Segnalazione di Donne Pensanti

Donne Pensanti mi hanno segnalato questo spot. Si tratta dell’ennesimo spot che svilisce la figura femminile, giocando sul marchio tepa e la somiglianza con la parola topa (organo genitale femminile).
Questo spot è di una vergogna allucinante come al solito la donna è ridotta ad oggetto sessuale a cui tutti possono disporre. In un Paese dove aumentano gli stupri di gruppo comunicare che la donna è un oggetto cui tutti devono disporre per affermare la propria virilità, in un contesto dove è presente il cortocircuito che frena allo stesso tempo la libertà sessuale femminile, è pericoloso, poichè da l’idea di una sessualità non consensuale. Elementi presenti nello spot come: le mutande che cadono da sole senza che fosse lei a scegliere di abbassarsele o il maschio che schiocca le dita, suggeriscono un ideale femminile subordinato e schiavistico rispetto al maschio.

I termini utilizzati contro la donna sono volgari e il fatto che questo viene fatto sottoforma di cartone animato, quindi rivolto ad un pubblico di minori, è dannoso per il messaggio che comunica.
Un messaggio che comunica una sessualità malata, dove la donna è vista come un corpo che deve soddisfare i bisogni sessuali maschili è un freno non solo alla realizzazione delle pari opportunità ma anche alla realizzazione della felicità sessuale delle donne.

Vi consiglio di scrivere all’azienda o di segnalare il messaggio lesivo ad un istituto che ne esaminerà i contenuti.

One comment

  • Giannetta Mannu

    Il problema è che il pubblico anche di minorenni è assuefatto a certe immagini e messaggi, per cui tutto è normale. Gli anormali siamo noi che ci meravigliamo, ci irritiamo e ci scandalizziamo ancora.

    Mi piace