Io scelgo modelli alternativi, grazie!

Un amica su facebook mi segnala quest’orribile pubblicità. E’ la pubblicità dell’Apt Massa-Carrara.

La pubblicità svilisce ancora una volta il corpo femminile sembra ridurlo ad una specie di oggetto sessuale che deve convincere gli uomini a partire.

La pubblicità è evidente che è rivolta al genere maschile, le donne sono solo un contorno non possono scegliere: non possono scegliere in quanto donne, non possono scegere di essere rappresentate in un’altro modo e non possono scegliere da sole una vacanza…Insomma pare che il verbo scegliere e l’essere donna non vadano molto d’accordo, se no si utilizza questo solo per avviare discorsi ipocriti ogni volta che si attacca la mercificazione del corpo femminile.

Inoltre ricordo  preventivamente agli ipocriti che quel “Io ho scelto…” non può essere rivolto alla donna visto che è stato utilizzato ancora una volta il “taglio della testa“, riducendo la donna ad un essere senza cervello e dotata solo di caratteri sessuali.

Ma poi anche se fosse perchè devo scegliere un’agenzia che mi rappresenta alla stregua di un prosciutto da appendere?

Stiamo pensando di scrivegli indignate perchè non ne possiamo più di vederci svilite.

8 commenti

  • ciao cara.
    Io ho scritto chiedendo perché? Sul serio, mi piacerebbe capire perché queste scelte. Perché c’è davvero bisogno, in una terra ricca di patrimonio culturale e artistico, di pubblicizzarla con il sedere di una donna. Sono in attesa di una risposta ciao e buon lavoro
    http://www.donnepensanti.net/2010/06/uso-del-corpo-femminile-in-cartellonistica/apt_massacarrara/ e http://www.donnepensanti.net/2010/06/aiutatemi-a-capire/

    Mi piace

    • Ciao carissima…
      Bello il post su donne pensanti..comunque la questione è seria se un’agenzia del turismo anzichè scegliere di pubblicizzare arte e bellezze naturali ha scelto il culo di una donna, ciò vuol dire due cose:

      -ignoranza italiana
      -ci credono ignoranti

      Il che mi sembra uno svilimento non solo dell’immagine femminile ma di tutta l’umanità.
      I tre puntini mi erano sfuggiti, cioè non ho notato la malizia….ma in effetti se ci penso…
      Forse dovremmo mandare una mail al sito dell’Apt.
      Grazie e buon lavoro anche a te.
      Un abbraccio!

      Mi piace

  • L’altro giorno ho visto che avevano disegnato un costumino sopra il seno di una ragazza che pubblicizzava alimenti per animali (indispensabile la donna nuda direi O_o)
    Caspita, sarebbe grandioso andarsene in giro per le citta e disegnare pantaloni, mutande e magliette di bombolotte spray.. sarebbe un gran segnale

    Mi piace

    • Ciao Simona..ti riferisci alla publbicità dell’Almonature?
      Tra due giorni se tutto va bene me ne vado in giro x milano e gli scatto una foto…Io penso che disegnare costumi, mutande e pantaloni mi sembra un procedimento un pò moralista…sarebbe megli oscriversi due frasi come “no al sessismo” e roba simile, perchè se no non si capisce se da fastidio la nudità in se o l’oggettificazione della donna.
      Un abbraccio!

      Mi piace

  • condivido l’idea di passare alla controffensiva pratica nei confronti dei manifesti sessisti, è un ottimo modo per comunicare efficacemente e con pochi mezzi, bisogna solo investirci un po’ di tempo e di impegno fisico, non dimenticandosi che comunque ci si espone fisicamente.

    Mi piace

    • Già…appena ho tempo darò anche io un piccolo contributo :)
      Beh io non ho paura di espormi basta che non fraintendano le mie intenzioni e non mi etichettino come bigotta (mentalità molto usato per metterci a tacere).

      Mi piace

  • guarda qui, fresco, fresco di segnalazione: http://www.donnepensanti.net/2010/06/par-condicio-nelluso-del-corpo/
    Io ho mandato mail all’APT e mi sembra sensato che chiunque lo faccia

    Mi piace

    • Quoto : l’uomo ha un volto e mi dispiace dirlo che se l’Apt lo ha fatto x far tacere le donne e non farci gridare sessismo ha sbagliato tutto…perchè anche se c’è la versione maschile del sessismo si rintraccia comunque..

      Mi piace