Lo stacchetto

Striscia la notizia ore 20.50, canale 5. Si parla della donna-oggetto. Una signora indignata scrive ad un pubblicitario che per vendere il suo prodotto ha utilizzato un corpo femminile seducente. IL pubblicitario ha accusato la tv, in particolare il tg satirico. Il Tg satirico ha accusato i publbicitari. Si gioca a scarica barile?
Cosa ancora più vergognosa è che striscia la notizia continua a giustificare la presenza assidua delle Veline, come processo satirico contro l’espresso che tende a mercificare spesso le donne. A parte il fatto che l’Espresso è già dal 2002 che ha abolito questa tendenza, quindi dovrebbero aggiornarsi un pochino.

E intanto Striscia sfrutta comunque il corpo femminile, facendo pure la fascista,che bello!

2 commenti

  • Con la scusa della satira ormai si finisce sempre più per alimentare quel sistema che si dice di criticare.
    Ci sono due scuse: 1) è un gioco, uno scherzo, nulla di serio, quindi divertitevi con noi; 2) niente paura, è satira, volevamo prendere in giro quello che voi criticate, quindi, divertitevi con noi.

    Mi piace

    • Bravo, hai centrato bene :)
      Ogni scusa è buona per vendere il corpo femminile…se fosse veramente un intento satirico avrebbero usato due donne comiche già famose e non avvenenti, possibilmente parlanti (o due uomini comici brutti vestiti da donna) che ballano per prendere in giro le pubblicità sessiste e per far allo stesso tempo sorridere.
      Un abbraccio!

      Mi piace