La donna di seconda mano

043_sprintauto

Non usciresti con lei solo perchè è stata di un altro?”. Il bodycopy di questa pubblicità ci riporta 80 indietro, quando le donne dovevano conservarsi vergini a causa dei pregiudizi. Inoltre suggerisce l’idea di una donna in vendita e di seconda mano, appartenente a qualcuno, ma comunque ancora ‘utilizzabile’ in quanto ancora giovane, ammiccante e bella, insomma oltre che un oggetto-sessuale invitante ed una proprietà maschile cedibile tramite passaggio di proprietà della figa. Ed è ancora più grave l’accostamento tra donne e motori, che conferma ancora il ritorno ad epoche buie.

Insomma, come diceva la Soffici sul suo libro “ma le donne no” in Italia alcune parole e concezioni della donna ritornano. E sono queste parole ad essere di seconda mano!

3 commenti