Carne importata per gli appetiti degli italiani

Parliamo della Tim. Non sarà la sola compagnia telefonica che userà il corpo delle donne per vendere le sue tariffe alludendo ad una donna altrettanto tariffata come se fosse una specie di puttana, ma è bene soffermarci per analizzare alcune cose importanti.

Belen è la ragazza del momento. Argentina, 26 anni è la più gettonata nel mondo dello spettacolo.Belen è la classica bellezza esotica, ma il piccolo schermo non manca di ragazze alla sua pari o anche più belle.

La Tim ha deciso di uniformarsi al mondo dello spettacolo e decide di sfruttare il suo corpo per vendere di più, visto che Belen è sotto i riflettori.

La Tim così ha sezionato il corpo di Belen in fette di carne, in base a quello che pubblicizza.

Belen qui è su una scala in posizione innaturale perchè nessuno si metterebbe su di una scala per andare in INTERNET. Belen tiene la chiavetta sopra la coscia. L’attenzione che dovrebbe essere concentrata sulla chiavetta si concentra sulla coscia nuda di Belen.

L’immagine è softpornografica, si intravedono quasi le mutande è la chiavetta sembra assuma l’utilizzodi un articolo da sex-shop, suggerendo tutta la malizia possibile. Così l’oggetto pubblicizzato perde la sua reale utilità.

Nel secondo, Belen si collega in Internet.La Pubblicità parla ancora di chiavette, ma la chiavetta non si vede nemmeno più. C’è un ammiccante Belen che guarda verso lo spettatore e ha i seni di fuori. Anche gli spot della tim sono più o meno uguali: belen scosciata, belen palpata, belen a tette di fuori eccetera.

Però la Tim suscita il mio interesse rispetto ad altre pubblicità sessiste perchè adotta un particolare procedimento.

Quando pubblicizza le tariffe all’estero o a gente straniera residente in italia (come in questo caso), allora le figure femminili cambiano. Sono donne di bella presenza ma non hanno più quel richiamo sessuale delle pubblicità rivolte agli italiani. In questo caso c’è pure razzismo: lo straniero e  i suoi diritti sono rispettati solo quando gli spot sono rivolti ai connazionali stranieri, mentre la donna straniera diventa un oggetto sessuale agli occhi degli italiani, rievocando il turismo sessuale.

Le donne delle pubblicità Tim straniere. Sono donne normali, non modelle, non veline e parlano la loro lingua, Belen è costretta a parlare italiano anche se non lo è. Lo fa in un modo stentato facendo tanti errori e si nota che fatica perchè non le viene naturale.

Nelle pubblicità straniere non solo appaiono anche i volti maschili ma le donne sono uguali agli uomini, mentre negli spot rivolti agli italiani sono solo corpi seducenti, carne importata dall’estero per gli appetiti italiani.  Allora ci chiediamo: Perchè la Tim fatica a rappresentare le donne in modo reale quando vende servizi in italia o agli italiani?

E’ una domanda importante questa perchè in questo caso a differenza di molte pubblicità la tim dimostra di saper rappresentare benissimo il genere femminile ma non lo fa. Ecco perchè ho descritto la Tim come un caso particolare.

*Le prime due immagini vengono dal blog  Se questa è una donna

One comment