Diventa anoressica pure tu!

ABA annuncio stampa 1ABA annuncio stampa 2ABA annuncio stampa 3

Insomma L’Aba fa una campagna anoressia promuovendo corpi da modella, che bel paradosso!

In italia il tema dell’anoressia viene trattato da una parte colpevolizzando la donna vittima mentre dall’altra viene promossa la magrezza estrema (perfino nelle pubblicità progresso). Poi ci sono quotidiani online che banalizzano l’anoressia, scrivono articoli contro ma poi postano album che recitano ” L’anoressia domina le passerelle di Milano, guarda la foto e giudica tu” Giudicare cosa??

Il livello di magrezza di una ragazza o quanto è sexy la ragazza anoressica?? visto che le foto hanno sempre sto lato b  in vista e scene libidinose.  Non c’è cosa più vergognosa. Sembra quasi negare l’evidenza, come se l’anoressia fosse una cosa inventata. Possibile che il corpo femminile deve essere sempre giudicato? Sappiamo tutti che sono proprio i giudizi la causa dell’anoressia.

Non c’è rispetto per le donne nemmeno quando si tratta di salute e quando c’è in gioco la nostra vita. Chiamatela misoginia o come vi pare ma è pur sempre misoginia.

Le pubblicità regresso fanno perfino un lavoro migliore contro l’anoressia:

11 commenti

  • piacciono solo a me le modelle taglia 48?
    sono solo io a pensare che siano veramente attraenti che le modelle imposte a modello (scusate il gioco di parole) come la Herzigova, non siano attraenti?

    Mi piace

  • questa volta non sono molto d’accordo…non mi sembrano anoressiche le ragazze delle foto, hanno un fisco e lineamenti abbastanza normali!

    Mi piace

  • insomma, secondo me sono parecchio magre.. non particolarmente visto il livello di immagini da cui veniamo bombardati, ma comunque abbastanza perchè una ragazza con un fisico normale non si senta a prorpio agio.

    Mi piace

  • http://giovannacosenza.wordpress.com/2010/06/10/la-nuova-campagna-aba/

    Se davvero queste ragazze erano ex anoressiche curate dal centro aba, vuol dire che sono guarite, quindi che sono sane. Guarire da anoressia o bulimia non significa necessariamente diventare grasse, forse è questo il messaggio che la campagna vuol veicolare. Certo se fossi un’anoressica e mi dicessero: “quando guarirai avrai tutti i rotolini di ciccia e la cellulite nelle cosce!”, non sarei certo stimolata a sottopormi alle cure!

    Mi piace

  • il problema secondo me è che viene comunque proposto un ideale di bellezza: il magro. E quest’ideale proposto è lo stesso ch genera la bulimia e l’anoressia.

    Mi piace

  • Indipendentemente da quanto le ragazze nei cartelloni siano magre o normali, o quanto un certo ideale piaccia o meno, secondo me la chiave di questo post é la frase:
    “Possibile che il corpo femminile deve essere sempre giudicato? ”

    Una donna viene spesso e volentieri giudicata prima di tutto per l’estetica del proprio corpo, secondariamente ed eventualmente per il resto. Per cui si viene istruite a pensare che avere cura di se stesse é funzionale soprattutto all’estetica. Le donne vengono invitate a curare la propria alimentazione, pelle, eccetera, non tanto per stare bene fisicamente, ma per essere attraenti in primo luogo.
    Quando sono venuta in italia e ho visto un po’ di TV, ho notato che i servizi di medicina portavano l’attenzione sui problemi di salute femminili quasi esclusivamente se questi avevano delle ripercussioni a livello estetico.
    C’é una crescente tendenza a fare altrettanto col corpo maschile, ma non agli stessi livelli.

    Mi piace

  • Ciao a tutti,credo che in questo caso -almeno per la prima parte del post- non sia stato preso in considerazione quello che è il SOGGETTO della campagna Aba:quelle sono ragazze ex anoressiche,per loro aver raggiunto il peso che esibiscono sui manifesti è stato il risultato di un percorso difficilissimo,hanno dovuto lottare per AUMENTARE di chili,non si può pretendere di avere come testimonial delle ragazze in carne tendenti al cicciottello perchè farebbero letteralmente SCAPPARE le eventuali ragazze anoressiche,alle quali è rivolto il messaggio della campagna.
    Dopodichè,che il mondo della moda sia uno scandalo in quanto a modelli che propone son d’accordo,il video postato da TopGun ha suscitato in me una rabbia estrema quando l’ho visto perchè il titolo era qualcosa tipo “Cicciottella e bella”,poi intervistano una ragazza che dice di essere alta 1.80 e pesare 70 kg,IO sono alta 1.80 e il mio peso ideale è appunto 70 kg,se qualcuno viene a dirmi che devo dimagrire 15 kg gli passo il numero della neuro,perchè è una cosa CONTRO NATURA essere così magre per delle donne,ma è l’impostazione stessa del video che deve cambiare se si vuole far arrivare un messaggio efficace!
    Altro che cicciottella e bella,io avrei messo “NON SCHELETRICA e bella,SANA e bella”qualcosa che faccia capire che rientrare nel proprio pesoforma è una cosa POSITIVA, che l’obiettivo per le ragazze non è entrare negli shorts di quando avevano 8 anni ma poter saltare una pozzanghera senza che si spezzino loro le caviglie per la malnutrizione…
    Complimenti ancora per il sito,seguo sempre e grazie a voi ho conosciuto e aderito alla campagna IO NON CI STO,mi è parsa una bellissima iniziativa. =)

    Mi piace

  • Io invece concordo in pieno con l’articolo, è sempre tutto patinato e la Moda finge di avvicinarsi alla questione “anoressia” per una o due settimane, giusto perchè essere repubblicanci e fare la parte dell'”antimoderno” è molto cheap e poco chic! C’è da dire però che a furia di concentrarci sull’anoressia e la bulimia, imparando a provare terrore per la magrezza eccessiva, si cade anche nel pregiudizio di chi ha un metabolismo diverso o una struttura ossea meno grande di altre.
    Vi posto un nostro articolo:
    http://ladyradiolina.blogs.teknusi.org/2010/03/20/sei-troppo-magra/

    Mi piace

  • Qualche ragazza anoressica potrebbe leggere i nostri commenti.
    Io l’ho vissuta indirettamente, aiutando una mia amica che mangiava tramite flebo, e – insieme – l’abbiamo vinta.
    Scrivere le notizie con molta discrezione è necessario, in questi casi.
    Fidatevi.
    Non aggiungo altro, ma certe cose bisogna viverle, per comprenderle. A volte anche tacere!

    Mi piace

  • Ripensandoci è comunque una cazzata.
    La società non ci vuole sani, ci vuole ai loro piedi.
    Per questo mettendo comunque un modello di donna magra, un modello elaborato da loro, escludono una gran parte di donne, che pur essendo più grasse, e altre sovrappeso, di problemi di salute non ne hanno. Io non sono quel magro e non ho problemi, conosco gente che è più grossa di me, e non ha problemi.

    Mi piace