Urgentissimo: Fermate la legge che agevola e legittima pedofilia e femminicidio

Da femminismo a sud

Sapete che uno dei momenti in cui avvengono gravi episodi di violenza familiare è proprio durante le fasi di separazione di una coppia.

Sono davvero tante le donne che muoiono per mano degli ex mariti e molte volte questi ultimi prima di togliersi la vita decidono di uccidere anche i loro figli.

Accade abbastanza frequentemente che le fasi di conflitto vengano esarcerbate per il rifiuto che l’ex marito mostra nell’accettare la separazione. Lo dimostrano le tantissime denunce per stalking fatte sin dal primo momento di attuazione della legge che ha fatto diventare questa forma di molestia un reato.

Accade talvolta che le separazioni siano causate anche da abusi perpetrati dai padri nei confronti dei figli. Ed è ovvio che le madri tentino di proteggere i bambini allontanandoli da uomini che potrebbero ancora fare loro del male.

In italia le leggi a tutela delle donne e dei minori in caso di separazioni e divorzio sono abbastanza inefficaci.

Ancora oggi le donne non vengono tutelate a sufficienza per sfuggire alla violenza del marito e le case rifugio in cui i centri antiviolenza ospitano queste donne sono relativamente poche e prive di finanziamenti.

Una donna che rischia di essere uccisa da un ex marito corre lo stesso pericolo che correrebbe qualunque persona presa di mira da efferati criminali.

La legge tutela i testimoni di mafia, le vittime del racket, ma non tutela le donne che muoiono di morte annunciata per mano dell’ex marito.

Troppe sono le donne morte ammazzate da uomini, moltissime per mano di ex mariti.

I bambini, allo stesso modo, non godono di nessuna particolare tutela. Quando viene denunciato un caso di pedofilia viene messa in dubbio la parola dell’adulto che prova a proteggerlo. Se i bambini non vogliono vedere quegli adulti dai quali hanno subito abusi i tribunali decidono spesso di sottrarre questi bambini alla madre e di affidarli ai servizi sociali.

Dal 2006 a peggiorare la situazione è intervenuta la legge 54 sull’affido condiviso. Stabilisce, con talune eccezioni, che in fase di separazione i bambini siano affidati ad entrambi i genitori anche quando tra i genitori esistono episodi di violenza e denunce.

Proprio per questo le donne dell’idv toscana hanno avviato una petizione in cui propongono una modifica della legge affinchè sia impedito agli ex mariti e ai padri violenti e molesti di accedere alle ex mogli e ai figli.

Il Pdl ha ora proposto invece una modifica peggiorativa (ddl n. 957) che sarà presto (dal 21 aprile) in discussione alla commissione giustizia del senato. Probabilmente sarà integrata con un’altra proposta di modifica (ddl. 2209, prima firmataria la leghista lussana) purtroppo firmata anche da due parlamentari dell’idv (Favia e Orlando) in totale disaccordo all’opinione delle donne del loro partito che ad essa si oppongono.

In entrambe le proposte di modifica presentate da pdl, lega e i due Idv (il ddl 957 è introdotto con una relazione in cui si accredita la proposta perfino con una citazione di una rappresentante dell’Arcidonna), si immagina uno scenario in cui l’affido condiviso sia concesso per obbligo e sempre, a prescindere dai conflitti e dalle violenze che un uomo può commettere nei confronti della ex moglie o un genitore può commettere nei confronti dei figli.

Si immagina che i genitori possano essere deresponsabilizzati a proposito di mantenimento e si immagina anche che l’immobile assegnato al genitore affidatario, spesso la madre, quello in cui risiedono i bambini, possa essere sottratto se la madre decide di avere un’altra relazione. Tutto ciò per imprimere un segno di proprietà su quella donna anche dopo la separazione. Donna che dovrà essere costretta a vivere clandestinamente la sua vita sentimentale se non vorrà vedere traumatizzati i bambini grazie alla sottrazione del luogo nel quale hanno imparato a crescere.

Il punto più grave della modifica è l’introduzione obbligatoria nella aule dei tribunali della Pas, ovvero quella che i proponenti chiamano sindrome da alienazione genitoriale della quale Roberta Lerici parla opportunamente e approfonditamente qui). Valutare l’affido dei bambini sulla base di una sindrome non riconosciuta nell’albo psichiatrico, portata avanti in america e ora anche in italia dalle organizzazioni dei padri separati, significa privare i bambini della possibilità di difendersi nei casi di molestia subita dai padri.

La modifica del ddl 957 al codice civile (capitolo sul diritto di famiglia) dice infatti:

«Il comprovato condizionamento della volontà del minore, in particolare se mirato al rifiuto dell’altro genitore attivando la sindrome di alienazione genitoriale, costituisce inadempienza grave, che può comportare l’esclusione dall’affidamento».

In pratica significa che in qualunque procedimento di affido, se il bambino rifiuta di vedere il padre e se viene denunciato un abuso, un atto di pedofilia, il padre ricorrerà e può servirsi della Pas per dire sempre e comunque che si tratta di “condizionamento della volontà del minore” da parte della madre.

I bambini restano senza difesa e come se non bastasse viene sommata alla possibilità di “condizionamento della volontà del minore” anche la denuncia da parte della madre ai danni dell’ex marito quando quest’ultimo commette atti di violenza contro di lei.

Donne e bambini restano dunque sovraesposti. Qualunque denuncia sarà tacciata di essere una forma di condizionamento del minore e quel che è peggio è che quando un tribunale sarà chiamato a decidere (come già avviene ora) su situazioni così complesse i bambini finiranno consegnati ai loro carnefici oppure alle case famiglia, come orfani a causa di una legge che rimette donne e figli nelle mani del padre padrone. Un padre antico, già conosciuto, che un tempo nel vecchio codice che pensavamo di esserci messe definitivamente alle spalle si chiamava pater familias.

Quanto scritto è stato precedentemente espresso anche dai Giuristi Democratici che recentemente hanno rivolto un appello al ministro alle pari opportunità Mara Carfagna e che con noi evidentemente condividono le medesime preoccupazioni.

Mercoledì 21 aprile avrà inizio la discussione in senato (commissione giustizia) su queste proposte peggiorative della legge già esistente e tante donne si chiedono come e se i bambini e loro stesse saranno rappresentati affinchè non diventino oggetto di questa barbarie legislativa.

About these ads

Commenti recenti

There are no public comments available to display.

Comments

  1. Elvia Ficarra says:

    La madifica dell’attuale legge sull’affido condiviso si rende necessaria per i seguenti motivi:

    – scarsa aplicazione dell’attuale normativa a causa della fumpsità. poca chiarezza ed ampia discrezionalità;
    – la presa d’atto da parte della magistratura che oltre il 90% delle denuncie di abuso su minore in sede di separazione sono false, finalizzate ad allontanare senza riserve un genitore ( principalmente il padre) dai figli. Verificata l’infondatezza delle denunce, dopo anni di procedimenti, la relazione tra padre e figli è irrimediabilmente compromessa con gravissimi danni per questi ultimi;
    – la denuncia da parte di numerosii magistrati (quasi esclusivamente donne) che oltre l’80% delle segnalazioni di violenza subita effettuate da donne in sede separativa è falsa, ugualmente finalizzate ad allontare il partner innocente dalla condivisione delle responsabilità genitoriali. Le stesse magistrate hanno altresì pesantemente sanzionato il ruolo dei centri antiviolenza in simili frangenti.

    La PAS non è una definizione coniata dai padri separati americani e italiani, ma una sindrome scientificamente accertata che può essere indotta da qualsivoglia genitore, sia esso padre o madre. Qualche anno fa fece scalpaore la condanna di un padre ad un anno e mezzo di carcere per questo motivo: non si hanno ad oggi notizie di analoghe condanne per le madri che in stragrande maggioranza, essendo perlopiù affidarie, agiscono il medesimo crimine.

    Riguardi lo stalking: nonostante il fattto che gli uomini siano molto meno sensibili a percepire tale comportamento subito come reato, e di conseguenza ad avviare azioni giudiziarie, ad oggi circa un terzo delle querele coinvolgono come imputate delle donne. Il che non è davvero poco. Circa la stessa percentuale è riferibile a reati di violenza fisica e psicologica.

    Infine la pedofilia: dal sito del sacerdote Di Noto ai testi di Loredana Perrone, dai dati forniti dal primario di neuropsichiatria infantile del Bambin Gesù ai quelli di ECPAT (turismo sessuale), emerge come la pedofilia non è un comportamento sessuale deviato agito esclusivamente da maschi ma diffuso tra le donne in misura analoga. Purtroppo in Italia scarseggiano studi approfonditi (per volontà politica? ideologica?….) mentre nei paese anglosassoni esiste una vasta letteraturatura medica, scientifica e criminologica in merito.

    Se si ha veramente a cuore il benessere dei minori occorre sgombrare il campo da croste ideologiche, notizie mistificanti ed intenti strumentalmente politici. In tal mnodo si danneggiano i minori in primis ma anche le donne che si pretende di tutelare.
    In molte se ne sono già accorte e stanno correndo ai ripari. A cominciare dalle urne elettorali.

    Elvia Ficarra

    • Per quanto riguarda le urne elettorali, le stesse sono inquinate da una propaganda violenta falsa e tendenziosa, tutta partigiana a favore di un “genere”, quello maschile. Ma le donne ben presto capiranno la fregatura…
      Il mio appello, gridato a gran voce, a tutte le altre forze politiche, è di ristabilire il livello di verità, a favore non delle donne ma di una giustizia vera, che abbia gli strumenti per valutare attentamente caso per caso, senza pregiudizi di “genere”, tipici di certe forze politiche, e soprattutto a tutela dei bambini.
      Che in virtù di questi disegni di legge, che ho letto molto attentamente, diventerebbero delle palle da biliardo senza fissa dimora, frastornati da un continuo palleggiare da una casa all’altra, solo per aiutare i “POVERI PADRI” a non pagare più gli assegni di mantenimento. E se “osano” avere dei problemi ad incontrare padri indegni, vengono pure puniti con l’allontanamento dalla madre e dalle persone che veramente li amano e schiaffati in lager chiamati “case famiglia” per mesi o anni. Unìesperienza che li segnerà per la vita.
      Sempre in base a queste proposte di legge, le madri sarebbero tutte pazze e criminali (ho letto i fantomatici sintomi della PAS, praticamente utilizzabili strumentalmente in qualsiasi situazione contro le madri), guai se osano pensare di rifarsi una vita: già devono pagare col sangue il grave disonore che hanno fatto subire a questi poveri maschi, costretti a subire il disonore di essere stati lasciati…da una “femmina”!!! Quindi obbligate ad andare in mediazione, perchè hanno scelto di separarsi, ma è evidente che si tratta di un grave errore dovuto alla loro deficienza mentale, in quanto donne.
      L’unica cosa sensata che ho trovato è l’ascolto del minore, che però è solo accennato e non regolamentato e dunque assolutamente non sufficiente a garantire il minore.E la proposta di togliere di mezzo i Tribunali dei minori.Che non sono in grado di gestire queste situazioni e lo fanno male.
      I genitori che si separano attraversano un periodo molto doloroso e complicato: andrebbero supportati, non fustigati. E MAI andrebbero puniti i bimbi.
      A proposito, io, anche per le posizioni espresse da certe forze politiche contro le donne, NON VI HO VOTATO.

  2. Lo sappiamo: ci sono padri che si disinteressano dei figli e madri che usano i figli come arma di ricatto nei confronti dei padri. Ma LA LEGGE deve essere un rimedio a queste situazioni; deve “aiutare” i padri e le madri ad assumersi le proprie responsabilità genitoriali. La legge non deve mai giungere a GHETTIZZARE UN GENITORE, a umiliarlo e spingendolo spesso verso la morte civile e/o fisica. MAI!

Si informano gli utenti che alcune immagini presenti su questo blog sono state trovate su internet e liberamente riprodotte. Chiunque voglia rivalerne la paternità/maternità, può inviare un' email a: comunicazionedigenere@email.it
Le immagini verranno immediatamente tolte dal blog. Legge nr. 62 DEL 07.03.2001


Ogni commento postato in questo blog è soggetto a moderazione prima della sua pubblicazione.
"Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001"

copyright

Creative Commons License
Questo opera di http://comunicazionedigenere.wordpress.com/ è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia. Questo blog è l'originale, nato nel 2009, diffidate dalle imitazioni e sopratutto da blog che presentano le url http://comunicazionedigenere.net e http://comunicazionedigenere.com che sono CLONI e non appartengono a noi poiche' riportano tematiche antifemministe e sono stati creati a nostro danno.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: