Qualche domanda su Miss Italia

Immagine329

Si è concluso anche quest’anno l’iperpresente consorso di Miss Italia. Se qualche anno fa ci fu la polemica su l’affermazione di un tale che chiese se fosse giusto o meno zoommare sulle parti più intime delle concorrenti, quest’annno si mette pure in dubbio l’identità sessuale di un’aspirante facendola piangere in diretta. Come al solito lo sfruttamento della sessualità femminile è sempre al centro di tutto.Per non parlare della volgarità della prima puntata.

 Rispetto al resto del mondo, questo concorso in Italia assume un importanza quasi poltica,  il servizio pubblico le dedica tre serate di fila (prima erano addirittura quattro) e le aspiranti Miss italiane sono le più nude del mondo, ancora più vergognoso se sappiamo che concorrono anche ragazze di sedici-diciasette anni. A voi un bell’articolo del corriere della sera.

Solo alcune domande. Di questi tempi, ma anche no, ha ancora senso consacrare tre prime serate al concorso di Miss Italia, che, dal punto di vista spettacolare, è di una noia senza fine? È giusto che il Servizio pubblico dedichi così tanto spazio a un concorso di bellezza, insomma offra una vetrina così prestigiosa per un business tutto privato? Non è preoccupante che la manifestazione di quest’anno sia stata caratterizzata da un pettegolezzo sulla presunta identità sessuale di una concorrente? Cosa significa questa frase che tal Mariotto, membro della giuria, ha rivolto ad Alessia Mancini, additata come presunta trans: «C’è sempre il rovescio della medaglia e ora sei al centro dell’attenzione, cogli l’opportunità»? Trans-rovescio della medaglia?

E se il funzionario Antonio Azzolini, capo struttura di Raiuno, avesse ragione nell’affermare che il concorso è «una mostra di carne»? E mai possibile che i sindaci dei paesi delle concorrenti lancino appelli, distribuiscano volantini, organizzino televoti per favorire la ragazza di casa? È normale che a Noale (Venezia), l’amministrazione comunale abbia telefonato a casa a tutte le sue seimila famiglie con un messaggio registrato per sponsorizzare la numero 35, Giulia Frasson? Che pena storica dovrà mai scontare il nostro Paese per sopportare ancora la presenza tv di Emanuele Filiberto? Perché le mamme al seguito (stage mothers) sono più infoiate delle figlie? Ma Milly Carlucci, sempre così algidamente passionale nella conduzione, manderebbe le sue figlie a Salsomaggiore? Perché, da un po’ di tempo, i direttori di Raiuno sono sempre seduti in prima fila a farsi riprendere? Scommettiamo che Gad Lerner dedicherà una trasmissione a Miss Italia e allo sfruttamento del corpo femminile? Qualche candidata di Salsomaggiore verrà candidata alle prossime elezioni politiche? Sono domande di un vecchio moralista, destinate a non avere risposta. Anche perché la risposta è già sotto gli occhi di tutti: il problema non è Miss Italia, è l’Italia.

Aldo Grasso

8 commenti