Resoconto Domenica5

La mailbombing sta facendo il giro della rete fino ad arrivare alle orecchie della redazione di Domenica 5 che ci ha invitate. Noi promotrici ci siamo accordate decidendo di non partecipare poichè sappiamo di che tipo di trasmissione si tratta. Questa è la mail che abbiamo spedito:

Buongiorno,
vi ringraziamo per l’invito a partecipare alla trasmissione Domenica5 per parlare della nostra iniziativa nei confronti de La pupa e il secchione ma ci piacerebbe che il dibattito, nato in Rete, per il momento proseguisse in Rete.
Crediamo che Internet sia attualmente il media più plurale e democratico per affrontare questo tipo di discussioni perché consente a tutti di esprimere la propria opinione prendendosi il tempo necessario, senza che le voci si accavallino o vengano deformate dai tempi o da chi è più capace di imporsi come purtroppo spesso accade in questo tipo di dibattiti televisivi.
E’ importante e doveroso affrontare la questione, anche in televisione, ma è necessario farlo in modo adeguato e serio, con gli autori e promotori del programma e non con i partecipanti dello stesso.
La nostra posizione è ampiamente descritta nel testo della mail inviata a Mediaset, che rialleghiamo nella sua versione integrale e ridotta e che speriamo possa offrirvi un punto di partenza per il vostro dibattito.

Le promotrici

Una nostra compagna ci ha appoggiate nell’iniziativa seguendo la trasmissione della domenica e ha spedito il resoconto ad una nostra amica che ci sostiene nella mailbombing. Dal resoconto si è rivelata una delusione, puro trash:

“Buongiorno Lorenza,
ho appena seguito il “dibattito” a pomeriggio 5, anche se chiamarlo dibattito è veramente un eufemismo. Innazitutto dico che la nostra mailbombing (la chiamo “nostra”…) e in generale la mobilitazione sul web non è stata minimamente accennata. La situazione generale dello studio è stata quella delle RIVALITà MALIGNA FEMMINILE, urla e insulti tra le pupe delle 2edizioni, e UOMINI ADULTI, giornalisti e scrittori, che TRATTANO QUELLE RAGAZZE COME BIMBE STUPIDE CON TONO DI SFOTTò E RISATINE E GHIGNI DENIGRANTI(“siete belle, perchè volete essere anche intelligenti?””perchè urla signorina?lei vende pesce?”) Le parole d’ordine, Sgarbi in testa, sono state l’INVIDIA delle donne nei confronti della bellezza sfacciata delle pupe, e il MORALISMO di quelle stesse donne nei confronti del programma. Sgarbi si lancia in un confronto storico con il Femminismo, che in alcuni punti ha esaltato il nudo del corpo femminile attraverso la body art….

…l’esperta di bon-ton afferma: “Dobbiamo essere democratici, si è giovani una volta sola, ognuna usa il suo corpo come vuole…sono peggio le gatte morte tutte vestite che vogliono essere sposate e mantenute!” MA CHE TIPO DI DONNE HANNO CONOSCIUTE QUESTE PERSONE???…Nicoletti, poi, una tragedia: “il corpo lo possono mostrare solo ora, poi invecchiano, si inflaccidiscono…“devo commentare????…il tutto con la D’Urso muta, che interviene solo per far ripetere alla pupa che si è rifatta la 7′ per partecipare al programma, di ripetere il verso della gallina….!!! per condire il tutto, due esempi di donne che usano il proprio corpo per lavorare: una contorsionista del circo con tuta in pelle a rete, e una mangia-fuoco in bikini che fa danza del ventre…con sguardi di Sgarbi arrapato… CHE BISOGNA DIRE??? L’ARGOMENTO DELLA GIORNATA è STATO…BEH….IL NULLA PIù ASSOLUTO!!!!!se vuoi qualche dettaglio i n più gr ave; chiedimi pure io ho preso appunti se questo scempio….
Elena Tognoni”

Per seguire tutto l’episodio della vicenda mailbombing leggete: qui e qui.

10 commenti

  • Avete fatto benissimo a non partecipare alla trasmissione!! fanno sempre quel teatrino orrendo, sarebbe stato il modo giusto per far perdere d’importanza le vostre (nostre) idee.

    Mi piace

  • ci (plurale.. mi includo) siamo sottratte al massacro mediatico che ci avevano preparato….scelta giustissima.

    Mi piace

    • Ciao :) abbiamo da poco redatto un comunicato stampa e lo abbiamo spedito alla Zanardo..La mail bombing sta facendo il giro della rete e gli aderenti aumentano :)
      Mi aiuteresti a diffondere meglio l’iniziativa :) Dobbiamo fare qualcosa :)

      Mi piace

  • brave! non possiamo più permetterci di non indignarci!

    Mi piace

  • mi ricordo ancora dell’intervista in tv con lorella zanardo che cercava di esporre le proprie cnvinzioni… c’era un tizio antipaticisismo messo lì apposta solo per zittirla ogni cinque secondi e imponendosi su di lei con prepotenza, e nessuno che lo faceva stare zitto… Avete fatto benissimo a non cadere nella trappo… ahem, nel miraggio che in tv si possa dire la propria… Comunque dove si può vedere la puntata?

    Mi piace

  • FORSE PERò DOVRESTE ANDARCI IN TV A DIRE LA VOSTRA. MI RENDO CONTO CHE NON è FACILE, LO VEDO COME CERTE TRASMISSIONI VENDONO CREATE AD ARTE, PERò A CASA QUALCHE MESSAGGIO E SPUNTO DI RIFLESSIONE PUO’ ARRIVARE. QUESTI BLOG PURTROPPO SONO TROPPO DI NICCHIA…

    Mi piace

  • Concordo con Elena: la predica in partibus infidelium, prima o poi, è irrinunciabile. Va però attentamente preparata prima (guai alle improvvisate!): la precauzione è attuabilissima perché il canovaccio di trappole siffatte è piuttosto prevedibile per chi ha dimestichezza col mezzo.

    Mi piace

  • E’ vergognoso, ma il mail bombing continua?Posso inviare anch’io?
    Intanto ho messo nel mio blog il banner per far firmare la petizione.

    Mi piace

  • Io sono stata truffata per oltre 6500 euro da una persona e dal suo entourage e adesso ho scoperto che è un pregiudicato.
    Dopo che son stata sfruttata, minacciata, buttata per strada e picchiata da lui e dalla sua famiglia (per non parlare dei suoi compari…) la legione dei carabinieri del suo paese mi ha detto che nonostante lui sia un sorvegliato speciale, se lo denuncio in quel paese rischio di esser condannata da loro per violazione di domicilio, che questa persona è un bugiardo cronico che vive di espedienti ed ha più di 10 cause penali per furto in corso (prima del provvedimento io non lo sapevo, io ero l’egoista che non voleva vedere i suoi e rivoleva i suoi soldi da uno che poverino era sfruttato, doveva aiutare i genitori anziani e non riusciva a trovare lavoro).
    Quindi siccome la famiglia vive in un paese in cui vige una specie di mafia e omertà e i soldi se li spende tutti in vizi , rischio di esser denunciata io se rivendico il mio prestito, mi brucio la reputazione, spendo altri soldi in avvocati, rischiando di non uscir più fuori psicologicamente ed economicamente da quest’incubo durato 2 anni.
    Siamo in recessione, quindi anch’io ho problemi economici, anche se mi mantengo da sola da 15 anni, non ho neanche la macchina e questa è gente pericolosa che ti spara a bruciapelo, in 2 anni ho chiamato 2 volte il centro antiviolenza per avere appuntamenti 2 mesi dopo e intanto trovarmelo sotto casa che mi chiedeva scusa piangente e mi giurava che mi avrebbe restituito i soldi e mi avrebbe sposato (ho 40 anni) perchè mi amava e invece erano tutte bugie per continuare a sfruttarmi fino all’ultimo.
    Questa è l’Italia, noi donne sole non abbiamo nessuna tutela nè speranza di giustizia, a meno che non ci ammazzino per piangerci dopo morte.
    Se sei una donna laureata bella e che vive in una grande città non esiste posto fisso per te, a meno di compromessi e sacrifici degradanti (guadagnare 2 euro per anni come precaria, incastrare qualche brutto uomo facendo figli per poi divorziare oppure andare a letto col capo o col politico di turno che pratica il voto di scambio).
    I gay, i trans sono tutelati invece.
    E voi a cosa pensate?
    A criminalizzare donne bellissime , strapagate, fintamente tonte, libere e consapevoli che sfruttano la debolezza degli uomini a loro vantaggio.
    Se io avessi fatto così a 20 anni invece di essere una brava ragazza studiosa e lavoratrice che sogna di farsi una famiglia, non mi troverei in questa situazione adesso.
    La libertà delle donne passa anche per la scelta di fare le pupe o di lavorare in tv per guadagnare tanti soldi e decidere davvero del proprio destino senza essere vittime del cattocomunismo misogino imperante.
    Saluti.

    Mi piace