Le donne oggi offese e umiliate

silvia-avallone-2-di-stefano-lorefice-large

Di Iole Murruni

C’è una ragazza che scrive un libro, partecipa al Campiello, vince il premio sezione giovani, e quando sale sul palco viene apprezzata più per il suo decolleté  che per la sua opera letteraria.
C’è un dittatore che quando arriva in Italia vuole uno stuolo di centinaia di fanciulle da catechizzare.
C’è una pubblicità che per vendere qualsiasi prodotto non trova altra idea creativa che abbinarlo ad un fondoschiena femminile.
Ci sono programmi televisivi  dove l’immagine femminile è costantemente umiliata senza considerare che – per usare le parole del Presidente Giorgio Napolitano – “uno stile di comunicazione che offende le donne nei media, nelle pubblicità, nel dibattito pubblico può offrire un contesto favorevole dove attecchiscono molestie sessuali, verbali e fisiche, se non veri e propri atti di violenza anche da parte di giovanissimi”.
La vita delle donne non è mai stata facile, ma oggi in Italia è in atto una profonda regressione che utilizza il corpo delle donne per renderle oggetti, per mercificarle, per ricacciarle indietro rispetto ai diritti conquistati negli anni ’70.
Anche se siamo più della metà della popolazione, nel nostro paese il tasso di occupazione femminile come  la rappresentanza in Parlamento sono i più bassi dell’Unione Europea.
Non possiamo più tacere, la voce delle donne deve farsi sentire. Boicottiamo i prodotti che usano nelle loro pubblicità il corpo femminile; scriviamo lettere, mail di protesta ai giornali quando qualcosa ci fa indignare; e soprattutto parliamo con le altre donne, con gli uomini, con le ragazze ed i ragazzi; insegniamo alle bambine ed ai bambini il rispetto. Forse sarà poco ma qualcosa deve iniziare a cambiare.

3 commenti

  • soprattutto insegnamo ai bambini e alle bambine il rispetto… questi arrivano alle medie e pensano che il bullismo sia uno stile di vita possibile :D

    Mi piace

    • e dal bullismo passano con disinvoltura, da grandi, ad altri tipi di -ISMI IMPOSSIBILI come maschilismo, sessismo, velinismo (ops)…

      Mi piace

  • Il vero problema, appunto, è che nessuno (e le donne soprattutto) più si indigna per nulla…una società fatta di larve e robot….
    -ogni giorno donne vengono picchiate,violentate o peggio ancora uccise da “persone che dichiarano di amarle”…
    E LA GENTE : “beh…..cose di tutti i giorni,peggio per lei poteva lasciarlo prima” (magari questa donna è sola,non ha reddito e non ha nessuno a cui rivolgersi)
    -una ragazza vince un premio per il suo libro..e un imbecille (Vespa) invece di apprezzare la sua bravura,sensibilità,professionalità cosa fa?inquadrare le sue tette..
    GENTE : “vabbè Vespa è un simpaticone …infondo le dovrebbe fare solo piacere essere apprezzata fisicamente,che avrà detto mai di male!?”
    -cartelloni pubblicitari,tv,commenti,ecc ecc rappresentano una donna “bambola tumefatta di silicone” che ammica mentre dice “montami gratis, te la dò gratis”…
    GENTE: e lì tutti con i sorrisini (tra di questi molte donne) e commenti e se minimamente osi dire qualcosa la solita solfa “sei acida,pesante,vorresti essere tu al suo posto,sai quanto guadagna quella!?….o peggio ancora sei invidiosa?” (invidiosa di cosa poi? di essere schiava?di avere un corpo fatto di carne e ossa e non di botulino e silicone?)
    -le donne guadagnano il 21% in meno degli uomini pur svolgendo la stessa mansione
    GENTE: beh è più importante che un uomo porti i soldi a casa, infondo una donna l’importante (se proprio vuole) che ce l’abbia un lavoro!!

    Oltre a queste aberranti cose….quando sei una donna con un bell’aspetto fisico (ma non ti vuoi piegare a tutto ciò, hai un cervello pensante e non sei schiava di questa società) e ti presenti a fare colloqui o cose simili (a me personalmente è successo 3volte) la persona ti guarda e ti dice “ma una come te si dovrebbe cercare uno con tanti soldi,hai tutte le carte in regola….magari potessi io”!! insomma il-la classico-a Berlusconista!!

    Ecco…l’Italia….che splendido paese!!

    Mi piace