odori

Questa è la pubblicità di Perla assorbenti, tutt’ora in onda.
Lo spot classifica le quarantenni come donne già vecchie che soffrono già di incontinenza.

Una signora fa presente alla sua collega di lavoro che prima aveva paura di entrare in ascensore con altri perchè si pisciava e puzzava.
Negli spot è sempre la solita musica: o sei strafiga sui vent’anni e passi il tempo ad ammiccare, a cambiare pannolini puzzolenti e ai fornelli ma al lavoro e hai poco più di 40anni per i creativi sei già vecchia e chiavica e devi preoccuparti di puzzare e che altri uomini possano accorgersene (alla fine infatti entra un uomo).

Le donne degli spot hanno un concetto basso di sé, attuano dei comportamenti volti prevenire quello che potrebbe irritare l’altro sesso (si depilano, mantengono un comportamento sessualmente pacato e da preda, fanno le brave madri, sono ossessionate dalla pulizia, dalle rughe, dalla bellezza, fanno il pollo con i dadi buoni in modo che non prenda l’aspetto di un dado…) oppure volti a dare piacere all’altro sesso (li soddisfano sessualmente senza chiedere nulla in cambio, cucinano e puliscono, li accudiscono, li vestono, ammiccano…).

Nessuno spot descrive le donne che soddisfano le loro esigenze che siano libere da giudizi e pregiudizi. Perfino le donne in carriera sono ossessionate dall’accontentare l’altro sesso in modo che non noti la loro ossessiva presenza nel mondo del lavoro (lo avevamo già notato con buscofen che banalizza le sofferenze durante il mestruo, dove addirittura è l’uomo vittimizzato che prende provvedimenti).

Cari pubblicitari, se puzzaste voi?

4 commenti

  • C’è uno spot televisivo che vorrei segnalare. Si tratta dello shampoo Pantene. Una ragazza racconta alle amiche di come ha passato il week end: si è arruffata i capelli e ha fatto la parte della belva feroce e sexy con il suo partner, cosa che molto probabilmente è sfociata in un un incontro erotico col suddetto. Il primo commento di una delle amiche è (più o meno): “Ecco come tenersi un uomo!”.
    Quindi per tenersi un uomo basta farlo impazzire a letto; più chiaro di così!

    Mi piace

  • Grazie x la segnalazione. Provvederò a postaro subito visto che i contenuti sono compatibili con l’argomento del blog.
    Benvenut* nel mio blog

    Mi piace

  • per la pubblicità dovremmo passare la maggior parte del nostro tempo ad accudire o sedurre qualsiasi esemplare maschio nel raggio di 20 metri, e la restante parte in bagno!
    …e guai a non essere perfette!
    come non citare anche quello “spelndido” spot di assorbenti: “le macchie in quei giorni? non sia mai! io giro addirittura con due specchietti retrovisori attaccati al cu**!!” (beh non dice proprio così…ma quasi)!

    complimenti per il blog, vi leggo spesso! continuate così!

    Mi piace

  • Sfido chiunque pubblicitario a lasciarci dello spazio per lavorare!
    A perte gli scherzi, hai perfettamente ragione. Per la questione mestruazione tu sai bene che la cultura cattolebana considera il mestruo come impuro o motivo di vergogna.
    Ricordi la ruota della vj (non so che c’entrava far ela ruota..ma lo spot esprime lo stesso pudore che ci impone la società cattolica che lo spot usa a fini economici per vendere)
    Grazie e benvenut* :)

    Mi piace