Arretratezze italiche

Vintage-Ads-Girl

Concita De Gregorio è una delle poche donne in italia che dirigono una testata giornalistica. Sappiamo tutti come è difficile essere donne in Italia ed avere credibilità. Poche ce la fanno e “non contenti di questo” quelle poche vengono pure screditate, disautorevolate e insultate con aggettivi che riportano ad una femminilità stereotipata.

Non è un caso se sia stata insultata da un’altro direttore di testata, che oltre allo schieramento avverso svela anche un incoscia intolleranza al fatto che una testata sia diretta da una donna, se no non si spiegherebbe il termine di grande connotazione stereotipata (riservato solo le donne).

 La violenza sulle donne è anche questa: insultate e denigrare le donne in quanto tali, a scopo di screditarle.

Stesso trattamento è stato riservato alla Marcegaglia: anch’essa una delle poche donne che sono arrivate a dirigere una posizione di rilievo. Non è un caso. Sembra che alcuni uomini italiani abbiano in testa un determinato ruolo di genere e che facciano fatica a tollerare quando una donna occupi posti che da loro sono reputati come maschili.

E’ pericoloso utilizzare la televisione per veicolare certi messaggi, in quanto non fa altro che incitare la violenza di genere e riproporre vecchi stereotipi che credevamo morti. Fino ad un certo punto, dal momento che i numeri ci rivelano una discriminazione inaudita e inspiegabile contro le donne. L’italia non si è evoluta.

Passiamo ad altre arretratezze italiane. Un uomo investe un cane, va a soccorrerlo e viene picchiato dalla folla inferocita fino a mandarlo in coma. Il giorno dopo leggiamo che una donna viene picchiata da un ventenne italiano. Questa volta è lei a finire in coma, ma la folla è indifferente. Ma non solo, lo giustificano colpevolizzando la vittima. Lo vogliono mettere in libertà come nulla fosse. Parlano di violenza meritata. Chissà perchè la violenza sulle donne in Italia è sempre vista con estrema legittimazione e liceità e ci sia sempre questo vizio di ricordare che gli autori (italiani) sono ragazzi perbene (provocati in qualche modo dalla vittima), perfino quelli che uccidono ragazzine e ne profanano il cadavere. Non vorrei mai immaginare quali siano allora i ragazzi per-male.

Ora mi chiedo quanto valgono le donne in italia? Forse meno di un cane?

Quanto fa scalpore la violenza sulle donne? meno di quella sugli animali (con tutto il rispetto per questi ultimi).

Proprio pochi giorni fa leggo su facebook il commento lasciato da una ragazza che commentava la mia rabbia contro una televisione che maltratta le donne. Lei mi rispose “basta con queste cazzate, ma quale violenza? sono consenzienti e si offrono a sculettare, ci sono cose peggiori di queste troie in italia, come la violenza sugli animali! Loro sono solo troiette e sciaccuette

Davvero in italia le donne contano meno degli animali?

13 commenti

  • Brava Conchita complimenti per l'”aplomb”… qualche volta mi piacerebbe vedere una giornalista che risponde a Sallusti o a Feltri scendendo sul loro stesso terreno retorico e lessicale: pensate quanto sarebbe facile svillaneggiarli ricorrendo ad epiteti che descrivano le loro qualità umane e professionali ed il loro aspetto fisico. ma forse è meglio di no, dimostreremmo di essere diventate come loro.

    Mi piace

  • leggo ora da rep online

    http://www.repubblica.it/index.html?refresh_ce

    Il testimoni – “Ero dietro di loro quando sono usciti dal bar. Il ragazzo camminava davanti e la donna lo seguiva, insultandolo e poi prendendolo a calci e pugni. Il giovane si è girato dicendo ‘Ma falla finita’ e con una mano l’ha colpita involontariamente. Lei è caduta a terra come un sacco di patate”. A parlare è un commerciante che lavora all’interno della stazione della metro Anagnina e, raccontando di aver assistito all’episodio di venerdì, difende l’aggressore. “In 60 anni non avevo mai visto una scena del genere – ha aggiunto – una donna che picchia in quel modo un uomo. La donna se l’è cercata. L’ha chiamato anche porco”.

    SE L’E’ CERCATA. SENZA PAROLE. O MEGLIO QUELLE CHE HO SONO VOLGARI.

    Mi piace

    • Non ho parole…Sembra che x l’opinione pubblica sia + intollerabile la violenza sugli uomini invece del contrario..visto che le donne fisicamente sono + deboli e si sa..
      In ogni cosa sembra che ce la cerchiamo…questa è misoginia..che schifo!

      Mi piace

  • Sul fatto che in Italia le donne contino poco o nulla non ho dubbi. Credo però che stavolta il caso della metro sia condizionato da questioni di opportunismo: se l’aggressione fosse stata compiuta da un rumeno su un’italiana, avrebbe suscitato scalpore e un vespaio di interventi politici, non per l’aggressione a una donna – figuriamoci – ma perché è un evento comodo da strumentalizzare in chiave anti-immigrazione. Invece questo bel tipo è già ai domiciliari, e il suo avvocato gode di ampio ascolto nel dire che è stato “provocato”, anche se le immagini lo smentiscono. L’Italia mi fa sempre più schifo.

    Mi piace

  • “Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico…” http://parliamoneassieme.splinder.com/post/23439992

    Ardovig

    Mi piace

  • danzatriceorientale

    Che le donne valgano meno degli animali l’ho sempre detto e anzi, proprio poco fa, in una pagina di informazione dove finalmente si sono degnati di pubblicare una notizia relativa alla discriminazione femminile in Italia, ho fatto notare come la colpa sia pure un po’ delle stesse donne, considerando che notizie come queste ottengono uno scarno numero di commenti, a differenza di quando si parla di maltrattamenti ad animali, discriminazioni contro disabili, immigrati, omosessuali e donne musulmane. Cioè, noi pretendiamo di insegnare la civiltà ai cosiddetti paesi sottosviluppati, ma veniamo apostrpfate con i “Zitta acida, troia, puttana, bacchettona, invidiosa” quando invece facciamo notare che esistono paesi più evoluti di noi? Pretendiamo di insegnare la civiltà, quando, parlando di Margherita Hack che ha difeso la Bindi dall’ennesima offesa del nano, qualcuno su youtube ha scritto “questa parla così perché è una racchia che non è stata stuprata a dovere”, con tanto di 30 pollici verdi che l’hanno quotato? (potrei andare avanti all’infinito, ma mi fermo qui)

    Il problema di molti italiani fascistelli è che loro si sentono così superiori da credere di potersi arrogare il diritto di fare la morale agli altri, ma poi, quando li si invita a guardare ai paesi migliori di noi, si sentono feriti nel loro orgoglio patriottico di italianibravagente.

    Ah e per la cronaca, ricordate Luca Delfino, che ha assassinato due sue ex fidanzate? Ebbene, è stato rilasciato, anche se nessuna pagina di google news ne fa menzione e non so se nei TG ne abbiano parlato (l’ho letto sulla pagina facebook “Quelli che non credono nella giustizia italiana”): i magistrati ritengono che non ci siano sufficienti indizi per mantenerlo in carcere.

    Mi piace

    • Pazzesco…incitano lo stupro! e poi magari sono quelli che gridano allo scandalo quando un rumeno stupra una donna invocando le ronde!
      Non ho parole..Luca Delfino di nuovo fuori?
      Ha ammazzato due ragazze, di cui una a causa della sua scarcerazione..vogliono che ne ammazzi un’altra? non è sufficiente che ne ha ammazzate due?

      Mi piace

  • io diffido di chi dice con convinzione frasi come “i cani sono molto meglio degli uomini”… è qui che sta il marcio dei rapporti umani, c’è poco da dire. E’ indicativo preferire alle persone una razza animale che non può contraddirci e non può instaurare con noi un rapporto alla pari (animali magari ubbidienti e fedeli come i cani).
    Lo dico pur amando cani, gatti, ecc. e ben sapendo che ci sono persone ributtanti. Però lo stesso rispetto che dò aggratis agli animali (e ci mancherebbe) lo concedo anche alle persone, fino a prova contraria.

    Tra l’altro, la frase “con una mano l’ha colpita involontariamente” è quantomeno assurda.
    La donna violentissima non ha nemmeno fermato l’uomo che continuava a camminare (dovevano essere micidiali quei calci e pugni!) mentre lui “involontariamente” la stende e le provoca un coma?!
    Mi suona molto sospetto, non so perché…

    “i magistrati ritengono che non ci siano sufficienti indizi per mantenerLO in carcere.”

    invece nel caso di una donna, la Franzoni per dirne una, pochi indizi e tante supposizioni sono più che sufficienti per una condanna… (e con questo non voglio difendere la Franzoni; ma nel suo caso le prove erano poche e ben confuse.)

    Mi piace

  • In generale chi ama gli animali dovrebbe amare anche le persone ma ultimamente mi sorgono dei dubbi…da un lato è consolante che di solito si facciano leggi bipartisan a tutela degli animali ma che non si riesca a farne una seria sulla violenza contro le donne o sull’omofobia…Una volta scrissi a Famiglia Crisitiana, che aveva accettato di pubblicare una (peraltro penosa) campagna ministeriale contro l’omofobia, ma preceduta da un avviso ai lettori in cui si diceva che questo non modificava l’opinione della chiesa verso gli omosessuali stessi. Dissi al direttore che forse avevano accettato di pubblicarla perchè inserivano anche quelle contro l’abbandono degli animali e gli omosessuali, pur essendo destinati all’inferno, erano comunque persone; non mi hanno mai risposto…sarebbe bello riuscire ad essere rispettosi verso tutti gli esseri viventi…

    Mi piace

  • Purtroppo non abbiamo manco il diritto a lamentarci di tutto ciò, altrimenti partono gli insulti “sei pesante, sei una femminista, le femministe sono estremiste, le femministe odiano gli uomini, sei bigotta, sei una scassapalle” ecc,ecc….io infatti non ne posso più!
    Per quanto riguarda Concita (mi sà che proprio in uno dei post in questo blog già scrissi di lei) vengono fatti due tipi di commenti discriminatori su di lei, che ovviamente la screditano innanzitutto come donna e poi come professionsita : ci sono gli uomini della pietra come Sallusti (che quando D’Alema lo mandò a farsi fottere sparai dei fuochi d’artificio dal mio balcone) che sono semplicemente dei misogini, d’altronde ricordiamoci che lui è un servo del Cavaliere, colui che usa le donne come merce di scambio, dà loro dei posti in politica o nel mondo dello spettacolo,o favori vari solo se si prestano ad andare a letto con lui, quindi cosa poteva uscire dalla bocca di quel vile,viscido,servo e lecchino di Sallusti?
    L’altra categoria (quella di cui parlavo io in un post giorni fa) è quella che sembra essere più gentile, ma è solo più ipocrita: ovvero coloro che non smettono mai di apprezzare il lato fisico della grandissima SIGNORA Concita DeGregorio; ok ci stà che uno dice “è brava,intelligente, impegnata ma è anche una donna affascinante, carina e che si cura”, il problema è quando non si fa altro che rimarcare quel lato più effimero …a parer mio questo maschilismo non è tanto meglio della misoginia di Sallusti, anzi è una “Berlusconata” vera e propria che giudica una donna sempre e solo dal suo aspetto fisico ( Rosy Bindi è un cesso, alla Mercegaglia una volta le disse “oggi sembra quasi una velina”)!

    Per quanto riguarda quella ragazza non ha capito una mazza!
    Cioè molti-e pensano che infondo queste ragazze in tv si prestano a tutto ciò e che quindi è inutile stare a parlarne; certo da una parte questo è pure vero, io comunque inizierei col dire che queste ragazze o donne non hanno un briciolo di amor proprio, poi gran parte della colpa và alla società e ai suoi vari sistemi (come la tv) che ha reso tutto ciò non solo “normale” ma anche l’unico modo per essere qualcuno nella vita. La tv e le pubblicità ci bombardano con questi continui messaggi di svilimento,mercificazione e umiliazione del corpo femminile, lasciando totalmente la mente femminile a casa, perchè per questi mezzi noi esistiamo solo per essere belle e se non nasciamo tali dobbiamo diventarlo (la chirurgia estetica in realtà è un REGALO agli uomini) con ritocchi,protesi,interventi e diete massacranti, dopo aver ottenuto questo dobbiamo cercare un maschio da rendere felice, da accudire dentro e fuori dal letto, da onorare (spesso senza essere ricambiate) , la nostra vita è improntata sin dalla nascita sul soddisfacimento della vita deggli uomini sotto ogni fronte .: famiglia,lavoro,sesso e chi più ne ha più ne metta!

    Mi piace

  • danzatriceorientale

    (la chirurgia estetica in realtà è un REGALO agli uomini) > Mi spiace, ma non sono del tutto d’accordo e ti porto due esempi per spiegarti il perché.

    Una mia amica vorrebbe tanto rifarsi il seno, ma il fidanzato le ha detto che se si prova la lascia, quindi in questo caso è lei che sta assecondando un uomo rinunciando a una cosa che desidera tanto.

    Io invece il seno me lo sono rifatto da quando ho deciso di prendere le distanze dagli uomini e senza stare a sentire tutti i pareri contrari della gente che mi circonda, perché in fondo il corpo è mio, sono io quella che ci passa più tempo insieme e quindi decido io come conciarmelo e anzi, nel momento in cui tutti questi gesù nel tempio in vena di consigli mi dicono “Tagliati i capelli, devi rifarti il colore, devi farti la pulizia al viso perché hai la pelle grassa ecc. ecc.” è la volta buona che, per quanto ci tenga alla cura dell’estetica, io faccio l’opposto di quel che mi “ordinano”.

    Il DEVI con me non esiste (nemmeno il più delicato “dovresti”), specialmente quando si tratta del mio aspetto esteriore.

    Mi piace

    • Ma per quale motivo ti sei rifatta il seno, se posso sapere?
      Non ti ritrovavi più nel tuo corpo?

      Mi piace

    • Ciao,
      scusami forse mi sono espressa male:. ci sono casi dove credo ci sia una forte volontà di ritoccare una propria parte del corpo indipendentemente dagli altri perchè magari crea dei disagi o insoddisfazione o non sò (dico non sò perchè non ho provato mai quest’esperienza )…ma credimi oltre a quei pochissimi casi come te, (lessi un pò di tempo fa dove spiegavi che dietro il tuo intervento c’era un’insoddisfazione verso quella parte del tuo corpo, cioè il seno che ti dava dei disturbi non fisici, ma non lo accettavi, non ti piaceva, se non erro!?)…..
      Ora, io non sò innanzitutto a quanti anni tu abbia fatto quest’intervento, ma di una cosa sono sicura, che sei una donna intelligente e l’hai fatto solo per te stessa; ma quante ce ne sono come te??
      Diciamoci la verità, POCHISSIME!
      Oggi come oggi si inizia a rifarsi a 18anni quando il corpo deve ancora formarsi del tutto (te lo dico io che fino a 3anni fa il mio corpo era completamente diverso, da una quasi 48 sono passata alla 42 senza diete, ma avevo un metabolismo sballato, mangio più ora), dicevo a 18 anni cosa ci si rifà a fare?
      Posso ancora, ancora, capire un setto nasale deviato, orecchie pronunciate o magari seno troppo piatto, cioè difetti che portano seriamente un malessere, ma quando bene o male tutto ciò và ok e ci si fa regalare “il seno” per il 18esimo compleanno, poi dopo quello il naso sfilato, poi si passa alle tempie, scavatura delle palpebre,(poi adrittura oggi anche i denti),guancione, quando si fa questo perchè bombardate da immagini,prototipi malati e impossibili, beh inizio a pensare che coloro che inseguono questi obiettivi pur non avendo forti o accentuati difetti, lo facciano solo per gli uomini, ovvero mettersi alla pari con questi modelli sbagliati che la società ci impone!

      Mi piace