La femminilità secondo La Stampa

Riceviamo una segnalazione da una nostra lettrice. In questo periodo  ci stiamo concentrando tantissimo sul sessismo che viene dai nostri giornali (sopratutto sulla rappresentazione delle atlete olimpiche) e ce ne sarebbe da parlare parecchio su come la stampa ci rappresenta e sul linguaggio stereotipato, infatti:

Questa è una gallery allestita dal signor Gramellini con tanto di opinione su quale deve essere il ruolo delle donne nel mondo per non rovinare tanto la femminilità. Roba da Arabia Saudita che impediva fino ad oggi la partecipazione delle donne alle olimpiadi che però almeno era soltanto per una questione di velo. 

Ma qual’è  la femminilità secondo La Stampa?

Facciamoci un viaggio tra le gallery:

Insomma, la femminilità secondo La Stampa equivale a tirarsi fuori dalle Olimpiadi per affollare concorsi di bellezza, casting di veline, fare tanti figli e buoni matrimoni e ancora parlare di bambini e di matrimonio, fare da mogli, da amanti , da passatempi maschili eccetera eccetera…

E ovviamente non mancano le CulOlimpiadi per la gioia dei tifosi maschi che non amano il volto tumefatto delle donne pugile, meglio fotografarle in pose osè e che siano sempre apposto e truccate pena la perdita della femminilità che fa rima con bellezza, a causa di una ricerca di parità che ci rende troppo poco oggetti del desiderio maschile, non si sa mai.

About these ads

8 commenti

  • ma questo signor Gramellini a scrivere di queste chiacchiere da gossip non è molto maschile, non potrebbe andare in miniera? così sì che sarebbe un vero uomo.
    (sto facendo dell’ironia ovviamente u_ù)

  • Che tristezza Gramellini!

  • le opinioni di Gramellini sulle donne che fanno boxe sono sue e francamente lasciano il tempo che trovano. Una donna ha il pieno diritto di fare boxe con buona pace di Gramellini, e non mi pare in contrasto con nessuna “femminilità” vera o presunta, fare sport tradizionalmente ritenuti “maschili” non ti rende un maschio, (che poi non si tratta di “parificarsi” a nessuno, si tratta di seguire le proprie aspirazioni, una donna pugile non è meno donna di chi ha aspirazioni più “tradizionali”, ma Gramellini l’ha visto Million Dollar Baby?). Quanto al resto della gallery mi sembrano le solite notiziole estive sulle vacanze di questa o quella divetta e le nozze delle star (non sapevo che la Portman si volesse sposare, bè tanti auguri!). Quato ad Usain Bolt e le svedesi..sono affari suoi (e della sua fidanzata), io non giudico, un quotidiano dovrebbe occuparsi di cose più serie

    • per essere chiari: che tu sia una pugile o una pallavolista o una partecipante a miss muretto, nessuno ha il diritto di dirti che sei più o meno “donna” o più o meno “libera” di un’altra

  • icittadiniprimaditutto

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  • In effetti sono molto più femminili le donne che le botte le prendono dal maritino, vero?Questo non la scandalizza signor Gramellni, il fatto che una donna ogni tre giorni venga massacrata da un uomo in virtù del suo genere? Caro signor Gramellini, son secoli che le donne fanno a pugni con la vita per sopravvivere, adesso ci scandalizziamo perchè i pugni hanno imparato anche a darli e non solo a riceverli?LIBERTA’ per le donne, libertà d decidere come essere donne.

  • che poi sta gente mi fa ridere… Giudicano da una foto, ma poi magari quelle poveracce fuori dal ring si mettono gonne e rossetto perché gli piace, però siccome fanno boxe non sono vere donne a prescindere…
    Per me queste sono vere donne, seguono le loro passioni e se ne fregano se non sono femminili e soavi in ogni momento della loro vita.