Tim sempre sessista

Vi ricordate di questa? era la campagna pubblicitaria della tim 2007 con tanto di donna (la canalis come testimonial) che deve assumere le posizioni più strane e che nuociono alla propria incolumità per dover mostrare il davanzale.

In gran bretagna ha sollevato proteste che ha tentato di svegliare gli italiani invitandoli a rendersi conto che la donna in Italia a causa loro non è nulla di piu’ che un oggetto sessuale.
Gli inglesi si sono chiesti se fosse normale che una donna in italia deve essere costretta ad assumere certe posizioni al telefono, noi no.

Le ultime campagne della tim non sono da meno quanto a sessismo. Purtroppo non le ho trovate in internet (volevo fotografarle, ma ieri non avevo la fotocamera a portata di mano), però ve le descrivo.

– Una mostra Belen Rodriguez di spalle con mezza schiena scoperta e sguardo ammiccante,mi pare davanti ad un portatile,
– Nell’altra mostra il davanzale,
– nell’ultima è vestita da sexy babbo natale con mezza coscia in fuori e sguardo altrettanto ammiccante.

Insomma la Tim si è adeguata ad usare le donne per pubblicizzare i suoi prodotti come tutte le altre pubblicità sessiste. Un bel passo avanti!

Nel sito ho trovato queste:

Per non parlare degli spot che accosta la donna alla merce sopratutto il penultimo della ‘tim x 4′ (piazzando donne a fare lavori considerati maschili ma in tono denigratorio, sulla serie velina da motorshow o sexy lavavetri) mettendo 3 donne belle e un de sica che le chiede il numero a tutte e 4 sulla serie piu’ ne conquisti piu’ sei figo.

Missà cambio operatore!

5 commenti

  • lo spot della tim di quest’anno è idiota quanto basta… il solito italiano cretino che va dietro la solita bonazza, il tutto farcito con battute che fanno ridere… nessuno.
    cose viste e riviste che annoiano.

    Mi piace

  • Non credo al mito del “buon selvaggio” e nemmeno a quello del “buon marketing”: la TIM utilizza nei suoi spot cose che il buon consumatore vuole vedere. Le battute negli spot potranno anche essere sceme ma evidentemente fanno ridere più di qualcuno se continuano ad usarle. E’ la società italiana che non reagisce agli stimoli “civili”, nessuno si inalbererà (o almeno non a sufficienza) se la cultura di massa nel nostro Paese definisce le donne come oggetti sessuali per gli uomini. E tutti noi, credo, potremmo portare esempi a sufficienza di come buona parte delle donne definisce e “sdogana” certo immaginario collettivo.
    Allora credo che, da un lato, ci si debba sottrarre (TIM è sessista, cambio gestore), dall’altro bisogna impegnarsi concretamente, nella vita di ogni giorno (a rischio di fare la figura dei rompicoglioni), per opporsi a questo andazzo: per bastonare l’amico o collega che fa la battuta pecoreccia, per sottolineare alcuni comportamenti che ci sono e che, in molti, consideriamo normali, ecc…
    Attenzione alta, iniziative vere nella società (e dal basso: “Donne pensanti”…), rispetto in primis da parte di chi già la pensa in un certo modo, non bisogna abbassare la guardia, mai. A costo di sembrare (o essere) rompicoglioni!!!

    Mi piace

  • @minimetal..un po sullo stile dei cinepanettoni natalizi bleah :( Ne parlero’ visto che natale si avvicina :)

    @desian,la tv e la pubblicità purtroppo rispecchiano la realtà e il cambio d sistema è utile x cambiare la mentalità degli italiani che viene peggiorata proprio anche attraverso la tv, x ora mi affido al boicottaggio ;) chissà…

    Un abbraccio a tutti!

    Mi piace

  • E LA VODAFONE CON LA FINTA FELICE FAMIGLIA ROMANESCA, CON LA MOGLIETTINA BIONDA E SEDUTTIVA…VOGLIAMO PARLARNE ?LEI SEMPRE SBRACATA E SVESTITA CON FINTI SORRISI ….BELLA IMMAGINE NON CREDETE?TRA L’ALTRO CHISSA’ QUANTI SOLDI SPRECANO PER QS TESTIMONIALS..SOLDI INUTILMENTE SPRECATI PER QS …

    Mi piace