Se questa è una donna…L’indignazione parte dalle scuole

11_-_Yamaha

 

Sono giovanissimi, al secondo anno di liceo e  si dichiarano contro l’abuso sul corpo femminile da parte della pubblicità.

Il blog nato grazie ad una classe del liceo scientifico A.Pacinotti della Spezia, classe che si è impegnata in questo progetto ideato dall’ A.I.E.D (Associazione Italiana per l’Educazione Demografica) in collaborazione con l’assessorato Pari Opportunità del comune della Spezia.

Il blog si chiama “se questa è una donna“. Il titolo è molto interessante perchè si ispira ad una poesia di Primo Levi intitolata “se questo è un uomo” e dedicata alla condizione umana durante il nazismo.

Il blog è nato recentemente e ha già molte visite. Inizia inoltre con questa presentazione critica, lucida e consapevole:

“Abbiamo ideato questo blog per mostrare e criticare l’inadeguato uso dell’immagine femminile nelle campagne pubblicitarie. Noi pensiamo che sia sbagliato conferire alla donna un significato umiliante e commerciale, piuttosto che mostrarla come persona degna di questo nome e allo stesso livello dell’uomo. Queste immagini offrono una sbagliata concezione della realtà femminile, di conseguenza deviano la mente dall’accettazione della propria persona. Secondo noi ormai questo steriotipo di donna è entrato tristemente nella nostra società,le donne sono ormai considerate come dei corpi vuoti. La vera donna, quella che è bella quando sorride, e che stupisce quando pensa è messa sempre di più in secondo piano. E’ deprimente vedere come i media sfruttino le belle donne per conquistare gli uomini come se fossero degli allocchi.

Ma è veramente questa una donna…? ”

Le immagini postate sono raccapriccianti, umilianti e violente nei confronti dell’immagine femminile e i ragazzi le analizzano criticamente. E’ un’ottima notizia sapere che dei ragai di sedici anni abbiano una coscenza critica rispetto a molti adulti che sono asuefatti da quel modello femminile. Se ha stancato la nuova generazione forse è arrivato il momento di cambiare.

*Nella foto: una campagna pubblicitaria della Yamaha postata sul blog.