La società italiana per la violenza di genere

Dopo la crociata dei padri separati contro le ex-mogli e le donne che abortiscono, l’Italia tramite la politica e i media hanno deciso dilanciare una crociata contro il femminismo.

Dall’ arresto a Perugia di una femminista (update), fatto gravissimo, e altri avvenimenti sappiamo che la crociata ormai è in atto.

Bocchino accuserebbe le femministe se gli uomini politici vanno con le trans, parla di donne ipermascolinizzate. A parte il fatto che non c’è cosa più misogina di dare la colpa alle donne per gli errori commessi da alcuni maschi, è vergognoso che si accusi un movimento che ha dato libertà alle donne.

La nostra politica è sessista,ed è per questo che le donne non sono rappresentate equamente. E’ triste che questo personaggio indirettamente loda chi utilizza le donne come tangente e loda la cultura di Berlusconi che per frenare la mascolinizzazione della donna propone il modello della velina-come reazione al femminismo-una donna alla stregua di un oggetto sessuale passivo e ipersessualizzato perchè le immaginano come sciatte e baffute.

Inoltre attacca la sessualità delle donne definendola diversa da una volta. Insomma la sessualità femminile deve restare passiva come quella di una volta dove era l’uomo a dominarla fino allo stupro o alle botte per difendere la stabilità della coppia?

Sembra alluda alla legittimazione delle violenze domestiche contro le donne in nome di questa stabilità, mi da proprio quest’impressione. E in un Paese dove sono ancora molto frequenti non mi sembra una buona cosa usare un linguaggio simile.
Se l’Italia sarebbe un Paese di donne dominanti come mai ogni due giorni muore una donna per mano del marito ogni volta che lei tenta di lasciarlo, dove sarebbe il dominio femminile?

Ancora un altro politico, un leghista, attacca il femminismo e si sente fortunato che in italia non è assiduo come negli altri Paesi, dove è ancora la tradizione maschia a dettare legge.
Egli difende la cultura italiana che considera la donna puttana se prende iniziativa e non pensa a formare una famiglia.

Se codesto leghista difende le tradizioni con aria fiera, allora sarebbe contento che tali tradizioni porterebbero a considerare le donne come prede, a stuprarle, a discriminarle nella società e a compiere violenze contro queste, in nome di questa virilità che Borghezio esalta?

Il problema è che se queste affermazioni vengono dalla politica è difficile che una donna si senta padrona della propria vita,abbia un orgasmo senza sentirsi in colpa, che la società consideri lo stupro come tale e non come una seduzione, tanto da permettere che la donna offesa denunci e che esca da questo velo di discriminazione che impedisce la propria realizzazione.

Oppure per essere in tema possiamo proprio dire che queste affermazioni non sono di aiuto per ostacolare i femminicidi dovuti al fatto che non si accetta ancora che una donna resista a ‘queste seduzioni’ troncando una relazione o rifiutando certe avances.

Ricordiamoci anche che la Lega Nord è islamofoba ma si contaddice visto che ragiona proprio come un integralista islamico che concepisce una sessualità malata dove la donna dovrebbe subirla passivamente.
Vorrebbe liberare le donne islamiche, ma come? mettendole in un altra gabbia?

La gabbia di non poter abortire,
La gabbia di non poter corteggiare un uomo, perchè la nostra società vuole le donne oggetti sessuali,
La gabbia di vedersi togliere i propri figli dai tribunali solo perchè padri violenti le appiccicano malattie mentali inesistenti,
La gabbia di togliersi il burka per inserire quello della velina?

Andiamo avanti. Anche i preti danno la colpa al femminismo se violentano i bambini, ma pure la stampa che se la prende con il femminismo se le donne sono infelici.

Della serie quanto eravamo felici prima quando venivamo picchiate frequentemente o quando non potevamoavere un orgasmo o sceglierci chi sposare o di avere un lavoro.

Pare che in Italia solo le antifemministe hanno libertà di parola,quelle che per compiacere alimentano Eva contro Eva accusando le femministe se le donne vengono sessualizzate. Proteggendo la cultura sessista del premier che come ostacolo all’emancipazione delle donne ha insegnato al suo popolo che le donne vanno concepite solo come oggetti.

I messaggi della tv e la pubblicità non sono decisi per niente dalle donne, ma sono i media a scegliere cosa trasmettere. Inoltre parla di aborto in maniera troppo superficiale.
La disinformazione sessuale in Italia è vergognosa, in primis a causa della Chiesa e al capitalismo che sfrutta i corpi femminili utilizzandoli come fonte di guadagno, imputare i danni al femminismo mi sembra cosa assai sessista.

Tutti i personaggi che vi ho segnalato attaccano la nostra sessualità. Sono contro la libertà dei costumi sessuali, vogliono che cidiamocolpe che non abbiamo, ci vogliono schiave, passive senza libertà di poter porre fine ad una relazione, un rapporto sessuale, un avance non gradita o una gravidanza indesiderata…

4 commenti

  • Ma per favore, ma se gli uomini vanno in vacanze nel nord europa perchè ritengono le donne nordiche più disponibili!!!
    Sottolineo la parola DISPONIBILI, come se per una donna fare sesso fosse solo un piacere fatto all’uomo.
    Non sono disponibili, sono libere, dal momento che non temono il giudizio maschile come noi.
    Pure io, come tante mie amiche, quando abbiamo desiderato una storia seria abbiamo dovuto far credere ai nostri ragazzi che fossimo delle sante e che fossero loro a condurre il gioco, a sedurci.
    Perchè in Italia se non fai questa farsa ipocrita, le storie non funzionano, i ragazzi pensano che più è difficile conquistare una donna, più questa abbia valore.

    Mi piace

    • Già hai ragione. Gli uomini italiani però non capiscono che le nordioche non “la danno” perchè sono sottomesse ma perchè nella loro cultura vengono educate come gli uomini cioè alla libertà sessuale. Non penso che le nordiche la danno ad uno che non gradiscono…credo che scelgano con chi fare l’amore.
      In italia invece c’è una cultura paradossalmente machista: se sei libera sessualmente e dichiari di farlo per piacere fisico e non per amore o per procreare sei zoccola, se non la dai perchè hai una dignità e non sei oggetto ti reputano una figa di legno. In tutti e due gli atteggiamenti viene attaccata la donna che sceglie: la donna che sceglie di essere vergine viene considerata una sfigata probabilmente frigida o cozza, una donna che sceglie di aver una sessualità promiscua viene considerata una puttana.
      La verginità in italia è considerata un valore che dev’essere imposto dalle famiglie e dagli uomini e non dalla libera scelta della donna, così come la sessualità in generale: infatti vengono considerate zoccole quelle che fanno sesso con chi vogliono loro.
      Nel nord europa le donne sono + libere in tutto e non solo sul sesso. Sicocme deriviamo tutti dagli animali la libertà di un individuo va misurata anche dal comportamento sessuale. A mio parere è così. Non è un caso che in quei paesi le donne hanno potere. Perchè una donna non può mai avere potere se è sottomessa nel rapporto con l’altro sesso, comrpeso quello sessuale.
      Discorso diverso in Russia a altri paesi dell’est, dove le donne usano il sesso per sfuggire dalla povertà e per questo che sembrano più disponibili.
      Io vivo in Italia, ovviamente in nessun paese nemmeno nelle grandi città alla donna è concessa la libertà sessuale. Io però mi faccio accettare per come sono, non mi faccio veder vergine o poco esperta per farmi accettare.
      Purtroppo nel nsotro Paese la donna deve farsi vedere disinteressata sessualmente e sembra debba però concedersi per il piacere maschile, mostrarsi sottomessa e ingenua come se lui le debba insegnare come far l’amore.
      La donna seduttrice viene considerata una prostituta a meno che non si “venda” a fini commerciali. Infatti si spiega come mai la nostra tv sia piena di donne svestite che seducono…ma che comunque hanno atteggiamenti sottomessi che suggeriscono disponibilità in senso passivo.
      Purtorppo in italia sui pensa che la donna è disponibile e non libera…ecco perchè è difficile tollerare che questa sia libera di fare la dongiovanni (non c’è nemmeno un termine al femminile).

      Mi piace

    • @Elena B. in realtà io ho incontrato più donne (specie over 30-40) che consideravano puttana e squallida la donna che aveva o desiderava anche avventure di solo sesso. E si premuravano di spargere pettegolezzi ad hoc anche non veri per regalarle una brutta reputazione. Nella mia esperienza ormai gli uomini giovani (anagraficamente o mentalmente) giudicano molto meno e se giudicano lo fanno incoraggiati dalle pettegole di cui sopra…
      Comunque sì ci sono ancora uomini che se ci finisci a letto troppo presto è finita, ma direi che tizi così è meglio perderli che trovarli. troppo schematici!

      Mi piace

      • @Giulia
        Già…spesso sono le donne a usare pregiudizi anzichè rendersi conto che questo atteggiamento le sta discriminando…le sta opprimendo…come se fosse normale che la donna dev’essere casta e l’uomo può fare il playboy. ma non capiscono che si discriminano da sole?
        E’ assurdo.
        Io sento di madri che quando scoprono che le figlie hanno il primo fidanzato le danno in mano una sorta di “calendario” con la data in cui si dovrebbero ocncedere per fare in modo che lui non consideri la storia come una scappatella e non se ne vadi..Come se la colpa fosse della donna se certi uomini ci usano come oggetti….
        E’ allucinante questo. Ogni colpa cade sempre sulla donna.
        In un paese civile un uomo del genere che gioca con i sentimenti di una ragazza viene apostrofato come bastardo…in Italia è colpa della ragazza che si è comportata da preda facile.

        Bhe dovrebbero rendersi conto che ragionando così si riduce la donna ad oggetto sessuale più di quanto possa fare il bastardo di turno che si diverte e poi dice addio, oltre a legittimare e giustificare alcuni energumeni.

        Io ho avuto poche storie serie anche perchè sono giovane e non penso a sistemarmi. Ho avuto molte avventure e spesso tanti con cui sono andata a letto continuavano a farsi sentire…quindi direi che è un pregiudizio quello che impartiscono alle figlie. Con due ragazzi mi sono addirittura fidanzata dopo avre fatto pratica mentesesso la prima sera che ci siamo conosciuti.
        Non c’è cosa più stupida degli stereotipi e io ne so qualcosa perchè tratto questo tema ogni giorno.

        Mi piace