Nuovi osceni sessisti

Non so se è una mia sensazione ma ultimamente va di moda l’allusione alla fellatio.
Dal wurstel della Marcuzzi, ai nuovi spot di bibite e birre e perfino ai marchi abbigliamento.
Possibile che una donna deve rendere conto il suo modo di vestire al ‘sesso forte’? Perchè la pubblicità in questione pare sia rivolta a loro.

E che dire di questa che allude ad uno stupro e ad una presunta sopraffazione maschile verso la donna?

Le publbicità dell’acqua vitasnella che presentano una donna senza veli in pose sensuali e lascive classiche della cultura che vole il femminile un mero oggetto di desiderio:

Sguardo all’ultima e noterete che la classica pubblicità stile anni 80′ dove al posto di un prodotto che non c’entra nulla con il corpo umano si accosta una parte del corpo (da macello) femminile non muore mai.

Alcune foto vengono da: Protocollo contro la publbicità sessista

4 commenti

  • Ciao!!! ti consiglio la lettura di questo post e relativa incazzatura giustificatissima dell’autrice:
    http://eka.iobloggo.com/archive.php?eid=723

    Mi piace

  • Grazie mille Eleonora..sai cosa faccio? Ora lo posto subito ;-) smack

    Mi piace

  • ritengo il protocollo contro la pubblicità sessista una cazzata, per il semplice fatto che la maggior parte delle pubblicità non è sessista in quanto tale ma è resa sessista dall’assenza di un corrispettivo “dall’altra parte”: se la pubblicità della vitasnella presentasse anche un uomo nudo (magari in un altro cartellone), non la si potrebbe più accusare di sessimo. magari di promuovere certi stereotipi fisici/modelli corporei, ma non di sessismo.

    ciò detto, sì: il pompino sta vivendo una grande stagione (anche se sono tentato di dire che si tratta di un evergreen). peccato che la stessa attenzione non sia dedicata al cunnilingus.

    Mi piace

  • Alladr il fatto che il protocollo si riferisce a pubblicità che ledono l’immagine femminile è perchè la maggior parte delle pubblicità ledono l’immagine femminile. Ma sessista lo è proprio perchè presenta la donna unicamente come un oggetto secondo i ruoli standard. Il fatto che la maggior parte delle pubblicità rappresentano la donna sensuale nuda è perchè c’è ancora questa visione della donna e il fatto che sono pochi gli uomini rappresentati come oggetti è perchè la pubblicità usa i ruoli tradizionali.
    Ma veniamo al dunque:

    Se l’uomo viene rappresentato come un oggetto il protocollo si allarmerà ma soltato se questo uomo viene presentato solo come un oggetto sessuale annullando tutti gli altri ruoli che la pubblicità gli affibbia. Dal momento che gli spot rappresentano un universo maschile variegato non c’è alcuna intenzione di allarmarsi ;). Sta tranquillo che il protocollo non vuole affatto l’uomo oggetto, ma vuole eliminare l’assetto unilaterale degli spot e del modo DI rappresentare la donna senza che anche l’uomo diventi oggetto per far contente noi e per rifuggiarsi ad ipocrisie nè senza menzionare il ruolo dell’uomo, perchè la donna non deve maschilizzarsi ma deve essere rappresentata con il vero ruolo che ha nella vera società : donne che lavorano, donne che fanno carriera, donne che usano il cervello ecc. Non ci sono solo veline e casalinghe in italia.

    Per qunto riguarda il cunnilingus, non abbiamo spot del genere e riferimenti vari perchè il pacere femminile è taboo. Questo è un discorso diverso rispetto a quello di prima. Il sessismo sta proprio per il fatto che il cunnilingus e il piacere femminile fa scalpore (e viene censurato come diario di una ninfomane), mentre quello maschile fa scalpore ma non viene censurato e se ne parla. Se non censurebbero gli spot di cunnilingus e presterebbero attenzione anche al piacere delle donne (non solo negli spot) allora sapremmo che il sessismo sta diminuendo.

    Qui il discorso è diverso pero’:
    Se ci sarebbero i velini non vuol dire che di sessismo non ce ne sia più xke anche gli uomini diventano oggetti (è ipocrita pensarlo) se propogono un modello alternativo a quello della valletta scema senza censurare la presenza delle veline, dando spazio anche donne con cervello allora potremmo parlare di morte del sessismo

    Leggi qua:

    https://comunicazionedigenere.wordpress.com/2009/09/21/la-dittatura-del-corpo-e-luomo/

    Mi piace