Italia uno ci prende per i fondelli

Bene, ho dato il via alla mail bombing, molti hanno partecipato altri no per vari motivi, altri parteciperanno ancora in massa, è stato sorprendente che molta gente abbia aderito.
A volte non è solo questione di sessismo, Italia uno ad esempio ci sta prendendo dal culo da mesi. Nella fascia preserale appena dopo i cartoni animati abbiamo i quiz di Enrico Papi,tra cui uno che ci ha indignato molto ‘prendere o lasciare’. Bene proprio ieri scopro che si trattano di REPLICHE spacciate per nuova edizione. Vergognoso! Hanno montato i ‘siparietti’ di Raffaella Fico, per dare il tocco di novità.

Ora ci riprovano con Viva las Vegas, che non è altro che Jackpot andato in onda su canale 5 nel 2008 ritoccato in modo che sembri nuovo!
Ecco la dimostrazione:

Sorge spontanea una domanda: Ci prendono per il culo? Ci stanno truffando? Non hanno soldi per fare programmi nuovi?

L’unica cosa che mi viene da dire che la Mediaset se prima era monnezza ora ricicla i suoi rifiuti tossici.
Almeno abbiano la dignità di spacciarle per quello che sono: volgarisisme repliche di programmi che non hanno venduto nei precedenti anni e che mai aiuteranno a recuperare quelle perdite subite, poichè prendere o lasciare aveva fatto di nuovo flop nonostante il culodella fico, evidentemente i telespettatori non ragionano con le parti basse ma pretendono di più. Mi sembra poco democratico trattare i telespettatori come cretini violando perfino il loro indice di gradimento.

Update: Con grande soddisfazione scopro che ci sono state polemiche :)

3 commenti

  • “Mi sembra poco democratico trattare i telespettatori come cretini violando perfino il loro indice di gradimento.”
    Già è poco democratico, anzi non è per nulla democratico, d’altra parte, le televisioni (private) sono aziende, ergo non sono costrette a sottostare l’audience, almeno finchè possono permetterselo;
    che poi si tratti di una politica improduttiva è un altro discorso.
    La ricerca dell’audience a tutti i costi porta per esempio a telegiornali in cui viene dato ampissimo spazio alla cronaca, prediligendo immagini che sottintendono, o in qualche caso mostrano esplicitamente, atti di efferata violenza. Questo solo per dire che non è detto che sia il metro giusto per giudicare una trasmissione.
    Se poi pensi che alcune trasmissioni non siano degne di essere guardate (vedi Papi), posso essere anche daccordo.
    Ma riproporre un vecchio format con un nome nuovo, non mi sembra un grave crimine (anche perchè visto l’orario probabilmente è stato considerato un riempitivo).
    Un’ultima cosa, i “siparietti” di Raffaella Fico sono così tanto più volgari di quelli di qualunque altro programma del pre-prima serata?

    Mi piace

  • …e pensare che uno degli scopi della televisione era quello di dare cultura anche a chi non l’aveva (vedi programmi come “Non è mai troppo tardi” per le persone che non erano andate a scuola…). Personalmente ritengo che in Italia si sia smesso di fare programmi di qualità per nutrire invece un gregge di docili persone senza un’opinione critica che sono diventate video-dipendenti di programmi spazzatura…

    Mi piace

  • Sembra che alle televisioni importi poco l’opinione degli spettatori http://parliamoneassieme.splinder.com/post/22675413#cid-61669605

    Mi piace