Indagine televisiva 2010, contenitore di stereotipi sessisti

Il 2010 è iniziato all’insegna del sessismo più ne ha più ne metta. L’uso di stereotipi televisivi sono in aumento in entrambe le emittenti (rai e mediaset). La Rai ci propina le quarantenni plastificate e con un kilo di trucco, licenzia le donne che hanno figli e mostra donne nude nei suoi programmi matutini e pomeridiani come ‘la vita in diretta‘ o ‘mezzogiorno in famiglia’ ad esempio.

Sempre sulla Rai a gennaio è andato in onda Check-in (vedete il post precedente) con ragazze seminude che fanno stacchetti volgari.
Le giornaliste dei tg (rai e mediaset) devono essere giovani, attraenti, eleganti e hanno mezzo seno di fuori,mentre queste regole non vengono applicate al pubblico maschile.

Per farci credere che c’è parità hanno messo un annunciatore rai di bella presenza, l’unica differenza è l’abbigliamento, succinto e tacchi alti per le donne, giacca e cravatta professionale per il ragazzo.

Nei programmi di politica mancano quasi completamente le figura femminili, sia tra gli ospiti sia tra i conduttori.

Le donne vengono relegate a presentare programmi frivoli (e spesso affiancano) ed è praticamente d’ obbligo mancare di rispetto le figure femminili inquadrando le parti intime mentre stanno parlando, quasi a dire che non valgono nulla, che non vanno prese sul serio e sono solo corpi.

[Youtube=http://www.youtube.com/watch?v=vHH79IWI1Ww]

Nella Mediaset è anche peggio. Mancano completamente gli spettacoli dedicati alla politica e l’informazione, relegati ad orari di bassa audience. Sebbene nella Mediaset sono presenti anche uomini artefatti, essi devono tenere atteggiamenti sessisti contro le donne come ad ‘uomini e donne’, ‘Amici’ e nei reality come il Grande fratello. Gli uomini nudi ci sono, ma gli atteggiamenti che assumono non sono da oggetto sessuale, hanno un ruolo attivo, una risata naturale, non subiscono inquadrature invasive e possono indossare i jeans.Poi il torace non è come il culo non è una zona quasi genitale, suggerisce virilità non passività sessuale.

Manca completamente una figura femminile non sessualizzata, poichè le figure femminili sono solo ex veline o Miss..
Inoltre l’unica figura femminile proposta dalla Mediaset è quella della velina quasi nuda inquadrata in ogni dove in ogni programma perfino nei servizi di ‘tg’ o la valletta co-conduttrice, fatta eccezione di alcune che conducono da sole dei programmi come Barbara d’Urso, Maria De Filippi, Silvia Toffanin, la Perego e la Marcuzzi che comunque hanno ricorso alla chirurgia estetica per apparire e hanno abiti succinti.

Le donne che conducono da sole un programma sbeffeggiano quelle che si trovano in un gradino inferiore e fanno le veline, quelle che affiancano un uomo vengono prese in giro dagli ultimi e subiscono compiaciute le loro battute sessiste.

Quest’anno i programmi sessisti della Mediaset vengono cagati uno dopo l’altro. Tre edizioni di quiz condotti da Papi. La prima edizione che hanno riadattato dalla Gran Bretagna secondo i canoni sessisti italiani si chiamava ‘il Culore dei soldi’ con La Fico che doveva eseguire stacchetti rigidi,subire radiografie ginecologiche e doveva strusciarsi e leccare gli occhiali a uno dei ‘secchioni’ di un reality maschilista ‘la pupa e il secchione’, che rischia di tornare in onda questa primavera.

La seconda edizione è stata creata perchè il colore dei soldi non faceva ascolti. Si chiama ‘prendere e lasciare’ e la Fico doveva salire su una scala in microperizoma e subire invasioni ginecologiche, e prendere in mano degli oggetti. L’edizione degli anni ’80 ridotta ad un banale trash sessista.

L’ultima si chiama ‘centoxcento‘ sebbene la fico abbia 4 centimetri di stoffa in più sul corpo le inquadrature, il contesto e la sua presenza è sempre sessista.
Amici di Maria de filippi con le sue coreografie volgari e le ‘allieve’ umiliate e costrette ad eseguire e gattonare con un ‘maestro’ che conosciamo bene perchè autore di quei balletti volgari di Ciao Darwin che anch’esso rischia di tornarea breve. Per non parlare di uomini e donne e il grande fratello con vere e proprie scene di violenza maschile (e femminile). E che dire di Verissimo? dove le uniche qualità di una donna sembrerebbero essere quelle farsi una bella famiglia con marito ricco e quella estetica.

Per non parlare dell’intoccabile striscia la notizia, studio aperto e ora Matricole e Meteore‘ che come ci segnala un utente mercifica le donne, le umilia con battute sessiste e battute sui difetti fisici. In minima parte lo fa anche con gli uomini, infatti spesso sono presenti uomini nudi.

2 commenti

  • Le sole azioni che le donne possono mettere in atto per farsi rispettare sono la serietà e la competenza. Dobbiamo lavorare il doppio dei maschi per ottenere il nostro posto nel mondo. Abbiamo la carriera, la famiglia e tutto costa una grande fatica, ciò però rende migliori e non tutti gli uomini ci riescono.

    Mi piace

  • Ottimo post, proprio ora mi hanno segnalato

    Io non mollo, ho una dignità. Tv spenta. Solo streaming per programmi rispettosi.

    Mi piace