Spagna: il movimento “Sangue Mestruale”

318151_276808942416172_163383063758761_587930_1901020807_n

Sui tabù e la scarsa accettazione sociale delle mestruazioni non c’è bisogno di approfondire perché ne ho parlato QUI.

In Spagna c’è un collettivo di donne che si chiama Sangre Menstrual,e manifesta con i pantaloni insanguinati per dire basta a quei tabù che ci portiamo dietro e che lasciano le donne sole con i propri dolori. In Italia c’è chi pensa che le mestruazioni siano una malattia e questo accade anche in Spagna, infatti questo gruppo di giovani donne ha lanciato un manifesto:

MANIFESTO PER LA VISIBILITÀ DELLE MESTRUAZIONI:

Per quelli che ci hanno addottrinato al usa e getta. Per tutti quelli che speravano che rifiutassimo indefinitivamente il nostro proprio corpo.
Questo è il succo delle nostre viscere dal quale non scappo, una macchia senza limiti, un rispremere che non potete fermare. Il mio corpo si disperde, il mio pensiero anche. Con queste mutande macchiate di sangue come bandiera contro la dottrina del Potere, contro le strutture stabilite, vi faccio sapere che:
-Nel mio corpo decido io e così, ogni mese, mi libero dell’endometrio riaffermandomi nella mia decisione di controllare la capacità di riproduzione del mio corpo. Nella mia carne comando io.
– Ci riusciste a suo tempo però ormai non mi vergogno più di macchiarmi e incluso decido volontariamente farlo esibendolo pubblicamente.
– Mi macchio e non mi fa schifo. Mi macchio e non mi faccio schifo. Non rifiuto il mio corpo, questa è la mia natura.
– E neanche sono malata quando ho le mestruazione, non stò male. Esattamente al contrario, mi riciclo in ogni periodo.
– Non è una maledizione nè un castigo divino. È una attività ormonale.
– Siamo stufe dei pregiudizi mestruali, della invisibilità.
– Visibilizzare le mestruazioni per visibilizzare il corpo come spazio politico.
Ci siamo stufate di chiedere assorbenti tra sussurri e sguardi complici. Con questo manifesto metto un punto finale alla tirannia in cui mi avete educato. Non ci sarà più permissività da parte mia, le mestruazioni sono mie.

Fonte: QUI e traduzione di Faby dalla pagina FB di BamboleSpettinate&DiavoleDelFocolare

Questo è uno dei movimenti femminili che purtroppo passano in sordina da parte della stampa e che invece sono molto importanti perché si tratta di gruppi che cercano di lottare contro una società che rimuove i nostri corpi e la nostra sessualità, lasciandoci sole con i nostri dolori e con vergogne ingiustificate che sono ovviamente indotte dalla nostra società.

 Auspichiamo che in Italia nasca qualcosa di simile perché la rimozione della nostra sessualità, soprattutto nel nostro contesto sociale, fa veramente preoccupare e siamo per questo motivo le meno liberate d’ Europa. Per questo riteniamo importante dare spazio a questi gruppi per fare in modo che siano un esempio. In Italia, purtroppo lo sappiamo tutte, abbiamo a che fare con una negazione dei nostri corpi che è spaventosa, uno “stupro virtuale” attuato sui nostri corpi fin dalla nascita, annullati, privati dei desideri, delle fantasie e perfino dell’identità, perché il nostro è uno dei Paesi che strumentalizza di più il corpo femminile attraverso immagini artefatte che non ci appartengono e che ci spersonalizzano rappresentandoci unicamente come oggetti sessuali privi di una sessualità autonoma e soggettiva e ridotti a “feticci”. Cosa c’è di più rivoluzionario delle mestruazioni di fronte a ciò?

About these ads

3 commenti

  • Ciao…ho provato a cercare su internet, ma con zero risultati. Esiste un modo per poter contattare questo collettivo? Se qualcuno sa rispondermi, grazie mille.

    • Magari ci fosse..ho cercato come una pazza nella rete e ho trovato solo il blog senza alcun recapito…sarebbe bello si potesse fare qualcosa di simile anche in Italia..qui la sessualità femminile non solo è tabù ma è proprio rimossa!

  • Voglio già tantissimo bene a queste femmine. Che brave.