Sculacciate

Questo è lo spot della footlocker 2010. La scena mostra una donna che sculaccia un uomo con delle scarpe. Nessuna ironia nello spot e le sculacciate appaiono abbastanza decise, per questo che ho classificato lo spot come una forma di incitamento alla violenza fisica di origine sessista dal momento che vi è rappresentata la prevaricazione di un sesso verso l’altro.

Nessun riferimento al sado-maso dal momento che non mi pare che ci sia consenso.La sculacciata non è soltanto una forma di violenza fisica ma è anche una forma di umiliazione sessuale dell’ individuo in quanto lo si tratta come un bambino che merita di essere punito.

Lo spot svilisce l’immagine maschile, pertanto lo abbiamo inserito nel libro nero delle immagini sessiste.

3 commenti

  • No, scusate, ma ci si rende conto di quello che si scrive?
    “nessun riferimento al sado-maso dal momento che non mi pare ci sia il consenso” ma se si vede chiaramente che si tratta di un gioco sessuale condiviso in cui lei inscena un ruolo verso il quale lui ha potere discrezionale al punto da stabilire cosa deve usare e se deve continuare?
    Facciamo un torto alle vittime di vere violenze dove la loro libertà di scelta viene prevaricata senza diritto all’autodeterminazione, se le accomuniamo ad una pratica sessuale che prevede l’accordo e la condivisione.
    Non facciamoci impressionare dalla presunta violenza delle sculacciate: lui è direttivo e libero da vincoli. Nessuna vittima di violenze può controllare le sue prevaricazioni.

    Mi piace

  • Francesco (sempre più basito...)

    Sono abbastanza d’accordo con Federico, questo spot semmai è la glorificazione dell’imbecillità, ma di spot pro-violenza o sessisti ve n’è ben altri in giro. Nemmeno un attore di fiction italiana potrebbe fingere sottomissione così male…

    Mi piace

  • Sono basita.
    Oggi è pieno di gente che promuove crociate contro le sculacciate ai bambini, in nome della non violenza (campagne politiche e sociali che, a mio avviso, sono condotte e sostenute da persone ipocrite in quanto potano e divulgano informazioni manipolate scorrettamente e di stampo spiccatamente buonista quando invece i fatti e i casellari giudiziari rivelano che la violenza è maggiore proprio da parte di chi da bambino non veniva sculacciato) e poi si pubblicizza proprio lo stesso tipo di “violenza” che si vuole bandire buttandolo in faccia ai bambini, in nome della consensualità e del sadomasochismo?
    Concordo con Francesco, ormai si sta glorificando l’imbecillità umana con ogni mezzo.

    Mi piace