Ti piacerebbe averle così?

31082010

Una mia lettrice mi ha fatto la seguente segnalazione. Questa è una foto scattata da lei di un 3×6 che si trova in un centro commerciale a Roma sulla laurentina.

Pare sia un prodotto di assorbenti, anche se non si capisce perchè ci siano due tette di mezzo. Sicuramente il furbone che sta pubblicizzando un prodotto per spingere le donne a comprarli promette di pagagli un intervento di mastoplastica additiva al seno, per soddisfare le esigenze dei maschi che vorrebbero vedere almeno qualcosa di buono in una donna mestruata. E non c’è cosa più sessista.

 Certamente non può che essere un uomo uno che si fa un bodycopy del genere: “Ti piacerebbe averle così?”. Mi fa rabbia pensare che una pubblicità rivolta alle donne in realtà si rivolge a degli spettatori di sesso maschile che desiderano un corpo femminile perfetto e di vedere le solite tette su un 3×6.

A noi donne non piace averle così, sono desideri che provengono da un immaginario maschile e dalla maschilista società dei consumi. Sono tette di plastica, finte, contrafatte, stereotipate, sinceramente preferisco le mie mini-tette taglia prima che sono naturali.  La pubblicità mi sembra abbia intenti manipolativi imponendoci desideri che non abbiamo e che non abbiamo mai avuto. Oppure un compromesso per vendere il suo prodotto.

Dino di Felice si chiama il tizio, c’è un suo contatto telefonico: 06-45556999 e il sito internet. Sicuramente si aspetterà di essere chiamato da tantissime donne che vorrebbero rifarsi il seno. Sarei invece felicissima che questo signore venga chiamato da tutte noi indignate, sarebbe bello!

25 commenti

  • Prova a chiamarlo, registra la telefonata e metti online?

    Mi piace

  • Adesso (12.06 del 2/9) il sito non è raggiungibile. Peccato…

    Mi piace

  • Uff, non mi si apre il sito…

    Mi piace

  • Nemmeno a me si apre :(
    Grazie per le visite. Più tardi proverò a chiamare il tizio:)

    Mi piace

    • Ciao. Non ancora, purtroppo.Sto ricevendo un sacco di segnalazioni, sto preparando una bozza email per il settimanale CHI e non ho trovato nemmeno una nicchia di tempo per una chiamata.
      Proverò la sera, sperando sia utile. Intanto chiederei di fare lo stesso anche a voi così potremmo essere in tanti a denunciare quest’ orrenda trovata pubblicitaria.
      Un abbraccio!

      Mi piace

  • Questo raffinato genio del marketing, purtroppo, non è il primo a cambiare i più retrivi desideri maschili per un imperativo sociale da imporre alle donne. Ricordo che qualche anno fa una rivista maschile (doveva essere GQ Australia, ma non ne sono sicura) indisse un concorso per i suoi lettori: primo premio, una mastoplastica additiva da regalare alla donna del vincitore. Vomitevole, ma è un aggettivo troppo tenue.

    Mi piace

  • a me risulta inesistente….www.sweetwipes.com…..non esiste…..c’è sweatwipes.com….che è totalmente un’altra cosa…..già da questo si vede che tipo è il tizio…assurdo….non c’è limite al peggio

    Mi piace

  • quindi sarebbe una specie di presa in giro…

    Mi piace

  • si, il furbone oltre ad aver messo un soggetto che semmai allontana di più il target, non ha nemmeno attivato il sito che ha fatto scrivere sul cartellone.Che dire…un genio della vendita!!Io ho solo paura che se lo chiamo non mi contengo. Eppure si merita la stessa volgarità che mostra….Vediamo se riusciamo a trovare anche una mail di questo dino di felice, così lo rallegramo ancora di più noi scrivendo quello che pensiamo di questa “pubblicità”

    Mi piace

  • danzatriceorientale

    A me piaceva averle così e me le sono pagate io, senza condizionamento alcuno (sognavo di rifarmi il seno da quando avevo 15 anni e l’avevo un po’ troppo rilassato, per essee il seno di una 15enne)… e se me l’avesse chiesto un uomo, sarebbe stata la volta buona che me le sarei tenute flaccide per il resto della mia vita, dopo averlo naturalmente mandato a fanculo.

    Al di là di questo, una pubblicità più schifosa di questa non l’avevo mai vista, a parte per le tette in mostra, proprio per lo slogan che veramente fa cagare e non fa ridere nemmeno un po’ (e lui che magari sperava pure di fare colpo, il “simpaticone”).

    Mi piace

    • Ma io non capisco.
      Ma davvero non piacevano a te, o c’era qualcos’altro scusa?
      Non riesco a concepire, come una persona possa pensare di cambiare il proprio corpo per sè stessa.
      Lo trovo una scusa, ma non per cattiveria, ma perchè penso che se io mi guardo allo specchio non mi vedo solo con i miei occhi, ma con quelli delle altre persone. Alla fine anche la persona più dura e coraggiosa in certi momenti può dirsi : “Ma che cosa pensano gli altri di me?”.

      Mi piace

  • Mio DIo. Ma c’è realmente un concorso per vincere una plastica al seno!!!!
    Questo è l’unico link che sono riuscita a trovare.
    http://www.vincimondo.it/forum/115_2009/33709-sweet-wipes-15-5-a.html

    Da qui potete leggere l’indirizzo. 60centesimi di francobollo, 30 di busta, e una bella lettera da imbucare, credo ne valga la pena!

    Mi piace

  • Andando in giro per Roma ne ho visto 4 di questi cartelloni 3×6…. Hanno appena tolto un po’ dappertutto la pornostar sul tappetto e ora cominciano a fioccare questi con le tette a misura di maschio un po’ dappertutto… Ci sarà mai una fine?

    Mi piace

  • Il sito dell’azienda ora è accessibile e questo è il link del concorso:
    http://www.sweetwipes.com/concorsi.php
    Tutto vero, con tanto di regolamento e lista delle vincitrici delle passate edizioni.

    Mi piace

  • ora ho visto anche la versione culo 3×6 di questa cosa…. ci hanno messo in primo piano un sedere photoshoppato da pubblicità di anticellulite e la solita scritta ”ti piacerebbe averlo così?”…

    Mi piace

    • Potresti fotografarmelo grazie?

      Mi piace

      • purtroppo sta su una strada ad alto scorrimento ed è difficile da fotografare… comunque la stessa immagine stava sul link fornito da enola, peccato che adesso il link non funziona più un’altra volta… Se ci riesco comunque lo fotografo, magari lo becco da qualche altra parte (col buon gusto dei pubblicitari non c’é da escludere che si espanda a macchia d’olio…)

        Mi piace

  • hanno anche un camion

    Mi piace

  • almeno li a Roma era single…..qui a Messina a fine
    2009 ERANO 7……..

    Mi piace

    • sembra un fotomontaggio :)

      Mi piace

    • il messaggio è chiaro… ti piacerebbe avere donne così? te le pago io… interpretazione libera: ‘te le pago io’ con allusione alla prostituzione, oppure ‘ti pago io gli interventi per la/e tue donna/e’… Perché viene dato l’ok a certe stupidaggini abissali?

      Mi piace

  • Grazie rossella. Ecco la mai: vendite@sweetwipes.com

    Mi piace