Kinder

maxi

Qualche lettrice mi ha chiesto una rubrica dedicata alle pubblicità che danno spazio ai talenti femminili.

Questo è lo spot della Kinder e vederlo in televisione mi ha reso felice. La protagonista non è  nè una donna-oggetto nè una donnina di casa. Nessuna attrice che deve recitare una parte (finta), ma una campionessa olimpica, una donna adulta che ha dedicato la sua vita allo sport . Una donna che parla di sè in base alle sue competenze professionali, le sue aspirazioni.

Una bella pubblicità gender-friendly che fa comprendere che per fortuna resta qualche azienda che ci riserva un ruolo di genere non stereotipato ma reale.

*Se ne trovate altri non esitate a segnalarmeli :)

4 commenti

  • Cara Mary, queste isole felici sono troppo scarse! Mi tocca segnalarti – non è ancora disponibile su Youtube, o almeno io non l’ho trovato – l’ultimo spot della Swiffer, il panno antipolvere. Si vede un cumulo di polvere che bussa alla porta di una casa dove vive una giovane coppia. Apre lui la porta e, alla vista della polvere, dice “Cara, è per te”: segue imagine di lei che non solo non protesta ma, amorevolmente e con sguardo dolce, grazie al piumino Swiffer risolve la situazione. Dire che è vergognoso è dire poco. Mi domando se la Swiffer propone questa robaccia anche in paesi più avanzati del nostro: mi viene da pensare che una chiavica del genere non supererebbe l’esame di un qualsiasi organo per la regolamentazione della pubblcità.

    Mi piace

    • Vergognoso il messaggio veicolato dallo spot che mi hai segnalato: cara è per te! come dire che le faccende domestiche vanno addossate sulle donne da mariti padroni che esigono che la casa sia pulita.
      E’ vergognoso..spero lo mettano in rete così colgo l’occasione per parlarne.
      All’estero non fanno spot del genere semplicemente xche il lavoro domestico non è considerato roba da donne. Hai visto la puntata di Presa diretta intitolata senza donne?
      La condizione femminile è agghiacciante!! In norvegia si vedono padri curare figli, cucinare e pulire..qui è impensabile!! Si lascia tutto sulle spalle delle donne: nessuna suddivisione dei lavori domestici, tutto sulle donne come in quello spot, passato per parodia comica, ma purtroppo triste realtà dell’arretrattezza italiana per quanto riguarda il ruolo femminile in famiglia e nella società!

      Mi piace

      • danzatriceorientale

        In Norvegia e nei Paesi Scandinavi in genere mi pare ci sia anche il congedo di paternità obbligatorio.

        Conoscendo i molti mariti padroni che vivono qui in Italia (almeno dalle mie parti, Centro Italia), se istituissero questo privilegio, secondo me sarebbero capaci di obbligare le mogli a rimanere incinte solo perché loro hanno voglia di staccare la spina dal lavoro.

        Mi piace

    • Ciao Mary,
      sono perfettamente d’accordo con te. Ogni volta che vedo trasmettere quella pubblicità mi sento molto offesa in quanto donna.
      Io le mie amiche stavamo pensando di mandare una mail di protesta alla swiffer anche se non so quanto questo possa essere utile.
      E’ così svilente che ancora ora, nel 2010, la donna venga proposta solo come cameriera pronta ad occuparsi di tutte le faccende domestiche mentre il suo compagno è beatamente seduto sul divano a guardare.
      Dovremmo fare una petizione per chiedere la cessazione della messa in onda di quello spot !!
      ciao
      Laura

      Mi piace