Un Libero che non libera le donne..

Libero è un sito della compagnia telefonica wind  che continua ad offendere le donne dandole consigli su come soddisfare gli uomini.

Un sacco di letttrici mi hanno segnalato questo articolo.

Sono arrivata alla conclusione che Libero non libera le donne:

-Libero vuole che le donne siano sempre assoggetate al giudizio maschile e alla loro autorità;

-Libero reputa le donne oggetti sessuali, le sessualizza e le riduce a carne da macello;

-Libero permette che gli utenti postino video che incitano al femminicidio e alla violenza sulle donne;

-Libero si è adeguato alla cultura televisiva del Velinismo e delle donne di spettacolo;

-Libero è la versione internet di Studio Aperto;

-Libero è un sito maschilista. Libero ha un nome maschile, si riferisce alla libertà degli uomini e non a quella delle donne.

9 commenti

  • ma quell’articolo è il minimo, è talmente esagerato che fa ridere… sono articoli come quello ‘melgio le straniere’ che fanno schifo, in cui si da la parola agli uomini non per dire cose intelligenti ma per far sfogare gente che da dietro un nik dice peste e corna delle donne, elencando tutti gli stereotipi tipici del pensiero mediO dell’italianO medio riguado le donne… nella sezione donna di libero parlano solo gli uomini, le voci di donne non ci sono, sono assenti, suona buffo che su un sito neutro come libero ci sia una sezione tutta dedicata a un solo genere… un omaggio al genere femminile? no, solo la testimonianza che il sito libero è principalmente gestito da uomini, che si sono creati una sezione dove parlare delle donne come vorrebbero che fossero, con millemila articoli su come avere zero cellulite, zero rughe, su come stare perennemente a dieta, su come comportarsi a letto con gli uomini, e le poche volte che fanno articoli al feminile tipo ‘gli errori degli uomini’ sono così banali e stereotipati che sembra li abbia scritti un uomo che ha cercato di immedesimarsi nel femminile senza particolare impegno… Per non parlare degli articoli di gossip, tutti sulle pupe, le raffaelle fico, le veline del momento… Tutto descritto in modo maschile…
    Insomma, quel sito fa schifo, non solo è povero umanamente e culturalmente (anzi, non c’è un briciolo di cultura), ma è anche orientato a quel machismo da osteria che trovo davvero insopportabile…

    Mi piace

  • Scusate ma questo non è Libero il giornale, è Libero il provider di internet… ma quello che avete detto su Libero il giornale è verissimo, solo occhio a fare di questi errori…

    Mi piace

  • Infatti sto pensando di cambiare compagnia telefonica mobile e gestore mail, il problema è che cadrei dalla padella nella brace. L’espropriazione mediatico-guardonistica dei corpi femminili impera ovunque. A proposito, a quando una paginetta di “libero” con gli stessi consigli rivolti agli uomini? E la stessa esposizione di carne da macello maschile? No, eh? Chiediamoci perché, noi la risposta la sappiamo, ma loro forse non si sono mai posti la domanda. E purtroppo anche tante donne.

    Mi piace

  • Più che altro mi chiedo chi è che scriva queste (str****te) atte solo a farci sentire inadeguate e a farci spendere soldi in cose spesso inutili. Quasi sicuramente una donna perchè spesso siamo proprio noi le artefici del maschilismo e dello sfruttamento dell’immagine femminile.

    Mi piace

    • Pessimo. Pessimo. Pessimo.

      Pessimi i commenti che sembrano scritti dalla stessa persona.
      Pessimo il collegamento femminilità-decolleté-tacchi.
      Pessima l’idea delle tette in fronte.
      Pessimo il feticismo del seno.

      Ho letto solo metà pagina, ma penso che anche il resto sia stato pessimo.

      Mi piace

  • Sono articoli veramente di basso livello. Fralaltro, é chiarisimo l’intento di chi li scrive: é pubblicitá occulta per far sí che le donne comprino prodotti di bellezza, tinture, sedute dall’estetista, in palestra, profumi, eccetera, sotto la spada di Damocle “se non farai tutto questo nessuno piú ti prenderá in considerazione come persona”. Non mi stupirei se venisse fuori che sono commissionati da multinazionali di prodotti per la cura della persona o simili.
    Il problema é che presso le persone con bassa autostima, anche se sono intelligenti, con questi articoli viene insinuato un germe che aumenta l’insicurezza e spinge a dare importanza a certi dettagli.
    Putroppo molti anni fa ho aperto un indirizzo mail con loro, per cui adesso sarebbe un bel lavoraccio cambiarlo, ma sarei veramente tentata di lasciarli visto il livello a cui sono giunti.

    Mi piace

  • C’è un intero portale dedicato alle donne ( http://www.alfemminile.com ) dove vi sono intere sezioni dedicate a questi temi.

    Trovo pretestuosa l’idea che dare suggerimenti alle donne su come provocare piacere ad un uomo sia sessista, perché tali suggerimenti possono benissimo (e lo sono, ovunque su internet) essere dati agli uomini.

    Il punto in questo caso è domandarsi il perché di questi articoli su un portale generico: semplice, perché “tirano”. E tirano soprattutto le donne.

    Mi piace