Per non dimenticare: il femminicidio di Desirée Piovanelli

Sono ormai passati dieci anni dal femminicidio più cruento che più ha sconvolto il mondo: quello di Desirée Piovanelli, una ragazzina di soli 14 anni che il 28 settembre del 2002 fu uccisa perché aveva resistito ad uno stupro di gruppo. (QUI tutta la vicenda) A quell’epoca avevo la stessa età di Desirée per questo ricordo benissimo la storia che mi sconvolse, come mi sconvolge tutt’oggi nel rileggerla a distanza di 10 anni, quando ormai alla mia innocenza prende posto la razionalità di una persona adulta che riesce ad analizzare il contesto in cui è avvenuta la mattanza: lo stesso contesto patriarcale che fa ancora stragi di donne, poiché pensate ancora come oggetti e non come persone capaci e libere  di esprimere i propri diritti quale l’autonomia del proprio agire e del proprio corpo.

Quando ero una ragazzina, come Desirée, non sapevo darmi una risposta sul perché accadono certe atrocità e sicuramente anche questa bambina stuprata e uccisa senza pietà, mentre agonizzava lentamente a causa delle coltellate inferte da tre suoi coetanei che volevano violentarla assieme ad un adulto, si chiedeva “cosa ho fatto di male per meritarmi questo?”. E’ proprio immaginandomi questa scena e mettendomi nei panni di una ragazzina massacrata perché ha detto “no” che ho sentito nel corpo un brivido di orrore misto a rabbia che non saprei spiegare se non conoscessi la parola indignazione.

Non so spiegarmi come mai, nonostante l’insistenza di queste società che si ritengono più evolute rispetto al mondo arabo, accade che un’ambiziosa ragazzina di soli 14 anni che sognava di fare il medico, venga massacrata solo perché era bella e non aveva scelto i suoi assassini. E’ un punto di partenza per comprendere come l’Italia sia tutt’altro che un paese che riconosce alle donne diritti e libertà relazionali, sopratutto nella sfera sessuale, perché Desirée fu uccisa a causa delle voci di paese che l’avevano etichettata come “una di facili costumi”.

Questo è anche un punto di partenza che ci consente di capire le logiche patriarcali di un paese che “mette sotto processo le donne” nelle loro scelte, di solito attraverso la malelingue o calunnie, ma alcune volte infierendo contro con una vera e propria esecuzione violenta che riempie le nostre cronache quotidiane. Lo stupro, in questo caso chiamato “stupro correttivo”, per punire la ragazza o la donna che è ritenuta da tutti una di facili costumi, perché nella nostra cultura una donna che fa scelte sessuali o relazionali è deprezzata a tal punto che il proprio corpo deve diventare pubblico e accessibile a tutti:  “se vai con gli altri devi andare a letto anche con me”, quelli che non accettano le scelte e ti considerano una che ha perso il suo valore, perché nel nostro Paese il valore di una donna dipende ancora dalla sua castità.

Accade molto spesso che le donne sono costrette a limitare la propria libertà attuando meccanismi di difesa per proteggere non solo la propria reputazione ma anche la propria vita, dunque proteggere sé stesse da un paese di fatto repressivo per le donne. Desirée fu infatti sequestrata e “processata” per ore dal branco prima di essere massacrata in una vecchia cascina abbandonata a pochi metri dal paese, Leno in provincia di Brescia. Desy fu attirata in una trappola da tre ragazzini minorenni che volevano vendicarsi perché non ricambiava le loro attenzioni, assieme ad un adulto che da tempo aveva “un debole” per la ragazzina che anche lui considerava di facili costumi. Dopodiché si ritrova accerchiata e minacciata di morte se non avesse fatto “quelle cosine che faceva agli altri”. Infatti i ragazzi si procurarono nastri adesivi per immobilizzarla, sacchetto per far sparire i vestiti sporchi e un coltello; insomma uno stupro-omicidio pianificato a tavolino (QUI).

I ragazzi avevano creduto alle malelingue di paese, i quali sostenevano che Desy assieme alle amiche frequentavano abitualmente la cascina per partecipare a feste dove consumavano rapporti sessuali e droghe con altri uomini, da cui loro erano esclusi. Desy conosceva benissimo il branco, erano tutti vicini di casa e da tempo riceveva da loro delle molestie. Si era fidanzata con un suo coetaneo, Tony e nessuno di loro sopportava questo.

Dopo il “processo” i quattro mettono in atto il tentativo di stupro pianificato secondo l’ordine previsto, dove il primo, Nicola B. quattordicenne del gruppo, tentò di spogliarla con l’aiuto degli altri coetanei che la percuotevano al volto; ma Desy era più forte e riesce a divincolarsi, grida “Mi fai schifo, mi fai pena” e viene colpita da Nico con una coltellata al petto. Tenta di scappare con le poche forze che le rimangono ma viene raggiunta da Giovanni Erra, l’unico maggiorenne, sposato e padre di un bambino di 8 anni che la riporta dagli assassini verso l’esecuzione. Fu colpita da un’altra coltellata che la lascia ad una sofferente agonia a terra durata almeno un’ ora, sorvegliata dai quattro aguzzini che due giorni prima avevano pianificato come doveva avvenire il delitto. Per finire fu sgozzata da uno di loro per colpo di grazia. Non contenti iniziano ad infierire sul cadavere facendolo a pezzi e spogliandolo.

Dopo il delitto uno di loro si procura un caricabatterie adattabile al telefonino di Desy e manda un messaggio al padre della ragazza che disperato aveva fatto degli appelli in tv per ritrovare sua figlia scomparsa, rassicurandolo e informandolo che si era trattenuta con il suo fidanzato. Ma il messaggio fu poco credibile anche perché si rilevò che era stato spedito da Jesolo, dove i ragazzini stavano passando le loro vacanze poco dopo il delitto.

La cosa più sconvolgente di questa triste vicenda è che mentre il “processo” di Desy si è concluso con la sua condanna a morte, i tre ragazzini furono condannati a pene piuttosto lievi nonostante l’efferatezza del reato e la premeditazione, di cui per Nicola B che ha avuto un ruolo attivo nello stupro-omicidio, fu condannato a 18 anni di reclusione, Nico che le aveva dato la seconda coltellata per darle il colpo di grazia, fu condannato a soli 15 anni (oggi in semi-libertà), e Mattia che ebbe un ruolo fondamentale nel trattenere la ragazza per consentire lo stupro ebbe una pena ancora più bassa: 10 anni (ora è già libero)! Erra, la mente ispiratrice del delitto e unico adulto, un misogino che amava far del male alle donne e minacciava di uccidere le sorelle del resto del branco se avessero parlato, invece fu condannato a 30 anni di reclusione.

L’altra cosa più sconvolgente è che i ragazzi risero durante il processo e le famiglie degli assassini non si scusarono con la famiglia di Desy,  ritenendo perfino che i quattro erano innocenti. Inoltre sono stati compiuti da ignoti, atti vandalici sulla tomba di Desirée, sulle mura della cascina sono comparse scritte contro i magistrati che hanno condannato. C’è stata anche un’iniziativa, il giornalino della scuola di Desy, ma si è scoperto che l’intento era far uscire Mattia di galera (fonti qui) .  La famiglia della ragazza ha dovuto trasferirirsi dall’altra parte del paese per non vedere i volti dei suoi carnefici (presto liberi) e delle loro famiglie. Un femminicidio in piena regola, dove la donna viene uccisa in quanto donna nell’ottica di un delitto a sfondo sessuale, le cui vittime sono quasi esclusivamente di sesso femminile. Noi vogliamo ricordare una delle pagine nere di cronaca che hanno coperto di vergogna il nostro Paese, per dire basta alla violenza contro le donne e dare la più piena solidarietà alla famiglia Piovanelli se solo potesse leggerci.

About these ads

Commenti recenti

There are no public comments available to display.

Comments

  1. Mi aggiungo alla solidarietà. E temo non si possa dire nient’altro in merito…

  2. icittadiniprimaditutto says:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. Mi sono venuti i brividi a leggere questo post……mai, mai, mai dimenticare

  4. Grazie di esserti ricordata di lei. Io ho il libro che ha scritto il padre, per sapere la verità. Leggilo, così avrai una visione più chiara e veritiera delle cose. S’intitola “Nostra figlia Desirée” . Lo conservo gelosamente. Lui cerca la verità sulle cause della morte della figlia ma secondo me la verità sta tutta in quel libro: Desirée è stata uccisa perché il suo amico d’infanzia ragionava: “Perché agli altri sì e a me no? Ci sono prima io, che sono stato tuo amico da bambino! Sei la mia proprietà!” Essendo testimone di Geova come lo è stata la povera Desirée, capisco cosa vuol dire essere etichettate. Se una donna, in generale, fa qualcosa di diverso e di non gradito dalla maggioranza, come quella di predicare di casa in casa, è una prostituta, no? Se una donna va “in giro” non può essere che quello. Devi pur dirle qualcosa che la offenda profondamente. Un signore “squilibrato” e un ragazzino me l’hanno proprio detto in faccia. E non ho problemi a capire che tutto il paese mi consideri così. Grazie a Dio sono molto riservata e schiva (alla sua età lo ero ancora di più) e questo mi ha protetta perché nel mio paese ci sono parecchi delinquenti che forse avrebbero fatto del male anche a me. Le nostre scelte sessuali non c’entrano, nel senso inteso da un cattolico o da un laico, perché insegniamo a rimanere caste fino al matrimonio. E questo vale anche per gli uomini. Penso che il fastidio che desse Desirée era proprio il fatto che fosse “diversa” in quanto testimone di Geova più le voci alle quali veniva dato credito. Almeno non sono riusciti a farla a pezzi. La ammiro molto per la sua forza e il suo coraggio. Come i suoi genitori, ho la speranza di rivederla nella risurrezione, dove piano piano dimenticherà tutto e ci sarà solo felicità, per lei e per tutta l’umanità. (Giovanni 5:28,29; Isaia 65:17). Purtroppo la giustizia italiana è questa: solo perché Erra non ha ucciso, deve essere liberato! Che schifo! Forse quei tre delinquenti hanno riso perché quello era uno sfogo alla loro tensione, forse non se l’aspettavano. Ma è una reazione che non fa ugualmente piacere vedere.

    • Lo comprerò di sicuro:). Non sapevo che eri testimone di Geova come la piccola Desiree, posso immaginare anche in quanto tale come ti abbia impressionato questa storia.
      Sicuramente c’è sopratutto il movente a scopo religioso (ovviamente includendo anche il concetto di donna che possiede il mondo cattolico).
      Grazie per la tua riflessione è importantissima.:)

  5. Povera Desiree! io sono di Brescia e la sua vicenda me la ricordo bene. Pur avendo letto molti atroci fatti di cronaca simili a questo io non mi capacito ancora che in un paese piccolo, in una comunità che dovrebbe essere solidale, in cui tutti si conoscono e forse si crede di essere più protetti che nelle grandi città possano accedere fatti come questi. non mi capacito di come tre ragazzi e un adulto possano lucidamente pianificare lo stupro e l’omicidio di una ragazzina innocente. A Desiree che riposi in pace e ai suoi assassini, se mai hanno una coscienza, che il suo ricordo li possa perseguitare per tutta la vita.

    • Anche io mi sono chiesta come mai queste cose possano accadere innpaesini. Probabilmente e’ uno stereotipo pensare che siano piu’ sicuri. Del resto abbiamo una sfilza di nomi di ragazzine e donne uccise in piccole comunita': Sarah Scazzi, Yara Gambirasio, Chiara Poggi, Palmina Martinelli, Lorena Cultraro etc…di ragazzine e donne uccise con simile brutalita’ in citta’ ce ne sono state meno anche se il femminicidio riguarda tutto il paese!
      Io penso sia pero’ il maggior maschilismo che si avverte in piccoli paesi piuttosto che in grandi citta’.

  6. Non credo che riuscirò a mangiare dopo la lettura di questo articolo. E’ davvero agghiacciante.

  7. E’ agghiacciante, pensare che queste cose succedano in un paese come l’Italia, noi che ci vantiamo di essere persone colte, preparate, e di vivere in una società moderna, dove la donna ha libertà di espressione.
    Purtroppo non è affatto vero, queste cose accadono anche qui, ci sono uomini ( giovani, a volte giovanissimi) che ci vedono come bambole alle quali fare quel che vogliono è BESTIALE, e la cosa ancora più bestiale è che le leggi non proteggono la vittima ma il carnefice, dando la licenza di delinquere, di stuprare chiunque!
    E’ ora di PROTEGGERE LA DONNA, CI SIAMO STUFATE DI AVERE PAURA!!!

Trackbacks

  1. [...] sarà sempre qualcuno che prima o poi vorrebbe disporre del tuo corpo, un pò come è successo alla piccola Desirée che molti consideravano di “facili costumi” incitando la furia omicida di quelle [...]

Si informano gli utenti che alcune immagini presenti su questo blog sono state trovate su internet e liberamente riprodotte. Chiunque voglia rivalerne la paternità/maternità, può inviare un' email a: comunicazionedigenere@email.it
Le immagini verranno immediatamente tolte dal blog. Legge nr. 62 DEL 07.03.2001


Ogni commento postato in questo blog è soggetto a moderazione prima della sua pubblicazione.
"Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001"

copyright

Creative Commons License
Questo opera di http://comunicazionedigenere.wordpress.com/ è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia. Questo blog è l'originale, nato nel 2009, diffidate dalle imitazioni e sopratutto da blog che presentano le url http://comunicazionedigenere.net e http://comunicazionedigenere.com che sono CLONI e non appartengono a noi poiche' riportano tematiche antifemministe e sono stati creati a nostro danno.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: