La pubblicità sessista è apparsa anche a Napoli

CAFF%2~1

Avevo parlato di questa pubblicità molto simile tra l’altro a quella degli occhiali, che deduce che algiorno d’oggi va di moda che l’uomo italiano pretende che gliela diamo e per giunta pure gratis. Lo sappiamo già che non c’è cosa più sessista di pensare che noi donne dobbiamo darla senza pretendere alcun piacere in cambio, nemmeno quello economico pena lo stigma di puttane, ancora peggio se lo slogan suggerisce violenza sulle donne, in particolare lo sfruttamento della prostituzione, del corpo femminile posseduto e dato in cambio di qualcosa, come avviene alle vittime della tratta. Si deduce che nell’immaginario comune dobbiamo apparire come dei puri oggetti sessuali disponibili e accessori all’uomo che ci possiede.
Bene, l’8 marzo si avvicina e ce la troviamo anche a Napoli.


Fonte UDI Napoli

Campeggiano (anche) nelle strade di Napoli numerosi manifesti della società “Caffé Borbone” di cui incolliamo una copia.

Senza perderci in commenti superflui lasciamo parlare la corrività di immagine e contenuto della pubblicità. Si tratta di una campagna che esprime e riassume la cultura combattuta dalla politica delle donne e dalle donne, quelle così dette cittadine comuni, che continuamente ci segnalano la loro offesa.

Napoli dal mese di Novembre 2009 ha adottato una delibera che rende indisponibili gli spazi pubblici a simili scempi “perché offensivi e lesivi della dignità femminile”, ed istituisce una commissione ad hoc. Chiediamo pubblicamente quali provvedimenti siano in atto, o, in caso di svista dell’intera commissione segnaliamo la cosa per i provvedimenti del caso.

Ricordiamo che il Parlamento Italiano non ha ancora legiferato in ottemperanza alle due risoluzioni Europee che impongono agli stati membri di “eliminare messaggi pubblicitari lesivi dei diritti delle donne avallando stereotipi contrari alla caduta delle discriminazioni”

Invitiamo tutte a rifiutare il caffè di questa marca e di scegliere i bar che non lo servono.

L’8 Marzo, prenderà il via una nuova campagna nazionale dell’UDI contro questo tipo di pubblicità, è un’opportunità per mettere insieme l’altra cultura della civiltà.

Udi di Napoli