto esteriore e prendono per culo una donna solo perché non è un’anoressica taglia 38, poi fanno i santarellini scandalizzati se una oversize amazza la cugina fuscello perché il ragazzo che le piaceva non ama le oversize.
      Daje oggi daje domani, una alla fine non ce la fa più (e con questo non sto giustificando l’assassina, ma solo smerdando i finti moralisti che, senza accorgersene, son i primi ad alimentare questi malesseri).

      Mi piace

      • Io ci aggiungerei in primis le commesse di Benetton che ti dicono, schifate, che non tengono le taglie oltre la 44.

        Mi piace

  • Sulla ragazza perfetta:
    Ella non può ruttare.

    Mi piace

  • danzatriceorientale

    Scusate i continui off topic (mica tanto), ma guardate qui: http://www.youtube.com/watch?v=Rk8dyattW7Y

    Sempre parlando di perfezione fisica e stereotipi, la ragazza del video è stata respinta in un colloquio di lavoro ed invitata “gentilmente” a perdere 40 kg, nel caso ci tega ad avere il posto da commessa in profumeria.

    Grazie Endemol! Grazie “Uomini e donne”!

    Mi piace

    • Sulla questione lavoro tutto si complica, io ho vari anni di esperienza di ricerche di vari lavori, e posso dire che questi datori non sanno quello che vogliono, in più oggi come oggi i colloqui lo fanno coloro che si trovano negli uffici delle risorse umane, spesso donne, che quando si ritrovano a ricoprire il ruolo da “coltello dalla parte del manico” iniziano a farti domande assurde del tipo “sei fidanzata? intenzione di sposarti? intenzione di fare figli?) è umiliante tutto ciò, soprattutto se, come è capitato a me , te le fanno a 20anni che non sai nemmeno cosa fare il giorno dopo, ci manca solo che presentiamo il calendario della nostra fertilità, e eventuali rapporti con il partner!
      Sicuramente dire ad una ragazza “perdi prima 40kg e poi ritorni” è una cosa assurda, razzista e disumana; loro giustificano tutto ciò con “noi cerchiamo gente con un bell’aspetto poichè il nostro campo è la moda (per i negozi d’abbigliamento), oppure cerchiamo gente curatissima perchè siamo nel settore del make-up,estetica,ecc ecc…..tutto ciò è ridicolo perchè ci sono ragazze carine pur avendo qualche chilo in più di una taglia 40, inoltre a questa ragazza nel video hanno dato una doppia bastonata, queste selezioni sono tutte una farsa, nel maggior parte dei casi, loro sanno già chi devono prendere, questi colloqui e selezioni sono fatte solo per mettersi in regola con gli uffici di collocamento che potrebbero denunciare qualsiasi cosa, dicevo a questa ragazza hanno dato una doppia bastonata, potevano dire semplicemente come fanno quasi sempre “grazie, le faremo sapere” invece no hanno voluto umiliarla e “finirla” ; mi ci gioco la testa che è stata una donna a dirle questa cosa…..purtroppo certe donne sono molto più maschiliste degli uomini!

      Mi piace

      • danzatriceorientale

        Si, è stata una donna, lo dice.

        Io pure in casa sono circondata da gentaglia che non fa che criticare l’aspetto fisico altrui, tempo fa lo facevano anche con me, quando pesavo 20 kg in più (risparmio i particolri umilianti)… e attualmente le teste di cazzo, che sicuramente si sono scordate il passato (ma io no), hanno anche il coraggio di scandalizzarsi e gridare alla superficialità quando esprimo il desiderio di voler fare una liposuzione (LORO che sfottevano la mia pancia???) e soprattutto hanno anche la faccia tosta di dare la colpa alla televisione, che rovina la gente.

        Sì sì, come no, la TV ha la nomea, ma in realtà tutto parte dale proprie case, lo dico sempre e la TV in questi casi contribuisce solo a darti il colpo di grazia.

        Mi piace

    • oggi a forum (che mia madre guarda assiduamente) in una delle loro cause verosimili, un giudice ha approvato il licenziamento di una donna per giusta causa: non voleva dimagrire su richiesta del datore di lavoro. mi sembra che il lavoro fosse attinente alla moda, ma lei doveva gestire i clienti, mica sfilare.
      che dire, tra poco la bella presenza sarà così ben definita da prestabilire anche il girocaviglia e la forma del collo del piede.

      Mi piace

      • danzatriceorientale

        Delle mie amiche sono capitate nel negozio di Valentino e, da quel che ho capito, non solo le commesse devono essere bòne, ma pure le clienti che entrano, altrimenti ti guardano male e ti trattano scortesemente.
        A questo punto fanno prima a mettere il cartello “Vietato l’ingresso alle balene” (per loro bastano 5 kg in più per meritarsi il titolo).

        Mi piace

  • penso che ormai si possa parlare proprio di Belenismo, come dicevi tu, Mary! Belen è praticamente ovunque, pure qui a fare la grechina alla serie A del calcio… http://www.youtube.com/watch?v=pATbvF2rb2k&feature=related … C’é praticamente questa donna si è fatta accostare a tutto, macchine, gioielli, telefoni, vestiti… ma non ce l’ha un minimo di amor proprio? Lo fa per soldi o ha qualche problema proprio lei a livello interiore? Boh…

    Mi piace

    • No ti prego Belenismo no, la daremmo ancora più importanza!
      L’unica cosa da fare è criticarla, ma non lei in quanto Belen, ma lei come burattina e schiava di un sistema sporco, schiavista e maschilista!

      Mi piace