After Eden mi risponde!

p21

Pochi giorni fa scrissi all’azienda di Boobs&Bloomers contro quelle terribili immagini che coinvolgevano il corpo delle bambine e ho ricevuto una risposta dal responsabile che cerca i giustificarsi dinanzi all’evidenza, poichè le modelle sono meno di teenager e i reggiseni imbottiti sono rivolti a bambine troppo ammiccanti per la loro età. Nonostante ciò ci promettono che sostiuiranno le immagini e se questo dovesse accadere sarà la prima vittoria della nostra campagna Libera Infanzia (ho pure scoperto che usare modelle under 13 è una novità del marchio). Come richiesto dal mittente riportiamo la loro risposta sul blog:

Gentile Blogger,
ringraziandola per la mail che ci ha inviato e che ci ha permesso di valutare anche da un altro punto di vista le immagini, che erano state visionate da IAP nel mese di luglio, sono a trasmettere alcune precisazioni:

Boobs & Bloomers è un marchio di abbigliamento intimo per teen ager presente sul mercato da più di trent’anni e distribuito in tutto il mondo.
La funzione di un marchio è quella di contraddistinguere un bene o un servizio di un’impresa da quelli di altre imprese.

L’interpretazione riportata sul blog “un altro genere di comunicazione” è inesatta, in quanto la versione corretta è “seno e mutandoni” ed è pienamente ispirato, in maniera leggera e giovanile, al target di chi indossa abiti e che abitualmente non sente l’esigenza di indossare reggiseni vista l’età, senza nessun riferimento a messaggi totalmente sbagliati che non sono mai appartenuti alla filosofia aziendale.

Da sempre l’immagine di Boobs&Bloomers non ha mai voluto, e mai lo vorrà in futuro, essere legata ed associata a comportamenti inopportuni o innaturali per le consumatrici (teen – ager) che possano comportare danni psicologici per le sue clienti.

Per dimostrare l’apertura e la vicinanza dell’azienda ai commenti della clientela e per dissociarci da ogni qualsiasi eventuale equivoco vogliamo esprimere le nostra volontà nel sostituire le immagini sul sito, chiedendo ove possibile di passare questa informazione sul blog da lei gestito.
A disposizione per ulteriori chiarimenti e commenti,

Cordiali saluti

After Eden Italia
Leggi anche: http://www.trendandthecity.it/2011/08/30/boobs-bloomers-il-marchio-di-lingerie-e-reggiseni-imbottiti-per-bambine-che-sfrutta-il-corpo-di-minorenni/

Sfruttamento delle bambine: è allarme

p9

Hanno già consumato il corpo delle donne e ora prendono di mira le bambine. Una nuova azienda di lingerie, pare olandese, lancia sul mercato di alcuni Paesi tra cui l’Italia, dei reggiseni imbottiti per bambine (distribuiti in Italia da Coin). Inoltre, pare che su alcune strade italiane  fossero stati affissi alcuni cartelloni  pubblicitari (che si vedono anche sul sito, per giunta tutto rigorosamente rosa) che incitano parecchio alla pedofilia, con bambine ammiccanti, in posizioni ambigue e rese sexy da trucco e “tette” alzate da reggiseni push up.

Perfino il nome della linea di lingerie distribuita dall’After Eden che si fa chiamare Boobs che in inglese significa tette (tette e mutande sarebbe il marchio) è un incitamento puro all’attrazione verso bambine di sei-sette anni! Vendere reggiseni imbottiti per bambine, accessori utilizzati normalmente per rendere la donna più attraente è cosa incommentabile e mi indigna parecchio. Le immagini sembrano provenire da un sito pedopornografico, peccato che pare sia tutto legale perchè nessuno ha pensato di bloccare la campagna che si sta diffondendo sulle strade, rendendo gratuito anche lo sfruttamento del corpo infantile (ne abbiamo già abbastanza di quello delle donne, figuriamoci delle bambine!).

Non ho coraggio di postare tutte le immagini che vengono dal sito, fanno troppo male e sono veramente pericolosein ogni caso potete trovarle anche sulla pagina delle segnalazioni della mia campagna Libera Infanzia). Pericolose per le bambine che subiscono semrpe di più molestie e violenze a causa di una cultura che normalizza l’attrazione verso donne sempre più giovani. Ma dove arriveremo? alla legalizzazione della pedofilia?

Se ci penso, alla legalizzazione della pedofilia ci eravamo quasi arrivati,  quando il Governo pensò ad una proposta di legge che aboliva la pena detentiva a chi compiva atti “di lieve entità” contro i minori. Vi ricordate?

Che dire? campagne e prodotti come questi in Italia trovano (e hanno trovato) loro terreno ideale. Un Paese che pone attenuanti al reato di pedofilia, abitato da padri che mandano le loro figlie minorenni a concorsi di bellezza dove sarà premiata la carne più fresca e mandano le figlie quindicenni ad Arcore  ventandosene in giro e dove il capo di Governo si circonda da un Harem di ragazzine.

Tornando a noi, il nostro compito è segnalare allo Iap e bombardare l’azienda di email. Questo è l’unico modo per far ritirare dal mercato i reggiseni imbottiti per bambine e la campagna lesiva e siamo veramente allarmate dalla diffusione di questi messaggi. Abbiamo già segnalato (solo questo mese) un sacco di messaggi simili e traiamo la conclusione che lo sfruttamento contro le bambine è in crescita. Libera Infanzia nacque due anni fa come premonizione, ma ora l’incubo è diventato rassegna quotidiana e dobbiamo fare qualcosa!

Cosa fare? sottoscrivete la mia campagna scrivendo a comunicazionedigenere@email.it con il vostro nome, cognome e città.

Mary

Si informano gli utenti che alcune immagini presenti su questo blog sono state trovate su internet e liberamente riprodotte. Chiunque voglia rivalerne la paternità/maternità, può inviare un' email a: comunicazionedigenere@email.it
Le immagini verranno immediatamente tolte dal blog. Legge nr. 62 DEL 07.03.2001


Ogni commento postato in questo blog è soggetto a moderazione prima della sua pubblicazione.
"Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001"

copyright

Creative Commons License
Questo opera di http://comunicazionedigenere.wordpress.com/ è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia. Questo blog è l'originale, nato nel 2009, diffidate dalle imitazioni e sopratutto da blog che presentano le url http://comunicazionedigenere.net e http://comunicazionedigenere.com che sono CLONI e non appartengono a noi poiche' riportano tematiche antifemministe e sono stati creati a nostro danno.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: